Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments

La newsletter della comunità

Collabora anche tu!

NewsletterItaliana/Materiale/logo_new_newsletter.png

Benvenuta/o alla newsletter della comunità italiana di Ubuntu! Questo è il numero 43 del 2016, riferito alla settimana che va da lunedì 5 dicembre a domenica 11 dicembre. Per qualsiasi commento, critica o lode, contattaci attraverso la mailing list del gruppo promozione.

Notizie da Ubuntu

Installare pacchetti Snap da Ubuntu Software, si può fare!

È disponibile da pochi giorni un aggiornamento di Ubuntu Software - lo strumento per installare i programmi in Ubuntu 16.04 LTS e 16.10 - che consente nuovamente l'installazione dei pacchetti snap. Questa notizia ti sorprende? Ecco un riassunto veloce dell'accaduto.

Ad aprile 2016 è stato rilasciato Ubuntu 16.04 LTS, il quale ha introdotto per la prima volta nel settore "desktop" i pacchetti snap. Questi nuovi pacchetti erano installabili sia tramite Ubuntu Software che tramite terminale. A causa della loro giovane età, molte funzionalità e correzioni sono state aggiunte solo successivamente: ad esempio è ora necessario usare il comando sudo per effettuare il login nell'Ubuntu Snappy Store con un account Ubuntu One (noto anche come Ubuntu Single Sign On) prima di installare i pacchetti snap. Ed è proprio qui che sono sorti i problemi.

Infatti Ubuntu Software non viene avviato con i permessi di amministrazione, quindi per un certo periodo di tempo non è stato più possibile effettuare il login nell'Ubuntu Snappy Store se non tramite terminale. In altre parole, niente più snap da Ubuntu Software. Fortunatamente ora le cose sono cambiate e da pochi giorni è disponibile un aggiornamento che risolve il problema. Per aggiornare Ubuntu Software è sufficiente avviare Aggiornamenti software e installare tutti gli aggiornamenti proposti, quindi riavviare il PC.

Fonte: ubuntu-it.org


Notizie dalla comunità internazionale

Mir non riguarda soltanto Unity 8

La maggior parte delle volte che si sente parlare di Mir è perché viene menzionato insieme a Unity8. Ciò non sorprende, poiché Unity8, la nuova interfaccia utente grafica di Canonical, è il mezzo con cui gli utenti finali interagiscono con il proprio sistema ed è Mir che rende possibile l'esistenza di questa nuova implementazione di ambiente grafico. Unity8 è attualmente utilizzato su telefoni e tablet, ma è disponibile anche come "anteprima" su Ubuntu 16.10 desktop.

Mir non è un'applicazione a sé stante, bensì un insieme di librerie di programmazione. Esistono due modi per utilizzare le librerie Mir: come "client" quando si scrive un'applicazione o come "server" in sede di implementazione di una shell. I client (come accade con X11) utilizzano in genere un kit di strumenti piuttosto che utilizzare Mir (o X11) direttamente. Mir fornisce già supporto disponibile per le librerie GTK, Qt e SDL2. Ciò significa che le applicazioni che utilizzano questi toolkit dovrebbero "semplicemente funzionare" su Mir quando il supporto è abilitato(di default in Ubuntu). In aggiunta, troviamo Xmir: un server X11 che gira su Mir e che permette alle applicazioni basate X di girare direttamente su server Mir.

Il sistema X-Windows fornisce un'astrazione consistente su una vasta gamma di hardware e driver. È alla base di molti ambienti desktop, di altrettanti toolkit per interfacce grafiche e permette loro di lavorare insieme su una vasta gamma di computer. Mir, il sostitutivo di Canonical per X-Windows, oltre ad aumentare il livello di stabilità esponendo soltanto le informazioni necessarie alle applicazioni, è in grado di soddisfare le nuove esigenze di portabilità su dispositivi diversi dai desktop ed è in grado sfruttare appieno l'hardware moderno, come processori grafici e chip di ultima generazione.

Fonte: insights.ubuntu.com

System76 sta lavorando con Canonical sul miglioramento del supporto a HiDPI in Ubuntu

Ingegneri di System76 hanno partecipato ad un incontro con il team Ubuntu Desktop per discutere del supporto a HiDPI in Ubuntu, per la soluzione di alcuni bug, per il ridimensionamento automatico e perché Ubuntu possa riconoscere la presenza di un display HiDPI in modo che possa auto-regolarsi.

Il tutto parte dal lavoro fatto da System 76 sui suoi nuovi computer portatili HiDPI, dove l'interfaccia utente è più chiara, il testo è più nitido, le foto sono più dettagliate, i video possono essere visualizzati sfruttando appieno la grafica 4K. Così come scritto anche da Cassidy James, uno sviluppatore in System76 e co-fondatore di Elementary OS, in un post che spiega HiDPI.

Alcune patch che migliorano il supporto a HiDPI sono in revisione e se ne prevede presto l’arrivo in Ubuntu Per accelerare questo processo i bug di HiDPI in Launchpad vengono etichettati di conseguenza rendendone più facile e proficua la contribuzione ai collaboratori. System76 sta dando un grosso contributo a questo processo, ma molti altri membri della comunità di Ubuntu hanno espresso interesse al lavoro, che sarà probabilmente un punto focale nel prossimo futuro di sviluppo.

Fonte: developer.ubuntu.com


Aggiornamenti e statistiche

Aggiornamenti di sicurezza

Gli annunci di sicurezza sono consultabili nell'apposita sezione del forum.

Bug riportati

  • Aperti: 127822, +117 rispetto alla scorsa settimana.

  • Critici: 412, +3 rispetto alla scorsa settimana.

  • Nuovi: 63353, +77 rispetto alla scorsa settimana.

È possibile aiutare a migliorare Ubuntu, riportando problemi o malfunzionamenti. Se si desidera collaborare ulteriormente, la Bug Squad ha sempre bisogno di una mano.

Statistiche del gruppo sviluppo

Segue la lista dei pacchetti realizzati dal GruppoSviluppo della comunità italiana nell'ultima settimana:

Alessio Treglia

Mattia Rizzolo

Se si vuole contribuire allo sviluppo di Ubuntu correggendo bug, aggiornando i pacchetti nei repository, ecc... il gruppo sviluppo è sempre alla ricerca di nuovi volontari.


Commenti e informazioni

"Noi siamo ciò che siamo per merito di ciò che siamo tutti"
La tua newsletter preferita è scritta grazie al contributo libero e volontario della comunità ubuntu-it. Per metterti in contatto con il Gruppo Social Media o se vuoi contribuire alla redazione di articoli per la Newsletter, puoi scrivere alla mailing list del gruppo promozione.

In questo numero hanno partecipato alla redazione degli articoli:

Licenza adottata

La newsletter italiana di Ubuntu è pubblicata sotto la licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0.

Uscite settimanali

Per ricevere la newsletter direttamente nella tua casella di posta, cambiare le impostazioni di ricezione o annullare la tua iscrizione alla newsletter, consulta questa pagina.
Per tutti i numeri usciti della newsletter, consulta la nostra edicola.


CategoryComunitaNewsletter CategoryComunitaPromozione