Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments


NewsletterItaliana/Materiale/logo-newsletter.png

Benvenuti alla newsletter della comunità Italiana di Ubuntu! Questo che leggete è il numero 19 del 2010, riferito alla settimana che va da lunedì 10 a domenica 16 maggio. Per qualsiasi commento, critica o lode contattaci attraverso la mailing list del gruppo promozione.

Notizie da Ubuntu

Maverick meerkat: è iniziato lo sviluppo

E' iniziato lo sviluppo di «Maverick Meerkat». Negli obiettivi prefissati, sarà un rilascio molto veloce, sempre più sociale e presente su quanti più dispositivi possibili. Mark Shuttleworth dichiara: "questo è un momento di cambiamento e non bisogna aver timore di sorprendere gli utenti con una mossa audace".

Con la proposta di Scott James Remnant fatta nell'ultimo UDS, il BTRFS (B-tree FS or "Butter FS") è diventato il candidato principale per il File System predefinito nel prossimo rilascio «Maverick Meerkat».

Si tratta di un File System per Linux di tipo copy-on-write, dotato di checksumming, annunciato da Oracle nel 2007, e pubblicato sotto la GNU General Public License. Esso consente una gestione assolutamente innovativa dei sotto-volumi, ed è possibile convertire i File System da ext3/ext4 a BTRFS senza nessuna possibilità di perdere i dati.

E' certamente una sfida difficile: basti pensare che attualmente questo nuovo File System non è supportato da Grub2. Occorre quindi avvertire che BTRFS è in continuo sviluppo, quindi il suo impiego non è consigliato al di fuori della fase di testing. L’obiettivo di lungo respiro però è quello di avere il supporto ben rodato e completo, vale a dire con tutte le funzionalità e implementazioni "Ubuntizzate", almeno per il prossimo rilascio LTS (Long Term Support) di Ubuntu (12.04).

Fonte

Don't panic, Ubuntu is coming

Non fatevi prendere dal panico, forme di vita bipede a base di carbonio, la prossima uscita di Ubuntu porterà con sè nascosta in codice segreto, la risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l'universo e tutto quanto. E per ottenere questo strabiliante risultato voluto in prima persona da Mark Shuttleworth, ma reso possibile grazie all'impegno di tutti coloro che partecipano al nuovo rilascio si è dovuto anticipare la data di pubblicazione di «Maverick Meerkat» al 10.10.10. Un omaggio che Mark e tutti del team di Ubuntu, hanno voluto fare alla trasmissione radiofonica, poi libro e poi anche film che tutti i geek devono avere visto almeno una volta per potersi definire tali ovvero alla Guida galattica per autostoppisti, in cui appunto si scopre grazie al mega computer Deep Thought, che la risposta a questa domanda è 42. Infatti 10.10.10 non è solo una bellissima data tonda tonda, ma se la intendiamo come un numero binario, scopriremo (magari con l'aiuto di un calcolatore anche meno potente di Pensiero Profondo), che corrisponde al numero decimale 42. Non ha quindi senso che vi dimostriate sorpresi quando questo accadrà perchè tutti i piani del progetto e gli ordini di uscita sono presenti nella bacheca del blog di Mark, e anche se forse non vi è stato lasciato tempo suffciente per presentare dei reclami, ormai è comunque troppo tardi per mettersi a protestare. Con queste premesse non possiamo che pensare che il nuovo rilascio di Ubuntu sarà sicuramente un successo, sopratutto perchè avrà stampato a grandi lettere amichevoli sulla copertina le parole "Don't Panic". Quindi non ci resta che augurare un buon lavoro a tutti coloro che devono riprogrammare il loro lavoro per permettere questa uscita anticipata e procurarci un asciugamano per non farci trovare impreparati.

Fonte

Ubuntu Unity, Ubuntu Light e GNOME Shell

Unity è la nuova interfaccia grafica progettata fondamentalmente per i netbook e i relativi dispositivi touch-based. Esso include un nuovo pannello e di avvio dell'applicazione, che rende semplice e veloce l'accesso alle applicazioni preferite, come per esempio il browser, con la contemporanea rimozione di elementi sullo schermo che sono raramente utilizzati nella telefonia mobile e nel computing netbook.

L’attenzione viene posta, come dice Shuttleworth, “nel massimizzare i pixel disponibili in verticale per la navigazione nel Web..." in quanto generalmente gli "schermi si stanno muovendo in formati wide screen. Così lo spazio verticale è più prezioso dello spazio orizzontale".

Ecco perchè l'amatissimo e rassicurante pannello inferiore di GNOME è stato spostato sulla sinistra ed è diventato uno spazio dedicato al lancio delle applicazioni, e al passaggio dall'una all'altra; inoltre, considerata l’espansione dei touchscreen, esso potrà agevolmente ospitare icone più grandi, così da facilitare l’interazione con le dita.

"Una pietra miliare dello sviluppo di Unity è disponibile oggi in un PPA, con rami di sviluppo su Launchpad e mi piacerebbe molto ottenere un feedback da persone che cercavano lo studio per un netbook, o anche un computer portatile con uno schermo ampio" (Shuttleworth).

La versione finale di Unity, sarà disponibile al lancio di Ubuntu 10.10 Netbook Edition, previsto per ottobre 2010.

Ubuntu Light è invece una versione ad “avvio istantaneo”, pensata per l'avvio in dual boot in meno di dieci secondi. Questa particolare versione non sarà disponibile per il download, ma verrà destinata agli OEM e sarà “ritagliata su misura” per l'hardware specificamente dedicato, in modo da ottimizzare i tempi delle istruzione iniziali, dopo l'accensione del computer.

L'obiettivo che, attraverso questo prodotto, Canonical intende raggiungere, è quello di incamminarsi decisamente verso un pieno coinvolgimento degli utenti che utilizzano intensivamente le applicazioni web-based. Quest'ultime oggi concorrono ad implementare innumerevoli soluzioni software, quali Webmail, commercio elettronico, web forum e molto altro ancora.

Secondo Shuttleworth, Unity e GNOME Shell sono complementari per il progetto GNOME. Mentre Infatti GNOME Shell presenta una visione espansiva, vale a dire adatta per persone che lavorano in ambienti complessi con l'attivazione di più attività simultanee, Unity è progettato per raggiungere l'altra estremità dello spettro, dove si concentrano le persone che amano fare una cosa alla volta. Ciò rende GNOME più forte.

Collegamenti e disponibilità:

  • Ubuntu Light è disponibile per gli OEM PC contattando Canonical: oem@canonical.com

  • Unity è disponibile per Ubuntu LTS 10,04 in versione non definitiva, cliccando qui

  • Gli Screenshots sono invece qui.

Fonte, Fonte

Notizie dalla comunità

Ubuntu-it Meeting: a Bologna la comunità si incontra

Il prossimo fine settimana si terrà a Bologna la quarta edizione del Ubuntu-it Meeting. Questo appuntamento è ormai diventato un appuntamento fisso per tutte le persone che portano avanti dei progetti nella comunità, in quanto permette ai membri dei vari gruppi di poter fare il punto della situazione e potersi confrontare sui progetti futuri.

Durante il meeting ci saranno una serie di presentazioni riguardanti vari aspetti della comunità e una serie di incontri con i LUG e le Pubbliche Amministrazioni locali per discutere di possibili collaborazioni.

Il meeting si svolgerà a Bologna presso la Sala Consigliare del quartiere Porto in Via dello Scalo 21.

Per tutte le altre info potete consultare la seguente pagina.

Altre notizie

Dal mondo

In Finlandia oltre cento scuole usano software open-source

Secondo Opinsys, un azienda Finlandese che offre servizi opensource, oggi in Finlandia un centinaio di scuole usa applicazioni open-source. L'azienda offre infatti assistenza a 90 scuole in cui sui PC è installato Ubuntu, e un'altra decina di scuole gestisce in autonomia le proprie infrastrutture open source.
Il costo per ciascun PC o portatile linux, manutenzione inclusa, è di circa 282 € l'anno (e in alcuni casi scende fino a 153 €), come dichiarato da un professore della scuola di Kasavuori, a Kauniainen. Oltre agli evidenti vantaggi in termini economici, l'utilizzo dell'open source rende l'infrastruttura semplice, sicura, e di facile estensione. Accanto a Ubuntu, la scuola utilizza una grande varietà di applicazioni open source basate su web, come per esempio Moodle, le applicazioni di Office offerte da Google ed un wiki, che hanno l'ulteriore vantaggio di poter essere usate anche da casa da parte dei bambini. Opinsys ha iniziato questo progetto rivolto alle scuole tre anni fa a Kaunianinen, ed ora gestiscono migliaia di PC e centinaia di portatili con installazioni di Ubuntu.

Fonte

Aggiornato il programma Open Source dell'Unione Europea per gli appalti

La Direzione Generale dell'Informatica dell'Unione Europea (DIGIT), ha pubblicato una nuova versione del software Open Source Open e-PRIOR per la gestione elettronica delle forniture e degli appalti dei governi. Il software nato dalla spinta del progetto PEPPOL (Pan-European Public eProcurement On-Line), era nato per snellire il rapporto tra i governi dell'unione europea e i loro fornitori, con lo specifico obiettivo di faciliare la candidatura agli appalti pubblici sopratutto delle piccole e medie imprese che di norma hanno più difficoltà a mettere in campo gli strumenti necessari per superare le difficoltà burocratiche connesse con le candidature per le forniture. Quello delle forniture ai governi è di fatto un mercato molto ampio, che movimenta ogni anno un cifra pari a circa 1500 miliardi di euro: si capisce quindi come favorire parità di accesso a queste risorse per tutte le aziende, indipendentemente dalle loro dimensioni, sia un compito di primaria importanza per lo sviluppo di tutta l'Europa. Il software Open e-PRIOR permette di facilitare il rapporto dei governi con i fornitori: in questa nuova versione, nata dai feedback e dalle richieste di chi ha già utilizzato la precedente, sono aggiunte alcune nuove funzionalità, come la possibilità di interrogare il database delle domande fatte e di inviare note di accredito e fatture. Tutti i documenti creati con Open e-PRIOR, corrispondono al nuovo standard europeo CEN/ISSS WS/BII, e sono validi quindi per tutta l'Unione. In aggiunta questa nuova versione, ha incorporato anche in via sperimentale un access point per la rete PEPPOL, la cui sperimentazione inizia proprio nel mese di maggio. Anche se siamo solo alla versione 0.3, questo programma sembra già avere un notevole potenziale, ed essere un ottimo punto di partenza per aprire il mercato europeo degli appalti a tutte le imprese dando la possibilità a tutti di candidarsi facilmente e di mantenere i rapporti commerciali con tutti i paesi dell'Unione.

Fonte
Fonte

La FSFE riceve la medaglia Theodor Heuss

La Free Software Foundation Europe ha annunciato di aver ricevuto la medaglia Theodor Heuss per il grande lavoro con cui diffonde la libertà nel società dell'informazione. Il premio viene assegnato annualmente a Stoccarda in memoria del primo presidente della Repubblica Federale Tedesca (Germania Ovest), Theodor Heuss. Il commento a caldo del presidente della FSFE, Karsten Gerloff, rappresenta bene la situazione della società odierna: "Non guadagneremo la nostra libertà senza sforzo, ed il software è uno strumento centrale di questa società e perciò bisogna avere la possibilità di controllarlo". L'impegno della FSFE prosegue incessante dal 2001 e questo premio è il giusto riconoscimento. Il presidente della Fondazione Heuss, Ludwig Heuss, ha evidenziato come sia fondamentale l'apporto di FSFE nella costruzione di una nuova libertà digitale attraverso il software libero. Alla cerimonia di premiazione presenti anche l'ex presidente tedesco Richard von Weizsäcker e Sabine Leutheusser-Schnarrenberger, Ministro della Giustizia.

Fonte

Pubblicate le statistiche sulla partecipazione alla Google Summer of Code

Ogni anno, Google seleziona nella comunità FLOSS, gli studenti e gli insegnanti che parteciperanno alla Google Summer of Code (GSoC), un evento che vede gli studenti impegnati nello sviluppo di progetti open source, dietro un compenso di 5000$ offerto da Google. Ora che la fase di selezione si è conclusa, Google ha pubblicato le statistiche di partecipazione all'edizione di quest'anno:

  • sono stati scelti 1026 studenti, provenienti da 69 nazioni (12 in meno rispetto all'anno scorso)
  • la nazione più presente sono gli Stati Uniti, con 197 partecipanti, seguiti da India, Germania Brasile e Polonia
  • 145 degli studenti scelti quest'anno hanno partecipato anche all'edizione dell'anno scorso

La fase iniziale, in cui gli studenti prenderanno confidenza con gli insegnanti e le regole della comunità, avrà termine il 24 di Maggio, quando inizierà la fase effettiva di programmazione.

Fonte

Dalla blogosfera

Edizione 32 di Full Circle Magazine

È stato pubblicato sul sito internazionale di Full Circle Magazine, il numero 32 in Italiano.

In questo numero troviamo:

  • Programmare in Python - Parte 6
  • Il server perfetto - Parte 2
  • Installare pacchetti offline
  • Recensione di Music Player Deamon
  • Intervista ai MOTU: intervista a ARoderick Greening
  • Top 5: Media Center

La rivista si può scaricare da questa pagina.

Rubriche settimanali

Le guide della settimana

  • Lenovo Thinkpad G550 Guida all'installazione di Ubuntu 10.04 LTS «Lucid Lynx» sul portatile Ibm Lenovo Thinkpad G550.

  • Flex guida all'installazione di Flex SDK, che permette di sviluppare e distribuire liberamente applicazioni

Il pacchetto della settimana

ClamAV

Un punto di forza di ogni sistema basato su Linux è la sicurezza di essere quasi totalmente immune da virus, ma spesso proprio questa caratteristica lo porta ad essere in qualche modo un "portatore sano" dell'infezione. Quindi se scambiate spesso dati con sistemi Windows vi consigliamo di utilizzare un antivirus, per evitare di infettarlo senza volerlo.

È proprio per questo motivo che nasce il progetto ClamAv, un potente antivirus totalmente libero e multi-piattaforma capace di rilevare virus, worm, trojan e macro virus. ClamAv permette la scansione di file compressi in diversi formati, tra cui deb, tar.gz, rar, zip, gzip, bzip2, MS OLE 2, MS cabinet ecc.

Per installarlo basta selezionare questo link. Alternativamente potete installarlo tramite l'Ubuntu Software Center.

Invece per gli amanti della linea di comando lanciare il seguente comando:

sudo apt-get install clamav

Se preferite, potete installare una GUI che vi facilità l'utilizzo del vostro antivirus, per GNOME porta il nome ClamTk invece, per KDE c'è KlamAv, naturalmente potete installarli utilizzando l'Ubuntu Software Center.

Lo sapevi che...

... CTRL + U in firefox, permette di visualizzare il sorgente della pagina in cui state navigando?

Accadde su IRC

La mia serie TV preferita

<l3on_> sto Lost è sempre la solita merda.. morissero ammazzati tutti

Aggiornamenti e statistiche

Aggiornamenti di sicurezza

Gli annunci di sicurezza si possono trovare anche nell'apposita sezione del forum: Bacheca degli annunci ufficiali di sicurezza

Bug riportati

Bug riportati

  • Aperti: 81354, +803 rispetto la scorsa settimana;

  • Critici: 28, +3 rispetto la scorsa settimana;

  • Nuovi: 37013, +615 rispetto la scorsa settimana;

È possibile come sempre aiutare a migliore Ubuntu riportando problemi o malfunzionamenti. Se si desidera collaborare ulteriormente, la Bug Squad ha sempre bisogno di una mano.

Statistiche del gruppo sviluppo

Segue la lista dei pacchetti realizzati dalla comunità italiana nell'ultima settimana:

Alessio Treglia

Luca Falavigna

Se si vuole contribuire allo sviluppo di Ubuntu correggendo bug, aggiornando i pacchetti nei repository, ecc... il gruppo sviluppo è sempre alla ricerca di nuovi volontari.

Commenti e informazioni

La tua newsletter preferita è scritta con il duro lavoro degli eroici attivisti. Per metterti in contatto con loro e quindi con il «Sovrano Ordine dei Cronisti della Tavola Ovale» della newsletter italiana puoi scrivere alla mailing list del gruppo promozione.

In questo numero hanno partecipato alla redazione degli articoli:

Hanno inoltre collaborato all'edizione:

Licenza adottata

La newsletter italiana di Ubuntu è pubblicata sotto la licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0.

Uscite settimanali

Per ricevere la newsletter direttamente nella tua email, iscriviti qui.
Per tutti i numeri usciti della newsletter, consultare la nostra edicola.


CategoryComunitaNewsletter