Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments


Guida verificata con Ubuntu: 16.04 18.04

Problemi in questa pagina? Segnalali in questa discussione

Introduzione

La gestione dei processi del sistema da parte del kernel è caratterizzata da una certa latenza (intervallo di tempo). In alcuni ambiti specifici, come nell'audio/video editing professionale, si rende necessario poter abbassare questa latenza.

Si prenda ad esempio il caso di più tracce audio riprodotte contemporaneamente con la necessita di registrarne una in presa diretta. Il sistema in situazioni come questa può andare incontro a ritardi sia nella riproduzione che nella registrazione audio.

Processori e memorie RAM sempre più potenti hanno in parte ridotto problematiche di questo tipo, tuttavia l'installazione di un kernel a bassa latenza evita di andare incontro a tali rischi.

Installazione e avvio

  1. Installare il pacchetto linux-lowlatency.

  2. Riavviare il sistema.
  3. Il nuovo kernel apparirà nella lista dei kernel avviabili nel menù di Grub. Se Ubuntu è l'unico sistema installato, per visualizzare il menù è sufficiente tenere premuto il tasto Shift sinistro (Maiusc) dopo l'accensione del computer.

  4. Selezionare la voce linux-lowlatency e premere Invio.

Se si desidera che il sistema si avvii sempre con il kernel a bassa latenza, ma quest'ultimo non fosse impostato come kernel predefinito, consultare la seguente guida.

Configurazione

Per fare in modo che alcuni software multimediali possano sfruttare a pieno la bassa latenza occorre:

  • settare i parametri realtime nel file /etc/security/limits.conf

  • assicurarsi che il proprio utente appartenga al gruppo realtime.

Parametri realtime

  1. Aprire con i privilegi di amministrazione e con un editor di testo il file /etc/security/limits.conf.

  2. Inserire prima della stringa # End of file le seguenti stringhe:

    @realtime   -  rtprio     99
    @realtime   -  memlock    unlimited
    e quindi salvare e chiudere il file.

Gruppo realtime

  1. Se non è già presente (verificare nel file /etc/group) aggiungere il gruppo realtime digitando in un terminale:

    sudo groupadd realtime
  2. Aggiungere il proprio utente al gruppo realtime con il comando:

    sudo usermod -a -G realtime $USER

Ulteriori risorse


CategoryAmministrazione CategoryMultimedia