Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments


Questa guida è stata verificata solo con versioni obsolete di Ubuntu, potrebbe non essere più valida. Vuoi contribuire ad aggiornarla? Clicca qui!

Problemi in questa pagina? Segnalali in questa discussione

Introduzione

In questa guida sono contenute le istruzioni utili a configurare VirtualBox e ad abilitare alcune funzionalità aggiuntive.

Tasti rapidi

  • Un-grabbing tastiera e mouse: per passare dalla macchina virtuale al sistema operativo, premere il tasto «Ctrl» destro.

  • Modalità schermo intero: per attivare la modalità a schermo intero, premere Ctrl+f (tasto «Ctrl» destro).

Configurare la quantità di memoria RAM del sistema guest

  1. Selezionare la macchina virtuale desiderata dalla schermata principale di VirtualBox;

  2. Selezionare il menù Impostazioni → Sistema → Scheda madre;

  3. Impostare la quantità di memoria RAM da assegnare al sistema guest.

Abilitare l'accelerazione 3D

  1. Selezionare la macchina virtuale desiderata dalla schermata principale di VirtualBox;

  2. Selezionare il menù Impostazioni → Schermo → Video;

  3. Spuntare la voce Abilita accelerazione 3D.

Abilitare il supporto per Cd/Dvd e immagini ISO

  1. Selezionare la macchina virtuale desiderata dalla schermata principale di VirtualBox;

  2. Selezionare il menù Impostazioni → Archiviazione;

  3. Selezionare Controller:IDE e premere l'icona Aggiungi dispositivo CD/DVD. Verrà aperta una finestra da cui è possibile selezionare il dispositivo che si vuole aggiungere:

    • immagine ISO: premere l'opzione Scegli il disco, quindi selezionare il file .iso da aggiungere;

    • lettore Cd/Dvd: selezionare l'opzione Lascia Vuoto. Selezionare il dispositivo IDE Vuoto, quindi premere l'icona a forma di Cd/Dvd nella scheda Attributi e selezionare il lettore desiderato.

Configurazione USB

  1. Assicurarsi che il proprio utente faccia parte del gruppo di utenti di VirtualBox, digitando il seguente comando in una finestra di terminale:

    groups | grep vboxusers

    nel caso il precedente comando non restituisse alcun risultato, è possibile aggiungere il proprio utente al gruppo vboxusers, digitando:

    sudo adduser $USER vboxusers

    sostituendo la scritta $USER con il proprio nome utente;

  2. Eseguire nuovamente il login della sessione utente per rendere effettiva la modifica;
  3. Se ancora non lo si è fatto, installare l'Extension Pack, il quale fornisce il supporto alle periferiche USB;

  4. Selezionare la macchina virtuale desiderata dalla schermata principale di VirtualBox;

  5. Selezionare Impostazioni → USB, quindi spuntare le opzioni Abilita controller USB e Abilita controller USB 2.0 (EHCI).

Infine, avviare la macchina virtuale e selezionare nella finestra della VM il menù Dispositivi → Dispositivi USB, abilitando dunque il dispositivo desiderato.

Gestione delle guest additions

Le guest additions sono pacchetti software che possono essere installati all'interno di una macchina virtuale (ovvero in un sistema guest) per migliorarne le performance e aggiungere funzionalità aggiuntive.
La procedura per aggiungere e rimuovere le guest additions varia a seconda del sistema emulato.

Le procedure indicate in questo capitolo vanno tutte eseguire nel sistema guest.

Installazione

Ubuntu e derivate

Metodo 1: seguire la procedura indicata nella pagina AbilitareDriverProprietari.

Metodo 2: installare le guest additions da immagine iso:

  1. selezionare nella finestra della VM il menù Dispositivi → Inserisci l'immagine del CD delle Guest Additions..., verrà montato in modo automatico il CD-ROM virtuale contenente i file di installazione;

  2. verrà chiesto se eseguire automaticamente il software presente nel cd virtuale appena montato, premere Esegui.

Una volta installate le guest additions, riavviare la VM per rendere effettive le modifiche.

Per avviare l'installazione delle guest additions in un secondo momento tramite immagine iso, aprire il cd virtuale e selezionare la voce Esegui software.

Windows

Selezionare nella finestra della VM il menù Dispositivi → Inserisci l'immagine del CD delle Guest Additions..., verrà montato in modo automatico il CD-ROM virtuale contenente i file di installazione e verrà avviata automaticamente la procedura.

Una volta installate le guest additions, riavviare la VM per rendere effettive le modifiche.

Rimozione

Ubuntu e derivate

Metodo 1: seguire la procedura indicata nella pagina AbilitareDriverProprietari.

Metodo 2: digitare il seguente comando in una finestra di terminale:

sudo rm /etc/init.d/virtualbox*

Una volta rimosse le guest additions, riavviare la VM per rendere effettive le modifiche.

Windows

Selezionare Start → Tutti programmi → innotek VirtualBox Guest additions → Uninstall. Infine riavviare il sistema.

Abilitare la condivisione appunti

Per poter condividere gli appunti è necessario aver installato le guest additions.

Gli appunti condivisi consentono di copiare e incollare del testo tra sistema host e guest. Per attivare questa funzionalità:

  1. avviare la VM interessata;

  2. selezionare nella finestra della VM il menù Dispositivi → Appunti condivisi;

  3. selezionare la modalità desiderata:
    • da host a guest: permette di copiare e incollare testi solo dal sistema ospitante a quello emulato;

    • da guest a host: permette di copiare e incollare testi solo dal sistema emulato a quello ospitante;

    • bidirezionale: permette di copiare e incollare testi in entrambi i versi.

Abilitare la condivisione di file e cartelle

Per poter condividere file e cartelle è necessario aver installato le guest additions.

Funzione trascina e rilascia

La funzione Trascina e rilascia permette di copiare file tra sistema host e guest con un semplice trascinamento del mouse. Per attivare questa funzionalità:

  1. avviare la VM interessata;

  2. selezionare nella finestra della VM il menù Dispositivi → Trascina e rilascia;

  3. selezionare la modalità desiderata:
    • da host a guest: permette di spostare i file solo dal sistema ospitante a quello emulato;

    • da guest a host: permette di spostare i file solo dal sistema emulato a quello ospitante;

    • bidirezionale: permette lo spostamento dei file in entrambi i versi.

Creazione di una cartella condivisa

In alternativa al metodo precedente, è possibile configurare una cartella condivisa tramite la quale consentire lo scambio di file tra sistema host e guest.

Configurare il sistema host

Metodo 1: configurazione tramite interfaccia grafica:

  1. selezionare la macchina virtuale desiderata dalla schermata principale di VirtualBox;

  2. selezionare il menù Impostazioni → Cartelle condivise;

  3. aggiungere la nuova cartella da condividere, selezionando percorso e nome della cartella;
  4. opzionalmente spuntare la voce Montaggio automatico.

Metodo 2: digitare il seguente comando in una finestra di terminale:

VBoxManage sharedfolder add “NOME VM” --name CARTELLA_HOST --hostpath /PERCORSO/CARTELLA/HOST

Alcune diciture presenti nel comando precedente vanno sostituite e adattate alla propria configurazione:

  • NOME VM: nome della macchina virtuale con cui condividere la cartella.

  • CARTELLA_HOST: nome della cartella da condividere nel sistema host.

  • /PERCORSO/CARTELLA/HOST: percorso della cartella da condividere nel sistema host.

Configurare il sistema guest

Ubuntu e derivate

  1. Creare una nuova cartella che in seguito verrà condivisa;
  2. definire un punto di mount sul proprio sistema, digitando il seguente comando in una finestra di terminale:

    sudo mount -t vboxsf CARTELLA_HOST /PERCORSO/CARTELLA/GUEST
    Alcune diciture presenti nel comando precedente vanno sostituite e adattate alla propria configurazione:
    • CARTELLA_HOST: nome della cartella condivisa sul sistema host;

    • /PERCORSO/CARTELLA/GUEST: percorso cartella da condividere nel sistema guest.

Windows

  1. Selezionare Start → Esegui... e digitare all'interno della casella «Apri:» il seguente comando:

    net use M: \\vboxsvr\MySharedFolder
  2. in Risorse del computer dovrebbe comparire l'icona relativa alla cartella condivisa.

Il nome della cartella condivisa nel sistema host che si sostituisce a CARTELLA_HOSTnon deve contenere spazi.

Ulteriori risorse


CategoryVirtualizzazione