Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments

Problemi in questa pagina? Segnalali in questa discussione

Introduzione

Fare un backup significa creare delle copie di sicurezza dei dati importanti (file, impostazioni, database, ecc.) e conservarli in un luogo sicuro, di modo che nel caso si verifichino perdite di dati nel computer, sia possibile usare la copia di backup per ripristinarli ed evitare complicate procedure di recupero dei dati.

Un backup del sistema è un'operazione molto importante a fronte di evitare spiacevoli inconvenienti, come quello di dover ripristinare tutta la configurazione delle applicazioni o di perdere tutti i propri documenti, musica, foto e quant'altro.

A volte risulta utile effettuare una cosiddetta clonazione del sistema. La clonazione permette di realizzare copie di backup addirittura di interi dischi o partizioni (compreso l'MBR). Molto spesso i dischi o le partizioni clonate vengono compressi su dischi esterni (oppure interni) in uno o più file, detti "di ripristino", che riproducono esattamente lo stato attuale del disco con configurazioni e dati inclusi. Clonare il sistema potrebbe essere utile anche per l'installazione dello stesso sistema su macchine dalle caratteristiche simili (molto vantaggioso ad esempio per scuole, uffici, grandi aziende ecc.).

In questa pagina verranno introdotti alcuni fra i metodi più comuni su come effettuare il backup del proprio sistema.

Backup con Rsync

Rsync è uno strumento a terminale per il backup locale o remoto. Per informazioni consultare la relativa guida.

È possibile utilizzare Rsync attraverso diverse interfacce grafiche:

  • Sbackup (consigliato): è un applicazione grafica, basata su Rsync, che permette di effettuare un backup del sistema in modo abbastanza facile e del tutto funzionale. Per informazioni consultare la relativa guida.

  • Grsync: semplice interfaccia grafica che permette l'utilizzo delle funzioni principali di Rsync. Per informazioni consultare la la relativa guida.

  • Back in time: è un semplice strumento che utilizza Rsync per compiere backup incrementali. Per informazioni consultare la relativa guida.

  • Déjà Dup: un interfaccia molto semplice per effettuare backup con Duplicity. Supporta la crittografia ed è diventato predefinito da Ubuntu 13.04 (applicazione presente dalle impostazioni di sistema - menu sistema - terza icona). Per informazioni consultare la la relativa guida.

  • Timeshift: è uno strumento che offre funzionalità simili agli strumenti di backup integrati di Windows e MacOS e permette di eseguire snapshot del sistema, ripristinabili in un momento successivo. Per informazioni consultare la relativa guida.

  • Kup-backup: è un semplice strumento con interfaccia basata su KDE. È utile per effettuare backup incrementali con Bup (che usa Rsync per sincronizzare le cartelle) e con supporto sia per il file system locale che archivi esterni connessi tramite USB. Per informazioni consultare la relativa guida.

Programmi che utilizzano lo stesso algoritmo di Rsync:

  • rsnapshot: è un'applicazione a terminale che consente di pianificare backup differenziali di file system locali o remoti, per informazioni consultare la relativa guida.

  • Duplicity: effettua i backup di cartelle creando archivi compressi in formato .tar salvati su destinazioni locali o remote. Utilizza GPG per cifrare o firmare gli archivi in modo da renderli sicuri da tentativi di spionaggio o di modifica. Per informazioni consultare la relativa guida.

Backup con dd

È possibile creare un backup del proprio sistema utilizzando il comando dd.

  • Per creare un'immagine della partizione «/dev/sda1» digitare in un terminale il comando:

    dd if=/dev/sda1 of=nome_immagine.dd
  • Per ripristinarla, digitare in un terminale il comando:

    dd if=nome_immagine.dd of=/dev/hda1

Sostituire i nomi del dispositivo «/dev/sda1» e dell'immagine «nome_immagine.dd» con quelli reali.

Backup tramite gestori partizioni

Dopo aver ripristinato il sistema con i seguenti metodi, potrebbe essere necessario ripristinare GRUB.

  • GParted: guida a GParted. Questo editor di partizioni permette anche di creare backup del sistema clonando intere partizioni (ad esempio su hard disk esterni), in sessione live attraverso la funzione copia/incolla.

  • PartitionManager: guida a Partition Manager. Questo editor di partizioni permette anche di creare backup del sistema clonando intere partizioni (ad esempio su dischi rigidi esterni), in sessione live o un sistema installato su un altro disco rigido, attraverso un'apposita funzione per copiare e ripristinare.

  • Gnome Disks Utility: guida a Dischi, con cui è possibile creare e ripristinare immagini di partizioni o interi dispositivi di archiviazione.

Altri metodi di backup

Clonare un sistema

  • Clonezilla: guida a Clonezilla, che permette di creare il backup del proprio sistema o la clonazione completa di dispositivi di archiviazione.

  • G4L: guida a G4L, una piccola distribuzione GNU/Linux che consente di clonare partizioni.

Altre opzioni

È possibile usare anche altre applicazioni per effettuare il backup del proprio sistema. Per ulteriori informazioni consultare le seguenti risorse esterne:

  • Bacula: questa suite di più programmi permette di creare backup, eseguire ripristini anche attraverso una rete di computer di tipi diversi.

Ulteriori risorse


CategoryAmministrazione