Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments


Guida verificata con Ubuntu: 20.04

Problemi in questa pagina? Segnalali in questa discussione

Introduzione

Questa guida spiega come risolvere il problema di Grub relativo al seguente messaggio di errore:

«error: sparse file not allowed»

Descrizione

Questo errore può verificarsi su file system Btrfs o ZFS, quando nel file /etc/default/grub sono state specificate le seguenti opzioni:

GRUB_DEFAULT=saved
GRUB_SAVEDEFAULT=true

Queste opzioni specificano che Grub deve memorizzare la voce scelta dall'utente nel menu di avvio per poi riproporla al successivo avvio come valore di default.
Grub scrive questo dato nel file grubenv, un file speciale della dimensione fissa di 1024 byte la cui posizione predefinita è nel percorso /boot/grub/. Tuttavia se il file grubenv si trova in una partizione con file system Btrfs o ZFS, Grub non può modificarlo e visualizza il messaggio di errore sopra indicato.

Soluzione

Per risolvere questo errore è necessario spostare il file grubenv in una partizione che soddisfi i seguenti requisiti:

  • Deve risiedere in un disco interno GPT o MBR, non RAID, LVM o altro.

  • Deve avere un file system come ext4, FAT32, NTFS o un altro file system che non implementi il checksum a livello di blocco.

A tal scopo nei sistemi UEFI può essere sfrutta la partizione EFI, che utilizza il file system FAT32. Se nel sistema non è presente una partizione che soddisfi questi requisiti, sarà necessario crearne una e montarla.

Procedere come segue:

  1. Spostare il file grubenv nella partizione designata digitando nel terminale il seguente comando:

    sudo mv /boot/grub/grubenv <puntodimontaggio>

    sostituendo «<puntodimontaggio>» con il punto di montaggio della partizione. Se si intende utilizzare la partizione EFI, il suo punto di montaggio predefinito è /boot/efi/.

  2. Aprire con i privilegi di amministrazione e con un editor di testo lo script /etc/grub.d/00_header.

  3. All'inizio del file, subito dopo le note di copyright e di licenza, inserire le seguenti righe:

    GRUBENV="(hd0,gpt1)/grubenv"
    cat << EOF
    grubenv="$GRUBENV"
    export grubenv
    EOF

    sostituendo hd0 e gpt1 in base al disco e alla partizione in cui è stato spostato il file grubenv, se differenti.
    hd0 si riferisce al primo disco fisso. Se la partizione si trova nel secondo disco scrivere hd1, per il terzo hd2, ecc.
    gpt1 si riferisce alla prima partizione del disco, se questo è partizionato in GPT. Se invece è partizionato in MBR, usare la forma msdos1. Per riferirsi alla seconda partizione scrivere gpt2 o msdos2, per la terza gpt3 o msdos3, ecc.
    Il numero della partizione corrisponde a quello usato dal sistema (cioè sda1 corrisponde a gpt1 o msdos1).

  4. Sostituire l'espressione

    \$prefix/grubenv

    con

    "\${grubenv}"
  5. Sostituire l'espressione

    load_env

    con

    load_env --file "\${grubenv}"
  6. Sostituire tutte le occorrenze dell'espressione

    save_env

    con

    save_env --file "\${grubenv}"
  7. Individuare la function initrdfail, che è preceduta dalla riga cat <<"EOF" e termina al successivo EOF.

  8. All'interno di questa funzione sostituire tutte le occorrenze dell'espressione

    "\${grubenv}"

    con

    "${grubenv}"
    • Si noti l'assenza del carattere \.

  9. Salvare le modifiche e chiudere l'editor di testo.
  10. Aggiornare la configurazione di Grub digitando nel terminale il seguente comando:

    sudo update-grub
    • Il comando update-grub ricreerà un file grubenv nella percorso /boot/grub/. Tuttavia Grub utilizzerà il file che si trova nella partizione specificata nello script 00_header.

Ulteriori risorse


CategoryAmministrazione