Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments


Guida verificata con Ubuntu: 18.04 20.04 21.04

Problemi in questa pagina? Segnalali in questa discussione

Introduzione

X.org, è un server grafico ovvero un software che regola alcuni aspetti chiave dell'interfaccia grafica. Il suo scopo principale è gestire dispositivi di input e output quali scheda grafica, schermo, tastiera, mouse e altri.

La configurazione di X.org si basa su diversi file di configurazione presenti in vari percorsi. Questa guida illustra quali sono alcuni di questi file e come sono strutturati.

Nella maggioranza dei casi non è necessario intervenire manualmente sui file di configurazione. Piuttosto le impostazioni di periferiche di input e schermi possono essere gestite tramite il Centro di controllo.

Il file xorg.conf

Per impostazione predefinita, il file /etc/X11/xorg.conf non è presente nelle versioni attualmente supportate di Ubuntu.

Alcuni driver video creano il file xorg.conf al momento dell'installazione e possono avere una propria interfaccia grafica per la gestione delle impostazioni video.

Se necessario, l'utente può creare o modificare manualmente il file xorg.conf usando un editor di testo con privilegi di amministrazione. Tali modifiche devono essere fatte in accordo con la documentazione di Xorg e dei driver.

Backup

Prima di intervenire manualmente sul file xorg.conf, è bene farne una copia di backup. A tal scopo digitare nel terminale il seguente comando:

sudo cp /etc/X11/xorg.conf /etc/X11/xorg.conf.bak

La copia di backup così creata potrà essere ripristinata digitando nel terminale il seguente comando:

sudo mv /etc/X11/xorg.conf.bak /etc/X11/xorg.conf

Se il sistema non fosse avviabile a causa di una modifica errata del file xorg.conf, sarà possibile ripristinare la copia di backup da una shell di root in modalità di ripristino.

Struttura

Il file xorg.conf è organizzato in sezioni, ciascuna relativa ad un componente. Segue un esempio della struttura base del file:

Section "Device"
        Identifier     "Identificativo scheda video"
        Driver        "Driver scheda video"
EndSection

Section "Monitor"
        Identifier     "Identificativo monitor"
EndSection

Section "Screen"
        Identifier     "Identificativo screen"
        Monitor       "Identificativo monitor"
        Device        "Identificativo scheda video"
EndSection

Ciascuna sezione può contenere altre voci relative a varie impostazioni ed opzioni. Per informazioni più dettagliate consultare la documentazione di X.org.

L'identificativo dovrebbe essere univoco, ovvero non dovrebbero esistere più sezioni del medesimo tipo con lo stesso identificativo. In caso contrario X.org prenderà in considerazione solo la prima ed ignorerà le successive. Ad esempio, se nel file fossero presenti due sezioni "Monitor" con identificativo "HDMI-1", la seconda verrebbe ignorata.

Analogamente, se in diversi file di configurazione fossero presenti più sezioni del medesimo tipo con lo stesso identificativo, X.org ne prenderebbe in considerazione solo una ignorando quelle presenti negli altri file.

Altri file di configurazione

Tutti i file di configurazione di X.org hanno la stessa struttura del file xorg.conf, come illustrato nel paragrafo precedente, con diversi tipi di sezioni e relative impostazioni ed opzioni.

Il percorso /usr/share/X11/xorg.conf.d/ contiene alcuni file con estensione .conf che costituiscono la configurazione predefinita di X.org generata dal sistema.

Il percorso /etc/X11/xorg.conf.d/ non è presente nelle versioni attualmente supportate di Ubuntu, ma può essere creato manualmente digitando il comando:

sudo mkdir -p  /etc/X11/xorg.conf.d/

All'interno di questo percorso l'utente può creare dei file con estensione .conf per definire delle impostazioni personalizzate di X.org. Tuttavia nella maggioranza dei casi si potrà ottenere lo stesso risultato creando o modificando solo il file /etc/X11/xorg.conf.

Durante l'installazione di alcuni driver possono essere generati ulteriori file di configurazione in altri percorsi. Per un elenco completo dei percorsi utilizzati per i file di configurazione consultare la documentazione di Xorg.

Ulteriori risorse


CategoryHardware