• Pagina non alterabile
  • Informazioni
  • Allegati


Guida verificata con Ubuntu: 14.04 16.04 17.04

Problemi in questa pagina? Segnalali in questa discussione

Introduzione

Per modificare file di testo o per scrivere brevi documenti, Ubuntu mette a disposizione diversi editor di testo.

Di seguito vengono illustrati gli editor preinstallati in Ubuntu e derivate ufficiali, nonché degli editor alternativi.

Editor preinstallati

Segue l'elenco degli editor di testo a interfaccia grafica predefiniti su Ubuntu e derivate ufficiali.

  • Ubuntu, Ubuntu GNOME e Ubuntu Budgie: avviare l'editor di testo predefinito Gedit.
    In alternativa da terminale digitare:

    gedit
  • Ubuntu MATE: avviare l'editor di testo predefinito Pluma, seguendo il percorso Applicazioni → Accessori.
    In alternativa da terminale digitare:

    pluma
  • Kubuntu: avviare l'editor di testo predefinito Kate, seguendo il percorso Menu → Accessori.
    In alternativa da terminale digitare:

    kate
  • Xubuntu: avviare l'editor di testo predefinito Mousepad, seguendo il percorso Menu → Accessori.
    In alternativa da terminale digitare:

    mousepad
  • Lubuntu: avviare l'editor di testo predefinito Leafpad, seguendo il percorso Menu → Accessori.
    In alternativa da terminale digitare:

    leafpad

Aprire un file di testo come utente

Gli utenti possono aprire in lettura tutti i file di testo presenti nel sistema. I file presenti all'interno della Home nella cartella utente possono essere aperti da quest'ultimo sia in lettura e che in scrittura.

Si consiglia la massima cura nell'editare i file di configurazione presenti nella propria Home. Errori di digitazione e cancellazioni involontarie del testo possono compromettere il corretto funzionamento dei software.

Un file di testo può essere aperto nei seguenti modi.

  • Tramite clic diretto del mouse sul documento.
  • Da terminale digitando un comando del tipo:

    editor /percorso/al/file

    sostituendo «editor» con l'editor di testo che si intende utilizzare e «/percorso/al/file» con un file esistente.
    Ad esempio per aprire il file ~/.config/user-dirs.dirs con Gedit il comando è:

    gedit ~/.config/user-dirs.dirs

Aprire file di testo come amministratore

Tramite i privilegi di amministrazione è possibile leggere, scrivere e modificare tutti i file di testo presenti nel sistema, compresi quelli situati all'esterno della cartella utente nella Home.

Si consiglia la massima cura nell'editare i file di configurazione del sistema. Errori di digitazione e cancellazioni involontarie del testo possono compromettere il corretto funzionamento dei sistema operativo.

Un file di sistema può essere aperto con i permessi di lettura e scrittura nei seguenti modi.

  • Tramite clic diretto del mouse sul documento solo se il file manager è stato aperto con i privilegi di amministrazione.

  • Da terminale utilizzando la sintassi vista in precedenza ma anteponendo un comando amministrativo:

    comando-amministrativo editor /percorso/al/file

    Vengono riportati nei seguenti paragrafi i comandi utilizzati a seconda del tipo di editor utilizzato grafico (gli editor visti in precedenza) o testuale.

Comandi per editor grafici

  • gksudo (o gksu): comando comunemente utilizzato su Ubuntu e derivate (ad esclusione di Kubuntu).
    Assicurarsi di aver installato il pacchetto gksu.
    Esempio: aprire con i privilegi di amministrazione e l'editor gedit il file /etc/apt/sources.list:

    gksudo gedit /etc/apt/sources.list
  • kdesudo: comando utilizzato principalmente su Kubuntu.
    Assicurarsi di aver installato il pacchetto kdesudo.
    Esempio: aprire con i privilegi di amministrazione e l'editor kate il file /etc/default/grub:

    kdesudo kate /etc/default/grub
  • sudo -H o sudo -i: per applicazioni a interfaccia grafica il comando sudo necessita di essere lanciato con i parametri -H o -i.
    Esempio: aprire con i privilegi di amministrazione e l'editor mousepad il file /etc/fstab:

    sudo -H mousepad /etc/fstab

    o in alternativa:

    sudo -i mousepad /etc/fstab

    Se il comando è stato lanciato erroneamente senza i parametri -H o -i, per i motivi spiegati qui è possibile che i permessi di alcuni file nella propria Home siano stati sovrascritti e che i file appartengano ora all'utente root. Per ripristinare la corretta configurazione dei permessi seguire la seguente procedura.

Comandi per editor testuali

  • sudo: è il comando utilizzabile con editor testuali (Nano, Vi, Emacs..), cioè visualizzabili direttamente all'interno del terminale. La sintassi del comando ha la seguente forma:

    sudo editor /percorso/al/file

    Supponendo di voler aprire in letture e scrittura il file /etc/fstab tramite l'editor Nano, il comando diviene:

    sudo nano /etc/fstab

Altri editor

Per i sistemi GNU/Linux sono disponibili svariati editor di testo alternativi.

Di seguito sono elencati alcuni con interfaccia grafica:

  • Atom: guida all'installazione di Atom.

  • Sublime Text: guida all'installazione di Sublime Text.

Di seguito vengono elencati altri utilizzabili tramite terminale:

  • Nano: consultare la relativa guida.

  • Vim: consultare la relativa guida.

  • Emacs: consultare la relativa guida.

Per una lista più completa di editor di testo disponibili per Ubuntu (compresi quelli per usi specifici tra cui la programmazione) consultare questa pagina.

Solitamente è possibile aprire i file di testo anche tramite i word processor presenti nelle suite per ufficio più comuni, come ad esempio LibreOffice Writer.

Ulteriori risorse


CategoryProgrammazione CategoryProduttivita