Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments

Redirected from page "ChrootConDebootstrap"

Clear message


Questa guida è stata verificata solo con versioni obsolete di Ubuntu, potrebbe non essere più valida. Vuoi contribuire ad aggiornarla? Clicca qui!

Problemi in questa pagina? Segnalali in questa discussione

Introduzione

Questa guida mostra come usare debootstrap per realizzare un ambiente virtuale chroot senza ricorrere all'uso di sistemi di virtualizzazione.

Installazione

È necessario installare i pacchetti debootstrap e schroot.

Configurazione di schroot

Prima di proseguire, è necessario assegnare un nome all'ambiente virtuale e creare, con un editor di testo, un file di configurazione nella cartella /etc/schroot/chroot.d/. Digitare in una finestra di terminale:

sudo editor /etc/schroot/chroot.d/precise_i386.conf

Sostituire la dicitura «editor» con l'editor di testo scelto e «precise_i386» con il nome scelto per il sistema virtuale.

Inserire nel file di configurazione creato in precedenza tutte le informazioni necessarie al corretto funzionamento dell'ambiente virtuale. Quello che segue è un esempio:

[precise_i386]
description=Ubuntu 12.04 Precise for i386
type=directory
directory=/srv/chroot/precise_i386
#personality=linux32
root-users=bob
run-setup-scripts=true
run-exec-scripts=true
type=directory
users=alessio,milo,leo

Quello che segue è un elenco che illustra alcune delle opzioni possibili:

  • type: Il tipo di chroot, fra i valori ammessi ci sono plain, directory, file e loopback.

  • directory: Indica la cartella contenente il filesystem del sistema virtuale qualora sia di tipo directory; è consigliato impostare un percorso simile a /srv/chroot/.

  • personality: Tipo di architettura, da specificare se diversa da quella del sistema ospite.

  • users: Elenco degli utenti che potranno accedere al sistema virtuale tramite il comando schroot; è consigliato inserire il proprio nome utente.

  • root-users: Elenco degli utenti che potranno accedere al sistema virtuale tramite il comando schroot e ai quali verranno assegnati i privilegi di amministrazione.

È importante non racchiudere fra virgolette i valori inseriti dopo il carattere «=» e non inserire spazi prima e dopo lo stesso.

Avviare debootstrap

Il comando debootstrap scaricherà e decomprimerà un sistema Ubuntu di base nella cartella del sottosistema chroot.

Digitare i seguenti comandi in una finestra di terminale:

sudo mkdir -p /srv/chroot/precise_i386
sudo debootstrap --variant=buildd --arch i386 precise /srv/chroot/precise_i386 http://archive.ubuntu.com/ubuntu/

I precedenti comandi sono validi per qualsiasi distribuzione derivata da Debian, é sufficiente sostituire i parametri «precise», «i386» e l'indirizzo degli archivi con quelli appropriati alla configurazione desiderata. Per esempio, con il seguente comando si può creare un sottosistema chroot di Ubuntu 11.10 «Oneiric Ocelot» per architetture amd64:

sudo debootstrap --arch amd64 oneiric /srv/chroot/oneiric_amd64/ http://archive.ubuntu.com/ubuntu/

Per creare un sottosistema Debian per architetture a 64 bit è possibile utilizzare un comando simile al seguente:

sudo debootstrap --arch amd64 sid /srv/chroot/sid_amd64/ http://ftp.debian.org/debian/

È necessario adattare il file di configurazione al sottosistema installato.

Verificare il chroot

Il seguente comando visualizza l'elenco dei sottosistemi installati e configurati:

schroot -l

Se nell'elenco è visibile la voce relativa al chroot desiderato, è possibile effettuarvi l'accesso come amministratore digitando il seguente comando in una finestra di terminale:

schroot -c lucid_i386 -u root

Sostituire la dicitura «lucid» con quella adatta alla propria configurazione.

Gestione dei collegamenti fra il sistema ospite e quello virtuale

Per comodità, le cartelle presenti in «/home» vengono montate all'interno del sistema virtuale. Nel caso si desideri una diversa configurazione, è sufficiente aprire il file /etc/schroot/mount-defaults con un editor di testo con i privilegi di amministrazione e commentare le righe relative alle cartelle degli utenti.

Quello che segue è un esempio:

# mount.defaults: static file system information for chroots.
# Note that the mount point will be prefixed by the chroot path
# (CHROOT_PATH)
#
# <file system> <mount point>   <type>  <options>       <dump>  <pass>
proc            /proc           proc    defaults        0       0
/dev/pts        /dev/pts        none    rw,bind         0       0
tmpfs           /dev/shm        tmpfs   defaults        0       0
#/home           /home           none    rw,bind         0       0
/tmp            /tmp            none    rw,bind         0       0

Installazione di un sistema di base

Prima di procedere con l'installazione dei pacchetti è necessario accedere al sistema virtuale. Digitare il seguente comando:

schroot -c precise_i386 -u root

Sostituire la dicitura «precise» con quella adatta alla propria configurazione.

Per installare i pacchetti di base all'interno di un sistema chroot è sufficiente digitare i seguenti comandi:

apt-get install ubuntu-minimal

Se si desidera installare il supporto per la lingua italiana è sufficiente digitare i seguenti comandi:

dpkg-reconfigure locales
apt-get install language-pack-it
locale-gen it.UTF-8

Ulteriori risorse


CategoryProgrammazione CategoryEmulatori CategoryDaRevisionare