• Pagina non alterabile
  • Informazioni
  • Allegati


Questa guida è stata verificata solo con versioni obsolete di Ubuntu, potrebbe non essere più valida. Vuoi contribuire ad aggiornarla? Clicca qui!

Problemi in questa pagina? Segnalali in questa discussione

Introduzione

All'interno di questa pagina sono presenti le istruzioni per installare i driver legacy necessari al funzionamento al funzionamento delle schede wireless Ralink.

I driver in questione potrebbero non essere supportati da NetworkManager. In caso di conflitti si consiglia di rimuovere il pacchetto network-manager.

Schede supportate

I chip Ralink che sono attualmente supportati dal driver rt2x00 sono:

  • RT2400 (PCI/PCMCIA)
  • RT2500 (PCI/PCMCIA)
  • RT2570 (USB)
  • RT61 (PCI/PCMCIA)
  • RT73 (USB)

Preparativi

Scaricare e salvare all'interno della propria Home l'ultima versione del driver per il proprio chip:

Per utilizzare i moduli legacy è necessario disabilitare il caricamento dei moduli presenti nel kernel per evitare dei confilitti, quindi digitare i seguenti comandi all'interno di una finestra di terminale:

sudo rmmod rt2400pci  
sudo rmmod rt2500pci  
sudo rmmod rt2500usb  
sudo rmmod rt2x00lib  
sudo rmmod rt2x00pci  
sudo rmmod rt2x00usb  
sudo rmmod rt61pci  
sudo rmmod rt73usb

Per impedirne il caricamento automatico all'avvio del sistema modificare con un editor di testo e i privilegi di amministrazione il file /etc/modprobe.d/blacklist aggiungendo in fondo le seguenti righe:

blacklist rt2400pci  
blacklist rt2500pci  
blacklist rt2500usb  
blacklist rt2x00lib  
blacklist rt2x00pci  
blacklist rt2x00usb  
blacklist rt61pci  
blacklist rt73usb

Installazione

  1. Rimuovere eventuali vecchie configurazioni digitando all'interno di una finestra di terminale il seguente comando:

    sudo rm -R /etc/Wireless/RT*STA
  2. Per compilare i driver è necessario installare il pacchetto build-essential e i file header del kernel in uso, quindi digitare il seguente comando:

    sudo apt-get install build-essential linux-headers-`uname -r`
  3. Estrarre l'archivio scaricato in precedenza digitando il seguente comando all'interno di una finestra di terminale:

    tar -xvf chip-cvs-daily.tar.gz
    Sostituire la dicitura «chip» con il nome del chip utilizzato.
  4. È possibile compilare il nuovo modulo nel kernel digitando all'interno di una finestra di terminale i seguenti comandi:

    cd rt73-cvs-*
    cd Module
    make
    strip -S rt73.ko
    sudo make install
    Sostituire le diciture «chip» con il nome del chip utilizzato.
  5. Per caricare il modulo è sufficiente digitare il seguente comando all'interno di una finestra di terminale:

    sudo modprobe rt73
  6. Verificare il corretto funzionamento della scheda wireless accertandosi della comparsa di una nuova interfaccia di rete digitando all'interno di una finestra di terminale il segunte comando:

    iwconfig

    La seguente procedura va ripetuta dopo ogni aggiornamento del kernel.

  7. Per far sì che il modulo venga caricato automaticamente all'avvio del sistema è necessario modificare con un editor di testo e i privilegi di amministrazione il file /etc/modules aggiungendo il nome del modulo del chip utilizzato

Configurazione

Modificare con un editor di testo e i privilegi di amministrazione il file /etc/network/interfaces aggiungendo le istruzioni per configurare il protocollo di sicurezza utilizzato per proteggere l'access point.

Sostituire le seguenti diciture «NomeRete», «TuaChiaveWEP», «TuaChiaveWPA» nonché i vari parametri di configurazione della rete con i valori relativi alla propria configurazione.

  • Rete non protetta:

    auto wlan0
    iface wlan0 inet static
    address 192.168.1.2
    netmask 255.255.255.0
    network 192.168.1.0
    gateway 192.168.1.1
            pre-up ifconfig wlan0 up
            pre-up iwconfig wlan0 essid "NomeRete"
            pre-up iwconfig wlan0 mode Managed
            pre-up iwconfig wlan0 channel 8
            pre-up iwpriv wlan0 set SSID="NomeRete"
  • Protocollo WEP:

    auto wlan0
    iface wlan0 inet static
    address 192.168.1.2
    netmask 255.255.255.0
    network 192.168.1.0
    gateway 192.168.1.1
            pre-up ifconfig wlan0 up
            pre-up iwconfig wlan0 essid "NomeRete"
            pre-up iwconfig wlan0 mode Managed
            pre-up iwconfig wlan0 channel 8
            pre-up iwpriv wlan0 set AuthMode=WEPAUTO
            pre-up iwpriv wlan0 set EncrypType=WEP
            pre-up iwpriv wlan0 set Key1="TuaChiaveWEP"
            pre-up iwpriv wlan0 set SSID="NomeRete"
  • Protocollo WPA:

    auto wlan0
    iface wlan0 inet static
    address 192.168.1.2
    netmask 255.255.255.0
    network 192.168.1.0
    gateway 192.168.1.1
            pre-up ifconfig wlan0 up
            pre-up iwconfig wlan0 essid "NomeRete"
            pre-up iwconfig wlan0 mode Managed
            pre-up iwconfig wlan0 channel 8
            pre-up iwpriv wlan0 set AuthMode=WPAPSK
            pre-up iwpriv wlan0 set EncrypType=TKIP
            pre-up iwpriv wlan0 set WPAPSK="TuaChiaveWPA"
            pre-up iwpriv wlan0 set SSID="NomeRete"
  • Protocollo WPA2:

    auto wlan0
    iface wlan0 inet static
    address 192.168.1.2
    netmask 255.255.255.0
    network 192.168.1.0
    gateway 192.168.1.1
            pre-up ifconfig wlan0 up
            pre-up iwconfig wlan0 essid "NomeRete"
            pre-up iwconfig wlan0 mode Managed
            pre-up iwconfig wlan1 channel 8
            pre-up iwpriv wlan0 set AuthMode=WPA2PSK
            pre-up iwpriv wlan0 set EncrypType=AES
            pre-up iwpriv wlan0 set WPAPSK="TuaChiaveWPA2"
            pre-up iwpriv wlan0 set SSID="NomeRete"

Riavviare il sistema per verificare il corretto funzionamento.

Ulteriori risorse


CategoryHardware CategoryDaRevisionare