• Pagina non alterabile
  • Informazioni
  • Allegati


Guida verificata con Ubuntu: 14.04

Problemi in questa pagina? Segnalali in questa discussione

Introduzione

LightDM è il display manager predefinito in Ubuntu e in gran parte delle sue derivate. Ha sostituito altri display manager come GNOME Display Manager (GDM) e Lxdm.

Viene avviato immediatamente dopo il caricamento del sistema all'avvio, gestendo il login grafico tramite il server X. Serve inoltre per gestire l'accesso degli utenti al sistema e per altre opzioni, fra cui la scelta dell'ambiente desktop. Le principali caratteristiche di LightDM sono:

  • assenza di dipendenze da Gnome;

  • uso di WebKit per il rendering dei temi;

  • supporto a GTK e Qt;
  • possibilità di personalizzazione del tema, detto Greeter.

La guida espone le procedure di installazione e configurazione valide per il tema Unity Greeter (di default in Ubuntu) e GTK Greeter (di default in Lubuntu, Xubuntu, Ubuntu MATE e altri). Tratta in paragrafi distinti le procedure attraverso tool grafici, modalità manuale (cioè modificando i file di configurazione attraverso un editor di testo) e attraverso terminale (non più disponibile dalla versione 14.04).

Installazione

Come detto in precedenza, LightDM si trova preinstallato in Ubuntu. Tuttavia in alcuni casi potrebbe esserne necessaria l'installazione (su sistemi minimali, per sostituire un display manager differente ecc.).

  1. Installare il pacchetto lightdm.

  2. Se già presente un altro display manager, bisogna inoltre impostare LightDM come predefinito. Digitare quindi i seguenti comandi in un terminale:

    sudo dpkg-reconfigure lightdm

    e selezionare LightDM nella schermata successiva.

Al riavvio LightDM comparirà nella schermata di login.

Per ottimizzare l'utilizzo di LightDM potrebbe essere utile installare anche il pacchetto relativo al tema grafico (installare preferibilmente il Greeter predefinito del principale ambiente DE presente nel sistema). Consultare a tal proposito il relativo paragrafo.

Configurazione in modalità grafica

Ubuntu

Non esistono tool grafici preinstallati per modificare LightDM. Tuttavia a tale scopo è possibile abilitare gli strumenti dconf-Editor o in alternativa Ubuntu Tweak (quest'ultimo di terze parti).

dconf-Editor

  1. Installare il pacchetto dconf-editor, se assente nel proprio sistema.

  2. Digitare in sequenza i seguenti comandi in un terminale:

    sudo -i

    xhost +SI:localuser:lightdm

    su lightdm -s /bin/bash
  3. Avviare dconf-Editor.

  4. Nella tab di sinistra selezionare il percorso com → canonical → unity → unity-greeter.

  5. Nella tab di destra apportare le modifiche desiderate nelle sezioni di proprio interesse.

Ubuntu Tweak

  1. Installare Ubuntu Tweak, se assente nel proprio sistema.

  2. Avviare Ubuntu Tweak.

  3. Nella scheda Ottimizzazione selezionare Avvio → Impostazioni d'accesso.

  4. Premere il tasto Sblocca, inserire la password e apportare le modifiche desiderate nelle sezioni di proprio interesse.

Kubuntu 14.04

Accedere a Impostazioni di sistema → Amministrazione di sistema → Schermata d'accesso (LightDM).

Xubuntu, Ubuntu MATE, Ubuntu GNOME, Lubuntu

È possibile modificare l'aspetto di LightDM tramite l'apposito tool grafico LightDM GTK+ Greeter Settings, presente nel Gestore delle impostazioni a partire dalla versione 15.04.
Nelle versioni 14.04 e successive è possibile installarlo, se assente. Di seguito le istruzioni per l'installazione.

Versione 15.10

Installare il pacchetto lightdm-gtk-greeter-settings.

Versione 14.04

  1. Attivare il repository ppa:kalgasnik/ppa digitando il seguente comando in un terminale:

    sudo add-apt-repository ppa:kalgasnik/ppa && sudo apt-get update
  2. Installare il pacchetto lightdm-gtk-greeter-settings.

Qualora non fosse possibile apportare le personalizzazioni desiderate attraverso i tool grafici sopra descritti, seguire le istruzioni per la configurazione manuale nei paragrafi successivi.

Configurazione con editor di testo

Prima di apportare modifiche di seguito indicate, si raccomanda di salvare preventivamente una copia di backup dei file interessati.

Le configurazioni di LightDM sono contenute nei i seguenti file:

  • /usr/share/lightdm/lightdm.conf.d/*.conf

  • /etc/lightdm/lightdm.conf.d/*.conf

  • /etc/lightdm/lightdm.conf

Salvo diversa indicazione, le modifiche ai parametri indicate di seguito, vanno eseguite modificando il file /etc/lightdm/lightdm.conf tramite un editor di testo aperto con i privilegi di amministrazione.

Un esempio del suddetto file, privo di particolari configurazioni, può essere il seguente:

[SeatDefaults]
greeter-session=unity-greeter
user-session=ubuntu

L'elenco completo dei parametri modificabili è disponibile nel file contenuto nell'archivio /usr/share/doc/lightdm/lightdm.conf.gz.

Disabilitare la sessione Ospite

Di default LightDM permette l'accesso temporaneo con sessione Ospite. È possibile disabilitare questa funzione aggiungendo la seguente riga al file di configurazione:

allow-guest=false

Nascondere la lista utenti

Unity Greeter e altri temi mostrano la lista degli account utente presenti. È possibile disabilitare questa funzione inserendo la riga:

greeter-hide-users=true

Impostare il login manuale

Per impostare la digitazione manuale del nome dell'utente con il quale si desidera accedere, inserire la seguente riga:

greeter-show-manual-login=true

Login automatico

Per configurare l'accesso automatico al sistema per un determinato utente, aggiungere la riga:

autologin-user=username

sostituendolo la dicitura username con il nome dell'utente desiderato. Questa impostazione è possibile anche per l'account ospite con il parametro:

autologin-guest=true

È inoltre possibile impostare un tempo di attesa prima che venga eseguito il login automatico, indicandone anche la durata (espressa in secondi). Ad esempio, per impostare un tempo d'attesa di 10 secondi:

[SeatDefaults]
autologin-user=username
autologin-user-timeout=10

Login automatico in Xfce

Nelle derivate basate su Xfce l'auto login può essere configurato modificando uno tra questi due file:

  • lightdm.conf in /etc/lightdm

  • 10-xubuntu.conf in /etc/lightdm/lightdm.conf.d

Se non presenti vanno creati con i privilegi di amministrazione.
Un file tipo per l'auto login può essere:

[SeatDefaults]
autologin-guest=false
autologin-user=NOMEUTENTE
autologin-user-timeout=0
autologin-session=lightdm-autologin

Impostare la sessione predefinita

È possibile modificare la sessione desktop predefinita modificando il parametro user-session. Ad esempio, per sostituire Unity con Openbox, modificare:

user-session=ubuntu

in:

user-session=Openbox

Il nome della sessione corrisponde al nome del file indicato in /usr/share/xsessions esclusa l'estensione .desktop. Tuttavia spesso questa possibilità è disponibile direttamente da login grafico.

Tema grafico

Il greeter predefinito è impostato nel parametro greeter-session. Ad esempio in Ubuntu è:

greeter-session=unity-greeter

Per modificare il tema del greeter:

  1. Installare il relativo pacchetto.

  2. Modificare il parametro succitato in /etc/lightdm/lightdm.conf.

La lista dei temi grafici disponibili è presente in /usr/share/xgreeters. È possibile installare temi Greeter sia da repository ufficiali sia da sorgenti esterne (ad esempio quello di Pantheon di default in elementary OS). Inoltre è possibile ottenere un elenco dei temi disponibili digitando da terminale:

apt-cache search lightdm |grep -E 'greeter|theme'

Il risultato sarà simile al seguente:

unity-greeter - Unity Greeter
lightdm-gtk-greeter - simple display manager (GTK+ greeter)
lightdm-webkit-greeter - LightDM Webkit Greeter
mythbuntu-lightdm-theme - Mythbuntu LightDM setup
ubuntustudio-lightdm-theme - UbuntuStudio LightDM theme
lightdm-kde-greeter - schermata di benvenuto di LightDM per KDE
razorqt-lightdm-greeter - LightDM greeter for Razor-qt desktop environment

Cambiare sfondo

Di default LightDM applica come sfondo lo stesso utilizzato nella Scrivania dall'utente selezionato nella schermata di login. La modifica di tale comportamento segue differenti procedure a seconda del Greeter in uso.

Unity Greeter

  1. Modificare come segue il file /usr/share/glib-2.0/schemas/10_unity_greeter_background.gschema.override:

    [com.canonical.unity-greeter]
    draw-user-backgrounds=false
    background='/percorso immagine/sfondo.png'

    sostituendo la dicitura /percorso immagine/sfondo.png con il percorso dell'immagine che si intende utilizzare.

  2. Per applicare le modifiche digitare in un terminale:

    sudo glib-compile-schemas /usr/share/glib-2.0/schemas/

LightDM GTK+

Modificare aprendo con privilegi di amministrazione e con un editor di testo il file /etc/lightdm/lightdm-gtk-greeter.conf e modificare il parametro

background=/percorso immagine/sfondo.png

sostituendo la dicitura /percorso immagine/sfondo.png con il percorso dell'immagine che si intende utilizzare.

Azioni speciali

È possibile impostare LightDM affinché esegua alcuni comandi particolari. Per maggiori informazioni consultare questa pagina.

Configurazione tramite riga di comando

Questa procedura è valida soltanto per Ubuntu 12.04.

  1. Aprire un terminale e creare un file di backup delle attuali configurazioni con il comando:

    sudo cp /etc/lightdm/lightdm.conf /etc/lightdm/lightdm.conf.old 
  2. Digitare il comando:

    sudo /usr/lib/lightdm/lightdm-set-defaults

    per avere un elenco delle opzioni disponibili. Il risultato sarà simile al seguente:

    Usage:
    lightdm-set-defaults [OPTION...] - set lightdm default values
    
    Help Options:
    -h, --help Show help options
    
    Application Options:
    -d, --debug Enable debugging
    -k, --keep-old Only update if no default already set
    -r, --remove Remove default value if it's the current one
    -s, --session Set default session
    -g, --greeter Set default greeter
    -a, --autologin Set autologin user
    -i, --hide-users Set greeter-hide-users to true or false
    -m, --show-manual-login Set show-manual-login to true or false
    -R, --show-remote-login Set show-remote-login to true or false
    -l, --allow-guest Set allow-guest to true or false
  3. Apportare quindi le modifiche desiderate a LightDM ripetendo il comando secondo le indicazioni. Ad esempio, per nascondere l'account Ospite:

    sudo /usr/lib/lightdm/lightdm-set-defaults -l false

    oppure

    sudo /usr/lib/lightdm/lightdm-set-defaults --allow-guest false

Ulteriori risorse


CategoryGrafica