• Pagina non alterabile
  • Informazioni
  • Allegati


Problemi in questa pagina? Segnalali in questa discussione

Introduzione

La presente è una guida (non esaustiva) contente consigli per utilizzare Ubuntu, una derivata o un altro sistema GNU-Linux, su computer vecchi oppure poco prestanti (da ora computer poco prestanti).

Generalmente parlando, la veloce obsolescenza dei prodotti informatici, dovuta soprattutto al rapido progresso tecnologico in questo campo, comporta un impiego di risorse hardware sempre maggiore, anche per compiti di uso comune (come ad esempio la navigazione Internet).
Un'opinione generalmente diffusa ritiene che i sistemi GNU-Linux siano adatti per mantenere utilizzabili vecchi dispositivi, che altrimenti cadrebbero in disuso.
Ciò è in parte vero. Infatti i sistemi GNU-Linux, data la loro scalabilità, possono essere un'ottima soluzione per l'utilizzo e la rimessa in funzione di computer poco potenti (trashware), previa adozione di alcuni accorgimenti.

Alcune delle informazioni contenute in questa guida possono ritenersi utili anche per dispositivi che hanno prestazioni limitate, indipendentemente dall'età, come ad esempio i netbook, i single-board computer quali il RaspberryPi e prodotti simili, i vecchi Apple Macintosh PowerPC.

Molte guide presenti sulla documentazione wiki contengono sezioni, paragrafi, istruzioni, note, avvertimenti e consigli pensati per computer poco prestanti.

Operazioni preliminari

Stabilire se il computer è poco prestante

Non è possibile indicare un'età precisa in base alla quale stabilire se un computer può considerarsi obsoleto o «poco prestante». Ciò è dovuto all'enorme varietà di computer che sono stati messi in commercio nel corso degli anni, anche contemporaneamente (differenti per potenza di calcolo, memoria dei computer, tipologia ecc.).

Un'indicazione molto approssimativa riferita ad un uso domestico o d'ufficio (navigazione Internet, scrittura documenti, elaborazione fogli di calcolo, multimedia, semplici operazioni di grafica/fotoritocco ecc.) potrebbe essere:

  • dopo 5-10 anni per computer di fascia medio-alta.

  • dopo 2-5 anni per computer di fascia bassa.

La seguente tabella può aiutare a stabilire se un computer è o non è poco prestante: se almeno una delle specifiche è compresa tra due colonne, l'intero computer deve considerarsi appartenente alla categoria più a destra.

Obsoleto

Sicuramente poco prestante

Probabilmente poco prestante

Punteggio PassMark CPU

260

1000

2000

Memoria RAM

196 MiB

1 GiB

2 GiB

Memoria della scheda video

64 MB, anche se dedicata

128 MB, anche se dedicata

Ricognizione dell'hardware

Specialmente in presenza di computer datati, è di fondamentale importanza esaminare il computer per identificare lo stato di usura dei vari componenti. Nei casi più comuni può essere utile:

  • verificare la presenza di polvere accumulatasi all'interno del computer (in particolare nelle ventole), procedendo ad eventuale pulizia.
  • verificare lo stato della pasta termica sulla cpu, procedendo con l'eventuale sostituzione.
  • controllare lo stato di efficienza dell'hard disk (consultare questa guida per ulteriori informazioni).

  • effettuare un test della RAM (utilizzare la funzione MemTest disponibile in una qualsiasi live di Ubuntu o derivata).

Per i primi due punti, si consiglia di consultare i manuali o le guide relative al disassemblaggio del proprio computer. In alternativa, specie se non si hanno sufficienti competenze, far eseguire le operazioni ad un tecnico specializzato. Eseguire in maniera scorretta queste procedure potrebbe compromettere il funzionamento dell'hardware.

Quando possibile, può essere preso in considerazione un upgrade dell'hardware, ad esempio:

  • aumentando la memoria RAM.
  • sostituendo il processore con uno più performante.
  • sostituendo l'hard disk meccanico con uno più capiente e/o performante, oppure con un SSD.

Prima di eseguire le suddette operazioni è fortemente raccomandato informarsi sulla compatibilità dell'eventuale nuovo componente hardware e valutare caso per caso il rapporto costi/benefici.

Decidere la destinazione d'uso

Nell'utilizzare un computer poco prestante per uso domestico o ufficio si tenga presente che:

  • La navigazione Internet risulterà difficoltosa con meno di 1 GiB di RAM, in particolare aprendo più schede del browser.
  • La riproduzione di alcuni contenuti multimediali, come ad esempio video in h265, potrebbe non essere possibile.

  • L'esecuzione in multitasking di più applicazioni contemporaneamente potrebbe portare ad un notevole calo di prestazioni.

Pertanto, in alcuni casi, potrebbe essere preso in considerazione un utilizzo alternativo del computer poco prestante (compatibilmente con le sue prestazioni). Alcuni esempi possono essere i seguenti:

Anche in questo caso valutare caso per caso in base al rapporto costi/benefici (es.: un vecchio computer adibito a server potrebbe comportare un elevato consumo energetico).

Scelta del sistema operativo

Come orientarsi

Per la scelta del sistema operativo da installare non è possibile fornire istruzioni valide per tutti i computer poco prestanti. Si possono però definire due criteri generici per orientarsi nella scelta del sistema:

  • Limiti tecnici: possono variare molto in base ai requisiti hardware dei vari sistemi e alle prestazioni dei singoli dispositivi.

  • Esigenze e preferenze degli utenti

Pertanto il consiglio generale è di procedere per tentativi, effettuando test e sperimentando personalmente, quindi decidere di conseguenza. Nella maggior parte dei casi è preferibile provare il funzionamento del computer con diversi sistemi operativi, in ordine decrescente in base ai requisiti hardware.

Inoltre nella scelta del sistema operativo tenere presente che:

  • Molti vecchi computer non supportano l'architettura 64 bit. Per controllare se il processore in uso supporta il set di istruzioni a 64 bit consultare questa pagina. Se il processore non lo supporta sarà necessario installare la versione a 32 bit.

  • Non è mai consigliabile installare un sistema operativo fuori supporto, tranne che in rarissimi casi. Per un elenco delle versioni di Ubuntu supportate, leggere questa pagina.

Esempi pratici

Di seguito sono forniti alcuni consigli molto indicativi e generici su quali sistemi installare in base al livello di prestazioni stabilito precedentemente:

Categoria hardware

Derivate di Ubuntu

Altri sistemi GNU/Linux

Probabilmente poco prestante

Ubuntu MATE, Xubuntu

Debian o altre distribuzioni con ambiente grafico MATE o Xfce.

Sicuramente poco prestante

Lubuntu

Debian o altre distribuzioni con ambiente grafico LXDE, LXQt o OpenBox, antiX, BunsenLabs

Obsoleto

BunsenLabs, Tiny Core, SliTaz, Puppy Linux e altre distribuzioni leggere

Accorgimenti per l'installazione

Leggere questa guida per scegliere la dimensione ottimale della partizione di swap.
Inoltre, la consultazione delle seguenti pagine potrebbe essere utile qualora non si riesca ad avviare o a portare a termine la normale installazione di Ubuntu:

  • Installazione alternate: consigliata per installare Lubuntu su sistemi con meno di 320 MiB di memoria RAM.

  • CD minimale: tipo di installazione non grafica, utile su macchine con RAM inferiore ai 700 MB e per creare un sistema altamente personalizzato adatto per pc poco prestanti.

  • Installazione Netboot da rete: come installare Ubuntu attraverso un'immagine Netboot avviabile da GRUB.

  • Installazione Fake PAE: installazione su vecchi computer con processori Pentium M privi di supporto PAE.

  • Avvio del supporto di installazione: guida che contiene informazioni utili per avviare CD/DVD o chiavetta USB di installazione di Ubuntu, anche nei vecchi sistemi BIOS e/o che non supportano il boot da CD/DVD o USB.

Ottimizzare il sistema

Modificare il parametro di swappiness

In computer dotati di poca memoria RAM è normale assistere a rallentamenti del sistema causati dall'uso frequente della memoria swap.

Per limitare questo inconveniente è sufficiente modificare il valore di swappiness seguendo le indicazioni di questa guida.

Comprimere il contenuto della RAM

È possibile comprimere il contenuto della RAM, permettendo al sistema di utilizzare più memoria ed eseguire contemporaneamente più operazioni. In questo modo si può velocizzare in parte il sistema e di ritardare l'uso della swap. I migliori risultati si ottengono se si possiede al più 1GiB di RAM.
Tuttavia ciò può comportare un lieve rallentamento delle prestazioni di punta, per via delle operazioni di compressione e decompressione.

Per abilitare questa opzione installare il pacchetto zram-config.

Si consideri che zram grava sull'uso della CPU, per cui è preferibile avere processori sufficientemente prestanti per questo scopo, o che non vengano eccessivamente stressati nelle attività di utilizzo più comuni per l'utente. In ogni caso, se non si dovessero notare miglioramenti, disinstallare zram-config.

Trasferire il carico della CPU alla GPU

In alcune configurazioni hardware è possibile trasferire parte del processo della decodifica video e della post-elaborazione video alla GPU della scheda video. Per farlo seguire la relativa guida.

Abilitare la cache dell'unità di archiviazione

Le unità di archiviazione hanno una porzione di RAM interna che permette di aumentarne le prestazioni. È possibile attivarla a due livelli.
Il primo abilita solo la lettura della cache, in modo tale che i dati lì presenti, quando richiesti dal sistema, vengano prelevati dalla cache stessa anziché dal supporto di archiviazione, migliorando quindi tempi di accesso e di lettura.
Il secondo livello abilita la cache anche in scrittura (è consigliabile abilitare solo con dispositivi muniti di batteria o gruppo di continuità). Questo permette di trasferire in modo più rapido il file nell'unità, la quale poi gestirà in autonomia il trasferimento del file dalla cache alla memoria non volatile dell'unità d'archiviazione. Ciò permetterà di liberare più rapidamente la macchina dall'operazione di trasferimento o salvataggio delle informazioni.

A tale scopo seguire le istruzioni descritte di seguito.

  1. Avviare lo strumento Dischi.

  2. Selezionare l'unità d'archiviazione desiderata, premere il tasto delle impostazioni e selezionare la voce Impostazioni unità.

  3. Nella scheda Cache scrittura abilitare l'opzione Applicare impostazioni per la cache in scrittura per attivare il primo livello. Per attivare anche il secondo livello selezionare dal menu a tendina la voce Abilita cache in scrittura.

Accorgimenti per i programmi

Alternative leggere ai software più comuni

Per una panoramica delle alternative leggere ai software più comuni consultare questa guida.

Ottimizzare i programmi più comuni

A seconda delle prestazioni del computer, è possibile configurare alcuni programmi più comuni affinché venga ridotto il carico sul sistema.

Browser

  • In alcune configurazioni hardware può essere utile abilitare l'accelerazione hardware, trasferendo così parte del carico di sistema durante la navigazione dalla CPU alla GPU, limitando sensibilmente anche l'uso della memoria RAM.
    A tal fine seguire le istruzioni delle seguenti guide, in base al browser utilizzato:

  • In alcuni casi può essere utile bloccare alcuni contenuti non necessari durante la navigazione (pubblicità, pop-up ecc.). Questa funzionalità è integrata in alcuni browser, come ad esempio Opera, mentre necessita di componenti aggiuntivi in Firefox (ad esempio uBlock Origin).

Libreoffice

Per impostare LibreOffice affinché utilizzi minori risorse hardware seguire le indicazioni di questa pagina.

YouTube

Computer con poco prestanti potrebbero non essere in grado di permettere la fruizione dei video su YouTube, nemmeno utilizzando i driver proprietari della scheda grafica, se presenti (una causa potrebbe essere, ad esempio, l'assenza del supporto del set di istruzioni SSE2 nelle vecchie CPU).

In alcuni casi è possibile ovviare a questo problema utilizzando altri programmi, fra cui

  • SMTube (client per il sito YouTube disponibile per versioni sia a 32 bit che 64 bit);

  • Minitube (client per il sito YouTube per versioni a 64 bit);

  • Un player multimediale che supporti lo streamig via rete inserendo l'URL del video (ad esempio VLC).

Ulteriori risorse


CategoryHardware CategoryInstallazioneSistema