Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments


Problemi in questa pagina? Segnalali in questa discussione

Introduzione

Le tecniche di Port knocking permettono di aumentare considerevolmente la sicurezza di un server che deve garantire alcuni servizi non permanenti attraverso IP pubblici. Se s'inviano dei pacchetti a delle porte prestabilite sulle quali il demone è in ascolto e nel caso la sequenza sia corretta, questi attiverà un comando che potrà eseguire delle regole di iptables che apriranno le porte necessarie alla connessione. Il vantaggio è notevole in quanto il server potrebbe rimanere sempre in stealth e aprire le porte per un determinato servizio solo in caso di necessità.

Preparativi

È necessario che il firewall iptables sia configurato e attivo.

Installazione

Per utilizzare le tecniche di Port knocking è necessario installare il pacchetto knockd, reperibile dal componente universe dei repository ufficiali.

Configurazione knockd

  1. Per fare in modo che il demone parta all'avvio del computer modificare con un editor di testo e con i privilegi di amministrazione il file /etc/default/knockd in questo modo:

    START_KNOCKD=1
  2. Sempre nel medesimo file /etc/default/knockd modificare con un editor di testo e con i privilegi di amministrazione indicando su quale interfaccia il demone dovrà rimanere in ascolto:

    KNOCKD_OPTS="-i eth0"

Configurazione knockd.conf per l'apertura di una sola porta

Modificare con un editor di testo e con i privilegi di amministrazione il file /etc/knockd.conf impostandolo come segue:

[options]
        logfile = /var/log/knockd.log

[openSSH]
        sequence    = 7000,8000,9000
        # Questa è la sequenza delle porte sulle quali knockd rimarrà in ascolto. Di default il protocollo è TCP.
        # Quali e quante porte usare è discrezionale.

        # sequence   = 7000:udp,8000:tcp,9000:udp
        # Esempio con sequenza con porte miste udp/tcp

        seq_timeout = 30
        #Tempo di attesa massimo per completare la sequenza.

        command     = /sbin/iptables -A INPUT -s %IP% -p tcp --dport 22 -j ACCEPT
        # Quando la sequenza verrà accettata verrà inserita una regola che aprirà la porta SSH standard.

        tcpflags    = syn
        # Ulteriore filtro, sul tipo di flag del pacchetto inviato alla sequenza di porte.
        
[closeSSH]
        sequence    = 9000,8000,7000
        # Questa è un'altra sequenza di porte sulle quali knockd rimarrà in ascolto.

        seq_timeout = 30

        command     = /sbin/iptables -D INPUT -s %IP% -p tcp --dport 22 -j ACCEPT
        # Quando la sequenza verrà accettata verrà inserita una regola che cancellerà quella creata in precedenza.

        tcpflags    = syn
        # Ulteriore filtro, sul tipo di flag del pacchetto inviato alla sequenza di porte.

La variabile «%IP%» passa alla regola di iptables l'indirizzo che ha effettuato la richiesta di connessione, in questo caso verrà permessa l'apertura della porta SSH discriminando solo l'IP validato.

Configurazione per l'apertura di una sola porta, per soli esperti

Un'altra possibilità per usare il demone knockd, utilizzabile SOLO se il firewall sul server è configurato per accettare le connessioni "established" e "related" alla porta che si vuole aprire (es ssh, 22) è di chiudersi subito dietro la porta appena aperta, per evitare che, restando "aperta", qualche malintenzionato tenti un brute-force al servizio, lanciando uno script anzichè impostando delle regole sul firewall.

Per questo scopo il file /etc/knockd.conf può ad esempio essere modificato, con un editor di testo e con i privilegi di amministrazione, come segue (per spiegazioni sul significato delle opzioni vedere la sezione precedente):

[options]
        logfile = /var/log/knockd.log

[openSSH]
        sequence    = 7000,8000,9000
        seq_timeout = 30
        start_command     = /etc/init.d/ssh start
        tcpflags    = syn

        cmd_timeout = 5
        stop_command     = /etc/init.d/ssh stop
        # Dopo cmd_timeout secondi, viene eseguito il comando stop_command

Ricordiamo ancora che è indispensabile che il firewall sul server accetti le connessioni "related" ed "established" altrimenti la sezione "stop_command", appena sarà eseguita, vi chiuderà la connessione SSH senza quindi avere possibilità di connettervi al server!

root@server2:~# iptables -nL | grep ":22"

ACCEPT     tcp  --  0.0.0.0/0    0.0.0.0/0           tcp dpt:22
ACCEPT     tcp  --  0.0.0.0/0    0.0.0.0/0           tcp spt:22 dpts:513:65535 state RELATED,ESTABLISHED
ACCEPT     tcp  --  0.0.0.0/0    0.0.0.0/0           tcp spts:1024:65535 dpt:22 flags:0x17/0x02 state RELATED,ESTABLISHED
ACCEPT     udp  --  0.0.0.0/0    0.0.0.0/0           udp dpt:22 state ESTABLISHE
root@server2:~# 

Configurazione knockd.conf per l'apertura di più porte

Nell'esempio sopra esposto si è visto come aprire una sola porta. Se l'esigenza fosse però quella di aprirne di più procedere creando più sessioni «[openServizio]» e «[closeServizio]». Questo sistema risulta però scomodo per ovvi motivi, per ottenere lo stesso risultato è consigliato usare degli script.

Modificare con un editor di testo e con i privilegi di amministrazione il file /etc/knockd.conf impostandolo come segue:

[options]
        logfile = /var/log/knockd.log

[open]
        sequence    = 7000,8000,9000
        seq_timeout = 30
        tcpflags    = syn
        command     = sh /etc/open_ports %IP%


[close]
        sequence    = 9000,8000,7000
        seq_timeout = 30
        tcpflags    = syn
        command     = sh /etc/close_ports %IP%

In questo caso invece di eseguire direttamente iptables si richiamano due script passando il parametro «%IP%» alla variabile speciale «$1».

Esempio di script open_ports

Modificare con un editor di testo e con i privilegi di amministrazione il file /etc/open_ports impostandolo come segue:

iptables -A INPUT -s $1 -p tcp --dport 22 -j ACCEPT
iptables -A INPUT -s $1 -p tcp --dport 21 -j ACCEPT
iptables -A INPUT -s $1 -p tcp --dport 631 -j ACCEPT
iptables -A INPUT -s $1 -p tcp --dport 5125 -j ACCEPT
iptables -A INPUT -s $1 -p tcp --dport 5126 -j ACCEPT
iptables -A INPUT -s $1 -p tcp --dport 8888 -j ACCEPT
iptables -A INPUT -s $1 -p tcp --dport 10000 -j ACCEPT
iptables -A INPUT -s $1 -p tcp --dport 81 -j ACCEPT

Esempio di script close_ports

Modificare con un editor di testo e con i privilegi di amministrazione il file /etc/close_ports impostandolo come segue:

iptables -D INPUT -s $1 -p tcp --dport 22 -j ACCEPT
iptables -D INPUT -s $1 -p tcp --dport 21 -j ACCEPT
iptables -D INPUT -s $1 -p tcp --dport 631 -j ACCEPT
iptables -D INPUT -s $1 -p tcp --dport 5125 -j ACCEPT
iptables -D INPUT -s $1 -p tcp --dport 5126 -j ACCEPT
iptables -D INPUT -s $1 -p tcp --dport 8888 -j ACCEPT
iptables -D INPUT -s $1 -p tcp --dport 10000 -j ACCEPT
iptables -D INPUT -s $1 -p tcp --dport 81 -j ACCEPT

Client

Di seguito viene mostrato come configurare i client a dipendenza del sistema operativo utilizzato.

Linux

Scaricare i sorgenti da questo indirizzo all'interno della propria Home e scompattarli, entrare nella cartella knock-0.x/src e digitare all'interno di una finestra di terminale il seguente comando:

gcc -o knock knock.c

Sempre da una finestra di terminale digitare il comando per la connessione oppure seguire i passaggi per creare un alias di connessione

Windows

Scaricare da questo indirizzo e digitare all'interno di una finestra DOS il comando per la connessione tralasciando la prima parte «./»

OSX

Consultare la relativa pagina.

Connessione

Per effettuare la connessione digitare il seguente comando all'interno di una finestra di terminale:

./knock -v ip_host port1 port2 port3 port... 

Nel caso una porta sia configurata tramite il protocollo UDP, usare la sintassi «port:udp»

Connessione usando un alias (solo linux)

Creare un alias aggiungendo la seguente riga al file .bash_aliases nella home dell'utente e creare successivamente il file "connectServer":

utente@client:/home/Scrivania/# cd
utente@client:~# vi .bash_aliases

Contenuto del file ~/.bash_aliases:

alias ll='ls -l'
alias la='ls -a'
alias count='ll | wc -l'
alias SshServer='~/connectServer' # Parte da aggiungere

Contenuto del file ~/connectServer

# ip_del_server va sostiuito con l'ip o il dns name del server a cui connettersi (es: 192.168.0.2 oppure www.myserver.com)
telnet ip_del_server 7000
telnet ip_del_server 8000
telnet ip_del_server 9000

# Attesa di due secondi prima di effettuare la connessione: il server potrebbe metterci del tempo prima di avviare il demone SSH!
sleep 2

# Da abilitare se si vuole effettuare la connessione con utente root
# ssh -l root ip_del_server

ssh ip_del_server

Salvare il file connectServer e assicurarsi che sia eseguibile:

utente@client:~# chmod +x connectServer

A questo punto per connettersi al server (dopo aver riaperto una shell, altrimenti il nuovo alias non sarà riconosciuto) basterà digitare quanto segue:

utente@client:~# SshServer

Ulteriori risorse



CategoryDaRevisionare