Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments


Guida verificata con Ubuntu: 18.04 20.04 22.04

Problemi in questa pagina? Segnalali in questa discussione

Introduzione

Plank è un fork di Docky. Si trova preinstallata nelle ultime versioni di Ubuntu MATE e Ubuntu Budgie, più in alcune derivate non ufficiali come elementary OS.

Al pari di Docky, pur utilizzando effetti grafici, è leggera e richiede poche risorse. Nelle versioni più recenti integra menù contestuali avanzati per alcuni programmi e alcune docklets (Orologio, Appunti, Cestino, ecc.). È inoltre possibile modificarne il tema grafico.

Installazione

Installare il pacchetto plank.

Configurazione

Le preferenze di Plank sono accessibili:

  • facendo clic con il tasto destro in un punto vuoto della dock;
  • utilizzando la combinazione CTRL + Pulsante destro sulla dock stessa;

  • dall'omonima icona della dock stessa, situata a sinistra (nelle versioni più recenti potrebbe essere assente).

Per modificare rapidamente la dimensione delle icone, utilizzare la combinazione CTRL + rotella del mouse.

Docklets

Sono disponibili nella terza scheda della finestra delle configurazioni.

Per aggiungerle è sufficiente fare doppio clic sull'icona della docklet desiderata oppure trascinarla in Plank.

Aggiungere nuovi temi

Sono disponibili su Internet diversi temi per Plank, di solito distribuiti in forma di cartella compressa.

  1. Scaricare il tema desiderato.
  2. Estrarre la cartella del tema e salvarla in:

    • ~/.local/share/plank/themes per l'utente in uso.

    • /usr/share/plank/themes per tutti gli utenti nel sistema (sono necessari i privilegi di amministrazione).

  3. Impostare il tema desiderato nelle impostazioni (la voce Tema è presente nella prima tab Aspetto).

Problemi noti

Linea trasparente sopra la dock

Qualora si verificasse questo problema di visualizzazione, è possibile risolverlo attraverso le configurazioni del window manager in uso nel sistema, modificando il parametro relativo all’ombra della dock.
A tale scopo consultare la manualistica del gestore di finestre in uso.

Icone doppie

Questo problema potrebbe riguardare le icone bloccate su Plank di alcuni programmi che, quando avviati, mostrano un'ulteriore icona sulla dock.
Il problema spesso dipende dai parametri delle icone di avvio di alcuni programmi. I file in questione hanno estensione .desktop e si trovano nella cartella /usr/share/applications.

  1. Eseguire un backup dell'avviatore in questione (basterà copiare il file con estensione .desktop in una cartella a piacere).

  2. Chiudere il programma interessato, se in esecuzione.
  3. Rimuovere l'icona interessata dalla dockbar e arrestare Plank.

  4. Aprire con i privilegi di amministrazione e con un editor di testo il file .desktop interessato.

  5. Se assente, aggiungere la dicitura:

    StartupWMClass=NOME PROGRAMMA

    sotto la stringa relativa alla categoria, identificabile dalle parentesi quadre (potrebbe essercene più di una). Ad esempio per Google Chrome, aggiungere la stringa:

    StartupWMClass=Google-chrome-stable

    sotto le righe (non consecutive):

    [Desktop Entry]
    [NewWindow Shortcut Group]
    [NewIncognito Shortcut Group]
  6. Individuare la stringa:

    Exec=/usr/bin/nome-programma %U

    come ad esempio per Google Chrome:

    Exec=/usr/bin/google-chrome-stable %U
  7. Modificarla con il comando corretto (oppure con un comando/nome alternativo, se presente in /usr/bin/):

    Exec=/usr/bin/google-chrome %U
  8. Salvare e chiudere il file.

Una volta conclusa la procedura, avviare Plank e aggiungere l'icona sulla dock per testare il corretto funzionamento.
Qualora l'icona doppia fosse ancora presente, ripetere la procedura testando, se disponibili, differenti comandi/nomi relativi ai parametri indicati precedentemente (il comando/nome potrebbe essere differente a seconda della versione del programma oppure dal repository, dalla tipologia di pacchetto in uso, ecc.). Ad esempio per Chromium: chromium oppure chromium-browser.
In caso di problemi è possibile ripristinare il file desktop originario.

Ulteriori risorse


CategoryGrafica