Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments

La newsletter della comunità

Collabora anche tu!

NewsletterItaliana/Materiale/logo_new_newsletter.png

Benvenuta/o alla newsletter della comunità italiana di Ubuntu! Questo è il numero 30 del 2019, riferito alla settimana che va da lunedì 16 settembre a domenica 22 settembre. Per qualsiasi commento, critica o lode, contattaci attraverso la mailing list del gruppo promozione.

Notizie da Ubuntu

Piano di dettaglio degli sviluppatori Ubuntu per il supporto a 32 bit in Ubuntu 19.10

Ci sono grandi novità per gli utenti Ubuntu che utilizzano dispositivi aventi architetture a 32 bit. Infatti, se si prendono in mano gli articoli pubblicati nei numeri 2019.24 e 2019.25, era chiara - in una prima fase - la posizione di Canonical nell'abbandonare le architetture ormai in disuso, in un mercato che offre soluzioni sempre più a 64 bit. Successivamente, grazie anche ai numerosi feedback da parte della comunità, Canonical aveva annunciato tramite un articolo sul proprio blog, una stretta collaborazione con la comunità wine e Ubuntu Studio per creare tutta una serie di pacchetti a 32 bit, che andranno inseriti in Ubuntu 19.10 e 20.04 LTS. Dopo alcuni mesi di totale silenzio Steve Langasek in un thread sul sito internazionale afferma: "Sulla base del nostro impegno a continuare a supportare lo spazio utenti i386 in Ubuntu, abbiamo assemblato un elenco di pacchetti in base alle esigenze degli utenti e dei feedback ricevuti. I pacchetti elencati sono quelli che ci impegniamo a portare avanti sino alla versione 20.04. Questo comodo comando ci dà un elenco di 52 pacchetti binari, inclusi alcuni noti come wine e steam:

join -j1 -v1 <(sed -n -e’s/^Package: //p’ /var/lib/apt/lists/archive.ubuntu.com_ubuntu_dists_eoan_binary-i386_Packages | sort -u) <(sed -n -e’s/^Package: //p’ /var/lib/apt/lists/archive.ubuntu.com_ubuntu_dists_eoan_binary-amd64_Packages | sort -u) | grep -vE ‘^lib64|amd64$|linux-gnu|ia32$|signed-template$|mkl|sse|^strace64$|^xserver-xorg’

Inoltre, introducendo anche le dipendenze di programmi di terze parti si è arrivato a stabilire un elenco di 227 pacchetti sorgente che si continuerà a mantenere attivi. È possibile, rispondendo nel thread aperto, comunicare quali altri pacchetti è possibile mantenere, in quanto lo scopo di Ubuntu è quello di liberare gli sviluppatori dall'onere di mantenere una gran quantità di pacchetti che (praticamente) nessuno usa.

Fonte: omgubuntu.co.uk


Notizie dalla comunità internazionale

GNOME lancia ufficialmente l'applicazione GNOME Firmware Updater

Nel numero 2019.027 abbiamo parlato di come GNOME stia lavorando a un progetto per semplificare e velocizzare il processo di aggiornamento del firmware con un nuovo strumento, denominato GNOME Firmware Updater. Bene, dopo neanche due settimane dalla sua prima presentazione, l'applicazione è stata ufficialmente rilasciata come utilità opzionale per gli utenti GNOME e per gli utenti di altri ambienti desktop. Il fatto che non sia inserita di default è che l'interfaccia utente utilizzata non è ancora molto raffinata, quindi nel tempo saranno naturali degli aggiornamenti grafici e anche funzionali per completarla. GNOME Firmware Update non è altro che un applicazione grafica per utenti esperti che nella sua prima versione, sarà in grado di visualizzare tutti i metadati del dispositivo supportati dall'utilità fwupd che raggiunge la versione 1.3.1, consentire agli utenti di installare, reinstallare o eseguire il downgrade del firmware per l'hardware supportato, sbloccare hardware come TPM (Trusted Platform Modules), nonché abilitare automaticamente il Linux Vendor Firmware Service LVFS e aggiornamento dei metadati. Lo stesso Richard Hughes tramite il suo blog ha dichiarato:

"Il firmware GNOME è progettato per essere uno strumento power-user non installato per impostazione predefinita per indagare, aggiornare, eseguire il downgrade e reinstallare il firmware. Il software GNOME continuerà a essere utilizzato per gli aggiornamenti come prima. Gli helpdesk dei fornitori possono chiedere agli utenti di installare il firmware GNOME anziché farli guardare all'output della riga di comando."

Tutti gli utenti che sono interessati, possono subito installare in tutta semplicità GNOME Firmware Updater dal repository Flathub. Una volta installato, sarà possibile visionare l'hardware e, se necessario, aggiornare il firmware se sono disponibili nuove build dai fornitori supportati. Maggiori dettagli sono disponibili su GitLab.

Fonte: news.softpedia.com


Notizie dal Mondo

Firefox rilascerà aggiornamenti ogni mese

Nuovo cambio di programma da parte di Mozilla, il quale annuncia un cambio dei cicli di rilascio per Firefox, passando così a una cadenza che avverrà ogni mese. L'obbiettivo è quello di offrire nuove funzionalità in tempi decisamente ridotti, minimizzare i rischi e mantenere alti standard di sicurezza che li contraddistingue dagli altri browser e:

  • Assicurare che la produttività di Firefox non sia influenzata negativamente,
  • Accelera il ciclo di feedback,
  • Garantire test adeguati che si estendono su più cicli di rilascio,
  • Avere processi di mitigazione e decisione chiari e coerenti.

Infatti, cicli di rilascio più brevi offriranno anche una maggiore flessibilità sul supporto della pianificazione del prodotto e cambiamenti di priorità dovuti a requisiti aziendali o di mercato. Queste innovazioni inizieranno a partire dal primo trimestre del 2020, inoltre la cadenza della versione ESR (Extended Support Release for the enterprise) di Firefox rimarrà la stessa, con l'unica differenza che negli anni a venire, si prevederà un importante release ESR ogni 12 mesi con una sovrapposizione di supporto di 3 mesi tra la nuova versione ESR e la fine del ciclo di vita del precedente ESR. Una piccola precisazione per i più curiosi e che le prossime due uscite di Firefox ESR saranno rispettivamente a giugno 2020 e e giugno 2021. Puoi trovare maggiori dettagli sul nuovo ciclo di rilascio mensile di Firefox sulla pagina ufficiale di Mozilla.

Fonte: omgubuntu.co.uk

Rilasciato il Kernel Linux 5.3

È arrivato ufficialmente il Kernel Linux 5.3, a dare l'annuncio - come sempre - è il suo padre fondatore Linus Torvalds nella Linux Kernel Mailing List (lkml) con l'introduzione di un elevato numero di aggiornamenti significativi. Infatti, questo nuovo aggiornamento introduce, il tanto atteso supporto per le GPU AMD Navi incluso Radeon RX 5700 e inoltre rende disponibili 16 milioni di nuovi indirizzi IPv4. Tra le altre modifiche che meritano attenzione, abbiamo:

  • Supporto Turing TU116 in Nouveau
  • Supporto display Intel HDR per Icelake, Geminilake
  • Miglioramenti del codice RISC-V
  • Supporto migliorato per NVIDIA Jetson Nano
  • Supporto tastiera e del trackpad MacBook e MacBook Pro modello 2015 grazie al driver Apple SPI

  • Supporto Intel UMWAIT
  • Supporto per processori Zhaoxin x86
  • SWAP file nativo in F2FS
  • EXT4 Miglioramenti della velocità per ricerche senza distinzione tra maiuscole e minuscole

e tanto altro ancora. Un attenta raccomandazione, soprattutto per gli utenti inesperti, è quella di aspettare che la distribuzione utilizzata nel vostro laptop aggiorni e integri la nuova versione del kernel. Detto questo, è possibile installare il kernel per Ubuntu e tutte le relative derivate tramite il seguente repository. Ricordiamo che a breve, uscirà Ubuntu 19.10 e come era logico aspettarsi includerà il nuovo kernel e tale aggiornamento sarà naturalmente esteso anche a tutte le precedenti versioni di Ubuntu supportate.

Fonte: omgubuntu.co.uk

Annunciata la prima conferenza Microsoft-Linux il 10-11 Marzo 2020

Per gli utenti Linux può sembrare una barzelletta, invece no, è proprio quello che realmente sta accadendo. Infatti Microsoft, ha appena annunciato la prima conferenza Microsoft Linux - soprannominato WSLconf - per l'implementazione del WSL. Ricordiamo, per chi non ne avesse mai sentito parlare, che WLS non è altro che il sottosistema Windows per Linux il quale offre attraverso un insieme di componenti software l'installazione di distribuzioni GNU/Linux e l'esecuzione nativa di binari Linux su sistemi operativi Windows 10 e Windows Server 2019. L'aggiornamento di WSL 2 - rilasciato questa estate - introduce importanti funzionalità come per esempio: un'architettura completamente nuova che utilizza un vero kernel Linux interno. Più precisamente Microsoft ha affermato nel suo comunicato che:

"Questo kernel è stato appositamente ottimizzato per WSL 2. È stato ottimizzato per dimensioni e prestazioni per offrire un'esperienza Linux straordinaria su Windows. Forniremo assistenza a questo kernel Linux tramite gli aggiornamenti di Windows, il che significa che otterrai le ultime correzioni di sicurezza e miglioramenti del kernel senza bisogno di gestirli da solo."

L'evento WSLconf si svolgerà il prossimo anno tra il 10 e l'11 Marzo e sarà organizzato dalla community Windows in associazione con Linux e nel quale non sarà richiesta alcuna quota di registrazione per parteciparvi, sebbene lo spazio dei partecipanti sarà limitato. La conferenza si terrà nel campus Microsoft Redmond a Washington, negli Stati Uniti, nell'Edificio 20. Per maggiori informazioni visita il sito ufficiale.

Fonte: news.softpedia.com


Aggiornamenti e statistiche

Aggiornamenti di sicurezza

Gli annunci di sicurezza sono consultabili nell'apposita sezione del forum.

Bug riportati

  • Aperti: 135520, +33 rispetto alla scorsa settimana.

  • Critici: 375, +2 rispetto alla scorsa settimana.

  • Nuovi: 66712, +33 rispetto alla scorsa settimana.

È possibile aiutare a migliorare Ubuntu, riportando problemi o malfunzionamenti. Se si desidera collaborare ulteriormente, la Bug Squad ha sempre bisogno di una mano.


Commenti e informazioni

"Noi siamo ciò che siamo per merito di ciò che siamo tutti"
La tua newsletter preferita è scritta grazie al contributo libero e volontario della comunità ubuntu-it. Per metterti in contatto con il Gruppo Social Media o se vuoi contribuire alla redazione di articoli per la Newsletter, puoi scrivere alla mailing list del gruppo promozione.

In questo numero ha partecipato alla redazione degli articoli:

Ha inoltre collaborato all'edizione:


Licenza adottata

La newsletter italiana di Ubuntu è pubblicata sotto la licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0.

Uscite settimanali

Per ricevere la newsletter direttamente nella tua casella di posta, cambiare le impostazioni di ricezione o annullare la tua iscrizione alla newsletter, consulta questa pagina.
Per tutti i numeri usciti della newsletter, consulta la nostra edicola.


CategoryComunitaNewsletter CategoryComunitaPromozione