• Pagina non alterabile
  • Informazioni
  • Allegati


Problemi in questa pagina? Segnalali in questa discussione

Cos'è un formato libero?

Contrariamente ai formati proprietari, i formati liberi hanno la caratteristica di poter essere utilizzati e distribuiti senza alcuna restrizione legale. Vale a dire che non sono soggetti a restrizioni dovute a brevetti o copyright e quindi all'obbligo di royalty o limitazioni d'uso.
Grazie a queste caratteristiche possono essere inclusi e distribuiti direttamente all'interno di Ubuntu e derivate ufficiali.

Altro vantaggio è dato dal fatto che le specifiche tecniche vengono sempre rese pubbliche. Questo fa si che un dato formato non sia necessariamente legato ad un unico software per essere riprodotto.
Per questi motivi tutta la comunità del Software Libero incoraggia fortemente l'utilizzo dei formati liberi.

Se si è interessati all'acquisto di dispositivi multimediali, è possibile controllare questo indirizzo per un elenco completo di dispositivi che supportano i formati liberi.

Formati audio

  • Ogg Vorbis: formato audio basato sull'algoritmo di compressione Vorbis di tipo lossy (a perdita di dati). Rispetto al formato Mp3 consente a parità di qualità audio una maggiore compressione. Grandi pregi della compressione Ogg Vorbis sono una maggiore pulizia ed estensione delle frequenze sopra i 16kHz e il supporto al multicanale (si ricorda che Mp3 supporta al massimo la stereofonia).

  • FLAC: algoritmo di compressione audio di tipo lossless (senza perdita di dati) che a differenza di altri formati di compressione, riesce a raggiungere importanti livelli nella compressione, dal 30% al 50%. È un valido sostituto del ben noto formato WAV.

  • Speex: codec di compressione per il parlato utilizzabile per applicazioni VoIP e podcast.

Formati video

  • Ogg Theora: codec video utilizzato nei contenitori ogg in contrapposizione a MPEG4 e WMW. È riuscito qualitativamente a raggiungere la controparte. Nei filmati Theora (in formato .ogv), si utilizza generalmente audio in formato Vorbis, ciò non toglie che non si possa utilizzare liberamente anche FLAC.

  • Dirac: codec video sviluppato dalla BBC.

  • Matroska: formato contenitore multimediale moderno e flessibile che permette sia lo streaming attraverso Internet, sia una ricerca rapida all'interno del file e menù tipo DVD. Supporta numerosissimi formati video, audio e sottotitoli integrati.

  • HEVC (o H265): è uno standard di compressione video erede dell'H.264/MPEG-4 AVC:

    • Ubuntu 16.04 LTS: verificare che siano installati i pacchetti libde265-0 e libx265-79.

    • Rilasci precedenti: digitare i seguenti comandi in una finestra di terminale:

      sudo apt-add-repository ppa:strukturag/libde265
      sudo apt-get update
      • Se si utilizza GStreamer (programmi come Totem):

        sudo apt-get install gstreamer0.10-libde265
      • Per applicazioni che fanno uso di GStreamer 1.0:

        sudo apt-get install gstreamer1.0-libde265
      • Per VLC:

        sudo apt-get install vlc-libde265

        Se il comando precedente non funziona, digitare:

        sudo apt-get install vlc-plugin-libde265

Grafica e desktop publishing

  • OpenDocument: formato entrato in uso con OpenOffice.org 2 e utilizzato da LibreOffice, rappresenta una valida alternativa ai formati utilizzati da Microsoft Office. Tale formato è diventato anche uno standard internazionale (ISO/IEC 26300). Maggiori informazioni possono esere trovate a questo indirizzo.

  • SVG: è un formato per grafica vettoriale sviluppato dal consorzio Web (W3C), il responsabile di molti degli standard per il web (CSS, HTML e PNG). SVG è molto raccomandato come alternativa ai formati proprietari utilizzati da software quali Adobe Illustrator e Corel Draw. Per maggiori informazioni, consultare questa pagina.

  • PNG: formato utilizzato per la rappresentazione di immagini bitmap, in grado di attuare compressioni senza perdita di dati. È inoltre apprezzato per la gestione delle trasparenze.

  • DjVu: formato alternativo al PDF per documenti digitali.

Altro

  • Gstreamer0.10-ffmpeg: questo plugin di GStreamer supporta diversi formati di compressione audio e video tramite l'utilizzo della libreria FFmpeg. Il plugin permette la decodifica di più di 90 formati, tra cui AVI, MPEG, OGG, Matroska, ASF e altri. Il pacchetto è utile se si installano applicazioni che non supportano il pacchetto gstreamer1.0-libav.
    Per installarlo in Ubuntu 14.04, procedere come segue:

    1. Aggiungere il PPA di gstreamer0.10-ffmpeg, digitando i seguenti comandi in una finestra di terminale:

      sudo add-apt-repository ppa:mc3man/gstffmpeg-keep

      sudo apt-get update
    2. Installare il pacchetto gstreamer0.10-ffmpeg digitando il comando seguente:

      sudo apt-get install gstreamer0.10-ffmpeg
  • Pipelight: plugin che permette l'utilizzo di contenuti Silverlight, Flash e Shockwave nel proprio browser.

  • OpenJDK: implementazione libera della piattaforma Java.

Ulteriori risorse


CategoryMultimedia