• Pagina non alterabile
  • Informazioni
  • Allegati

In questa pagina vengono indicate in dettaglio le linee guida da seguire per la lavorazione.

Come modificare le pagine del wiki

Prima di iniziare a modificare le pagine del wiki, leggete quanto indicato nella Guida del wiki e Corso sull'uso del wiki . All'interno della guida e nelle pagine del corso, troverete tutte le spiegazioni necessarie per utilizzare al meglio questo strumento.

Suggerimento

Se non riesci a leggere le pagine wiki degli articoli, chiedi in mailing list di essere abilitato.

Strumenti di lavoro

Manuali sul wiki

Dei link elencati qui sotto alcuni non sono ufficiali, ma restano comunque strumenti validi per dare supporto al lavoro di traduzione.

Regole e glossari

Dizionari online

  • WordReference, dizionario online Inglese/Italiano e viceversa; non si limita solo all'inglese;

  • The Free Dictionary, dizionario online della lingua inglese;

  • Urban Dictionary, non proprio un dizionario, ma si rivela utile per alcuni termini "slang";

  • Treccani, enciclopedia italiana e vocabolario.

How-To Scribus

  • I comandi fondamentali; un manuale in formato PDF è disponibile all'interno della cartella condivisa del gruppo.

Traduzione degli articoli

Attenzione!

La procedura indicata qui per tradurre gli articoli non è aggiornata, verrà aggiornata quanto prima. Nel frattempo, per ulteriori informazioni chiedere in mailing list!

Gli articoli del numero in traduzione si trovano nella pagina Edizione: in questa tabella viene segnato, in ogni riga, il titolo dell'articolo, il nome del traduttore/revisore/impaginatore che l'ha preso in carico e i vari stati di lavorazione. Se nella colonna Traduzione non è segnato alcun nome, l'articolo potrà essere prenotato. Per prenotarsi l'articolo eseguire le seguente operazioni:

  • modificare la pagina e inserire il proprio identificativo (nella forma NomeCognome) nel campo Traduttore dell'articolo prescelto (vedere come è stato realizzato nelle altre righe della tabella);

  • annotare lo stato di lavorazione nel campo Stato traduzione (è sufficiente inserire il codice descritto nella Legenda della tabella);

  • nel campo Commenta in fondo all'area di testo annotare l'operazione eseguita (ad es. Prenotazione traduzione);

  • salvare la pagina.

Il testo dell'articolo lo si trova nel PDF inglese: il collegamenti per scaricare l'intero file dell'edizione inglese viene indicato di volta in volta in cima alla tabella della pagina Edizione.

In fase di lavorazione dell'articolo il traduttore ponga attenzione a:

  • seguire le linee guida adottate dal Gruppo traduzione;

  • controllare con cura di aver usato la seconda persona plurale (voi) nel tradurre guide ed howto; in alcuni rari casi potrà essere usata la seconda persona singolare; nel dubbio chiedere in mailing list o in canale IRC;
  • eseguire sempre un controllo ortografico del testo;
  • andare a capo quando l'originale inglese lo fa: se tra i vari paragrafi c'è una linea di stacco riportarla anche nella traduzione; in questo modo il lavoro di revisione risulterà maggiormente facilitato e quello di impaginazione più fedele all'originale;
  • In caso di dubbi d'interpretazione del testo, chiedere aiuto in mailing list.

Viene stabilito una scadenza anche per la consegna della traduzione, si consideri che la rivista esce ogni mese e alla traduzione dovranno seguire altre fasi quali la revisione, l'impaginazione e la revisione finale del PDF: ci si regoli di conseguenza.

Finita la traduzione, eseguire le seguenti operazioni:

  • nella pagina Edizione, selezionare la pagina dell'articolo in esame attraverso il link del numero pagina;
  • modificare la pagina, utilizzando il pulsante Modifica del wiki;
  • incollare la traduzione nel paragrafo Traduzione italiana;

  • incollare il medesimo testo anche nel campo Revisione;

  • non usare assolutamente alcuna marcatura del testo come grassetto, corsivo o sottolineato. Il testo deve essere privo di qualsiasi marcatura utilizzata dal wiki;

  • se si desidera lasciare una nota per il revisore sulla traduzione eseguita, si può scriverla nello spazio Note alla traduzione;

  • nel campo Comment in fondo all'area di testo annotare l'operazione eseguita (ad es. Traduzione completata);

  • salvare la pagina;
  • sottoscriversi alla pagina dell'articolo tradotto, in modo da seguire le successive operazioni di modifica della stessa tramite la ricezione di un'email automatica;
  • nella pagina Edizione cambiare il codice di lavorazione dell'articolo da In lavorazione a Completata.

    NB Nel caso in cui il traduttore non abbia più la possibilità di tradurre l'articolo prenotato entro i termini delle scadenza, dovrà:

  • comunicare l'impossibilità a continuare la traduzione dell'articolo direttamente in mailing list, segnalando il titolo dell'articolo che intende abbandonare;
  • nella pagina Edizione, togliere il proprio nome dal campo del traduttore, rendendo quindi l'articolo nuovamente disponibile.

Revisione degli articoli

Nel processo di revisione valgono le stesse linee guida precedenti: si controllano la correttezza della traduzione rispetto al testo originale, la presenza di errori ortografici e l'uso delle giuste convenzioni per la lingua italiana (punteggiatura, tempi verbali, ecc.). La revisione della traduzione avviene solo al termine della traduzione dell'articolo, quando il traduttore avrà apposto il codice Completata nella colonna Traduzione della pagina Edizione. Ci si può prenotare per la revisione anche prima che il traduttore abbia completato il suo lavoro. Per prenotarsi valgono le stesse linee guida indicate per il traduttore, ma inserendo il proprio identificativo nel campo Revisore della tabella.

Durante la lavorazione, in caso di dubbi d'interpretazione del testo, chiedere aiuto in mailing list.

Anche qui viene stabilito un tempo massimo per la consegna della revisione, si consideri che dovranno seguire altre fasi quali l'impaginazione e la revisione finale del PDF: ci si regoli di conseguenza.

Nel modificare la pagina, il revisore dovrà avere cura di:

  • incollare il testo revisionato nell'apposito spazio Revisione, sostituendo il testo eventualmente già presente;

  • inserire gli eventuali commenti per gli altri revisori nel paragrafo Note alla revisione e Errata Corrige presente in ogni articolo;

  • nel campo Comment in fondo all'area di testo annotare l'operazione eseguita (ad es. Revisione completata).

  • salvare la pagina.

I traduttori potranno controllare le correzioni apportate durante la revisione attraverso la Cronologia delle pagine wiki.

Nel caso in cui il revisore non abbia più la possibilità di revisionare l'articolo prenotato entro i termini delle scadenza, dovrà:

  • comunicare l'impossibilità a continuare la revisione dell'articolo direttamente in mailing list, segnalando il titolo dell'articolo che intende abbandonare;
  • nella pagina Edizione, togliere il proprio nome dal campo del revisore, rendendo quindi l'articolo nuovamente disponibile.

Installazione degli applicativi

Nota

L'installazione delle applicazioni Dropbox, Sigil e Scribus sono necessarie SOLO agli impaginatori della rivista.

Scribus, Dropbox e Sigil

La composizione dell'intera rivista viene effettuata con il programma Scribus alla sua versione stabile concordata dal gruppo. L'impaginazione della rivista avviene in modo collaborativo: chiunque tra i membri può dare il suo contributo, anche perché bastano conoscenze abbastanza elementari per utilizzare questa applicazione.

Per la sincronizzazione dei diversi file di lavoro, si usa il servizio di Dropbox con cui è possibile accedere a una cartella condivisa comune. Per accedervi, crearsi un account gratuito al servizio e fare richiesta in mailing list agli amministratori per ottenere l'accesso alla cartella condivisa dell'edizione.

L'edizione Ebook della rivista viene realizzata utilizzando il programma Sigil.

La procedura da seguire per installare correttamente le tre applicazioni, viene descritta in questa pagina.

IRC e Xchat

Oltre alla ML del gruppo c'è la possibilità di avere un supporto immediato e un aiuto veloce per le nostre traduzioni; per far questo ci ritroviamo spesso nel canale IRC #ubuntu-it-fcm, utilizzando un normale client per accedere al server di Freenode.

Nel caso non abbiate ancora installato un software per accedere in IRC, la procedura da seguire per installare correttamente il client IRC Xchat viene descritta in questa pagina.
Oppure potete accedere direttamente via web, utilizzando questo link.

Nella configurazione di connessione del vostro client IRC, inserite questo indirizzo del server: irc.freenode.net/7070, abilitando l'utilizzo della connessione SSL, per avere una connessione protetta. Il canale del gruppo è: #ubuntu-it-fcm.

Impaginazione dell'edizione

Nota

Anche per la prenotazione dell'impaginazione valgono le stesse linee guida precedenti: ci si prenota nella pagina Edizione e si procede alla lavorazione.

Per evitare sovrapposizioni di modifiche, vale a dire per evitare di lavorare contemporaneamente sullo stesso file, si segue sempre questo sistema di coda:

  • ci si prenota nella pagina Edizione inserendo il proprio NomeCognome nella colonna Impaginatore;

  • se ci si appresta a impaginare subito, inserire anche il simbolo /!\ usando il codice macro /!\ nella relativa cella Stato, mentre se l'impaginazione verrà fatta più tardi, lasciate il campo della tabella in bianco;

  • se già esiste un altro simbolo di impaginazione, bisogna attendere che chi ci sta lavorando termini e salvi il suo lavoro;
  • infine, dopo aver completato l'impaginazione dell'articolo, l'impaginatore dovrà cambiare l'icona in (./) usando il codice macro (./) e scrivere nel campo Commento: la descrizione dell'impaginazione effettuata.

Nel caso in cui l'impaginatore non abbia più la possibilità di impaginare l'articolo prenotato entro i termini delle scadenza, dovrà:

  • comunicare l'impossibilità a continuare l'impaginazione dell'articolo direttamente in mailing list, segnalando il titolo dell'articolo che intende abbandonare;
  • nella pagina Edizione, togliere il proprio nome dal campo dell'impaginatore, rendendo quindi l'articolo nuovamente disponibile.

Ricorda

  1. Solo quando si sta effettivamente lavorando all'articolo si può inserire il codice simbolo di lavorazione.
  2. Se si presume di lavorare sull'impaginato solo fra qualche giorno, non inserire nemmeno il tuo nome nella prenotazione, in modo da consentire ad altri di fare prima il lavoro che tu faresti solo successivamente.

Creazione del PDF

La creazione del PDF è effettuata in 3 fasi:

  1. la creazione del PDF da Scribus;
  2. la sua compressione;
  3. l'inserimento dei metadati relativi al numero.

Generare il PDF da Scribus

Dopo aver inserito tutti gli articoli con Scribus, l'impaginatore responsabile dell'edizione Beta creerà la prima bozza in formato pdf per permettere a tutto il gruppo di visualizzare il lavoro completato e poter segnalare eventuali errori sulla mailing-list.

Per la creazione del PDF si osservino le seguenti linee guida:

  • avviare la procedura di Scribus per l'esportazione in PDF;
  • osservare l'eventuale finestra di avviso in cui Scribus segnala anomalie su i font e le sovrapposizioni;
  • se tra queste anomalie viene segnalato Sovrapposizione del testo, fare clic sulla segnalazione e risolvere il problema; questa particolare anomalia indica che il testo è rifluito oltre il box di testo e quindi una sua parte è nascosta: sarà sufficiente farlo rientrare nello spazio dell'articolo;

  • le eventuali altre anomalie, come risoluzione dell'immagine o elementi fuori pagina, possono essere ignorate;
  • nella finestra di esportazione del PDF assegnare come nome issueXX_it_beta1.pdf (dove XX è il numero della rivista) se si tratta di una bozza per il gruppo oppure issueXX_it.pdf se si tratta di quello finale;

  • fare clic sulla scheda Font e premere il pulsante Incorpora tutti;

  • esportare il PDF.

Comprimere il PDF

Una volta creato il PDF, è possibile comprimerlo ulteriormente senza perdere in qualità. Aprire il terminale e raggiungere la directory dove si trova il PDF appena creato. Digitare il seguente comando (in un'unica riga):

gs -sDEVICE=pdfwrite -dCompatibilityLevel=1.6 -dPDFSETTINGS=/ebook -dNOPAUSE -dBATCH -sOutputFile=issueXX_it_compresso.pdf issueXX_it.pdf

dove XX sta per il numero in corso di lavorazione.

Inserire i metadati nel PDF

Nota

Questo passaggio può essere saltato quando si produce la bozza (detta "beta") del PDF per la sola revisione dei testi.

L'inserimento dei metadati ci permette di catalogare meglio i nostri PDF. L'operazione verrà effettuata in due momenti distinti: estrazione dei metadati attuali dal file PDF e reinserimento degli stessi dopo averli modificati. Da terminale lanciare il comando:

pdftk issueXX_it_compresso.pdf dump_data output metadati.txt

Aprire il file metadati.txt con un editor di testo. Si troverà già del testo simile al seguente:

InfoKey: Producer
InfoValue: GPL Ghostscript 9.01
InfoKey: ModDate
InfoValue: D:20110729234943+02'00'
InfoKey: CreationDate
InfoValue: D:20110729234943+02'00'
PdfID0: 683934bd7d54b53cc628ea2f8b5bcc
PdfID1: 683934bd7d54b53cc628ea2f8b5bcc
NumberOfPages: 41

Prima di queste righe aggiungere le seguenti:

InfoBegin
InfoKey: Title
InfoValue: FCM XX italiano
InfoBegin
InfoKey: Subject
InfoValue: Traduzione italiana della rivista Full Circle
InfoBegin
InfoKey: Keywords
InfoValue: GNU/Linux, FCM
InfoBegin
InfoKey: Author
InfoValue: Gruppo FCM

Modificare XX con il numero in corso. Si otterrà così qualcosa del tipo:

InfoBegin
InfoKey: Title
InfoValue: FCM 54 italiano
InfoBegin
InfoKey: Subject
InfoValue: Traduzione italiana della rivista Full Circle
InfoBegin
InfoKey: Keywords
InfoValue: GNU/Linux, FCM
InfoBegin
InfoKey: Author
InfoValue: Gruppo FCM
InfoBegin
InfoKey: Producer
InfoValue: GPL Ghostscript 9.01
InfoBegin
InfoKey: ModDate
InfoValue: D:20110729234943+02'00'
InfoBegin
InfoKey: CreationDate
InfoValue: D:20110729234943+02'00'
PdfID0: 683934bd7d54b53cc628ea2f8b5bcc
PdfID1: 683934bd7d54b53cc628ea2f8b5bcc
NumberOfPages: 41

L'ordine degli attributi possono variare, potrebbero anche essercene altri; non è importante. Se ci sono attributi con lo stesso nome è meglio sostituirlo.
Salvare il file metadati.txt. Da terminale adesso reinserire i metadati aggiornati col comando:

pdftk issueXX_it_compresso.pdf update_info metadati.txt output issueXX_it.pdf

dove XX è il numero in corso. pdftk non deve restituire alcun output.

Il file issueXX_it.pdf è adesso pronto per la pubblicazione.

Revisione del PDF (BETA)

Una volta creato il PDF per la revisione dei testi, lo si condivide tramite Dropbox e si annuncia in mailing list il suo link. Ciascun traduttore potrà aprire il file utilizzando il proprio programma preferito per la lettura dei PDF e segnalerà in mailing list le sue correzioni; nel caso non ci fossero errori nell'articolo, provvederà ad inserire il codice OK nella colonna BETA OK della pagina edizione del wiki. Nel caso in cui vi fosssero ancora degli errori o refusi, l'OK verrà inserito solo al termine della revisione dell'articolo presente nell'edizione Beta PDF, cura dello stesso traduttore.

Il metodo preferito utilizzato per la segnalazione degli errori è quello di usare Okular, in quanto questo applicativo ha un sistema di annotazione del PDF che consente di esportarlo e condividerlo con le proprie segnalazioni. Non appena il traduttore ha inserito le proprie note, dovrà:

  1. esportarlo (da Okular: File > Esporta come > Archivio di documento) su un servizio di file hosting, come Dropbox;

  2. annunciare il link nel thread apposito della mailing list.

Nota

Su Youtube c'è il video FCM 04 - Correggere FCM con Okular che spiega come inserire le proprie note e come esportarle.

Creazione del file DjVu

Il formato di file DjVu è un formato simile al PDF ma con una compressione migliore. Il Gruppo FCM offre la rivista anche in questo formato. La sua creazione è estremamente semplice e comporta un solo comando da terminale.

Dopo aver creato il file PDF finale, comprensivo di metadati aggiornati, lanciare il comando:

pdf2djvu -o issueXX_it.djvu --verbatim-metadata issueXX_it.pdf

dove XX è il numero in corso. Il sistema dal PDF genererà il DjVu in poco tempo.

Impaginazione dell'eBook (epub)

Il formato ePub è un formato diventato standard nel 2007 specifico per la distribuzione di libri digitali. Definito dalla specifica ISO/IEC TS 30135 è pensato per soppiantare il formato Open eBook.

Metadati

I metadati sono falcimente modificabili da Sigil attraverso il menu Tools > Metadata Editor (F8).
Usare questi valori:

Title: Full Circle Magazine #XX - Italiano
Author: Gruppo FCM Italia
Language: Italian

(sostituendo XX con il numero dell'edizione in corso).
Nel caso si stia impaginando un'edizione speciale:

Title: Speciale BlaBlaBla - Volume X - Full Circle Magazine
Author: Gruppo FCM Italia
Language: Italian

(anche in questo caso sostituendo opportunamente)

Pubblicazione dell'edizione

Una volta terminata la revisione delle bozze e creata la versione definitiva in formato PDF, ne verrà dato annuncio in mailing-list e uno degli amministratori invierà i file previsti a fullcirclemagazine.org.

Riguardo alla modalità di invio dei file a fullcirclemagazine.org, i vari responsabili di questo compito saranno di volta in volta istruiti.

Uno degli amministratori, provvederà successivamente ad aggiornare la pagina del wiki internazionale, inserendo la voce Complete all'edizione in lavorazione e aggiungendo alla successiva edizione tutto il paragrafo riguardante il gruppo di lavoro; nel paragrafo dell'edizione successiva verrà inserita la voce Start come indicazione della lavorazione.

Ricorda

La pubblicazione della traduzione italiana della rivista su altri siti è autorizzata solo dopo l'avvenuta pubblicazione sul sito di fullcirclemagazine.org.

Passaggi per la pubblicazione di PDF, ePub e DjVu

Preparati i file, i passaggi da seguire in sequenza per la loro pubblicazione sono i seguenti:

  1. inviare i tre file a un servizio di hosting (attualmente su Altervista);
  2. inviare il solo file PDF a fullcirclemagazine.org utilizzando l'account dedicato al Gruppo FCM per la pubblicazione diretta;
  3. inviare il file PDF a un servizio che permetta di sfogliare online il PDF senza la necessità di scaricarlo (attualmente si utilizza Scribd) e prendere nota del codice di embedding;

  4. modificare la pagina del blog dedicata alla visione online del PDF e aggiornare il codice di embedding con quello appena copiato; ricordarsi anche di aggiornare il numero del PDF in corso;
  5. creare un nuovo post nel blog duplicandone uno già esistente, aggiornare i numeri del PDF e il sommario e pubblicarlo.

Archiviazione dell'edizione

Completata in tutte le fasi la lavorazione di un numero:

Assegnazione del contributo

Dopo aver terminato il proprio contributo al numero in traduzione, apporre un segno di spunta nella colonna corrispondente al proprio nome della tabella Contributi. Il segno si inserisce scrivendo (./).

Creazione degli Speciali

Gli Speciali sono dei numeri monotematici che Full Circle pubblica periodicamente. Spesso si tratta di raccolte di articoli già pubblicati in diversi numeri precedenti e riuniti sotto un unico tema.

Per crearli ex novo, è sufficiente estrarre i testi dai vari PDF le pagine interessate e riunirle sotto un unico file PDF. Gli strumenti occorrenti sono pdftk e gs (ghostscript).

La procedura è semplice e richiede tre passaggi utilizzando il terminale. È caldamente consigliato effettuare un quarto passaggio per ridurre le dimensioni del PDF senza perdere qualità.

Estrazione delle pagine

Aprire il terminale e posizionarsi nella directory dove si trova il PDF da cui estrarre le pagine. Dare:

pdftk sorgente.pdf cat 7-11 output destinazione.pdf

dove sorgente.pdf è il nome del file da cui si vogliono estrarre le pagine e destinazione.pdf è il file su cui verranno estratte. I numeri 7-11 sono il range di pagine da estrarre.

Ripetere la procedura per ogni range di pagine da estrarre.

Copertina e colophon

Per rifinire il PDF si è soliti aggiungere una copertina e un colophon. Questi due file andranno creati separatamente in Scribus ed esportati in PDF (un unico file contenente due pagine).

Unione dei file PDF

Finita l'estrazione dei vari gruppi di pagine, si avranno tanti file PDF quanti sono i gruppi estratti + quello di copertina e colophon. Per riunirli basta dare:

pdftk copertina-colophon.pdf destinazione1.pdf destinazione2.pdf destinazione3.pdf cat output riuniti.pdf

cambiando ovviamente i nomi dei file con quelli reali. L'ordine con cui i file vengono dati in pasto a pdftk sarà l'ordine in cui appariranno nel PDF.

Riduzione delle dimensioni del PDF finale

Una volta ottenuto il file riuniti.pdf, lo si potrà ridurre in termini di dimensioni con questo comando:

gs -sDEVICE=pdfwrite -dCompatibilityLevel=1.5 -dPDFSETTINGS=/ebook -dNOPAUSE -dBATCH -sOutputFile=finale.pdf riuniti.pdf


CategoryComunitaFcm