Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments


Premessa

Tutto quello che troverete scritto in questa guida è frutto di ricerche su vari forum italiani e stranieri; è stato riassunto tutto in questa guida per comodità di chi vorrà leggere.

Pur non avendo mai riscontrato malfunzionamenti, si raccomanda caldamente di
fare un backup dei contenuti dello ZEN prima di mettere in pratica i contenuti di
questa guida.
Si declina OGNI RESPONSABILITÀ per eventuali danneggiamenti e/o perdite di dati.

Introduzione

Questa guida spiega come utilizzare il Creative ZEN con Ubuntu. Per far riconoscere il dispositivo è necessario innanzitutto avere installato la versione più recente delle libmtp, che permettono al nostro sistema di supportare il protocollo "Media Transfer Protocol" utilizzato dallo ZEN per trasferire i dati.
E' poi necessaria una interfaccia grafica che renda il trasferimento dei files più agevole. Si può utilizzare sia il programma gnomad2, sia delle apposite librerie che permettono di utilizzare lo ZEN come una comune chiave USB, esplorabile quindi con Nautilus.

Riconoscimento dello ZEN con gnomad2

Aggiornare le libtmp

La versione delle librerie libmtp disponibile su Ubuntu non è aggiornata e non permette al sistema di riconoscere correttamente lo ZEN. Bisogna quindi aggiornarle alla versione più recente presente in rete.

Scaricare da qui i sorgenti della versione più recente (attualmente è la 0.2.6.1).

Scompattare i sorgenti, andare nella cartella appena creata da terminale e digitare

./configure --prefix=/usr 

Poi:

sudo checkinstall 

Stiamo utilizzato il comando checkinstall (vedere la guida per ulteriori dettagli). E' necessario quindi aver installato l'omonimo pacchetto.

Ora verrà chiesto di creare una documentazione (è indifferente ciò che si risponde), poi di immettere una descrizione (è quello che si vedrà in synaptic quando si selezionerà questo pacchetto).
Infine verranno presentati vari campi con i dati del pacchetto da creare.
Digitare 2 e cambiate il nome in libmtp6 se si utilizza Ubuntu 7.10 (altrimenti bisogna prima controllare in synaptic che numero c'è nella versione in uso).
In questo modo verrà sostituita la versione già predefinita di Ubuntu.

Ora si può procedere con la compilazione.

Infine digitare

./hotplug.sh 

Installare gnomad2

La versione 2.9.1 è già disponibile in formato .deb qui.

Se si preferisce compilare direttamente da sorgenti, bisogna scaricare l'ultima versione da qui. Scompattare i sorgenti, andare nella cartella appena creata da terminale e digitare

./configure --prefix=/usr 

Poi:

sudo checkinstall 

Ora si dovrebbe essere in grado di gestire il lettore con gnomad2 (menù Applicazioni -> Audio e Video -> gnomad2).

A partire dalla versione 2.9.1 di gnomad2 è stato aggiunto anche il supporto alla gestione delle cartelle. Quindi è ora possibile organizzare il contenuto dello ZEN anche utilizzando questo programma.

Utilizzare lo ZEN come una periferica USB

Installare MTPfs

Queste librerie sviluppate da Chris Debenham permettono di montare lo ZEN come se fosse una normale periferica USB. Questo consente di gestire le cartelle al suo interno come più ci aggrada. Per il loro corretto funzionamento necessitano, oltre che delle libmtp già installate, dei seguenti pacchetti: fuse-utils, libfuse2, libfuse-dev, libmad0-dev e libid3tag0-dev

Scaricare l'ultima versione (attualmente è la 0.7) da qui

Per compilare la v0.7 è necessario avere prima installato il pacchetto automake. In alternativa è possibile scaricare la versione precedente a questo indirizzo http://www.adebenham.com/mtpfs/mtpfs-0.6.tar.gz.

Scompattare i sorgenti, andare nella cartella appena creata e digitare da terminale

./configure --prefix=/usr 

Poi:

sudo checkinstall 


Ora si può montare lo ZEN con il seguente comando

mtpfs <punto di mount> 

e smontarlo con quest'altro

fusermount -u <punto di mount> 

Sostituendo <punto di mount> con il percorso di una cartella (senza <>) che bisogna aver già creato e che deve essere vuota. Naturalmente bisogna avere i diritti su quella cartella, oppure è necessario digitare sudo prima dei comandi.

Icona sulla Scrivania e nel menù Risorse

Per automatizzare il processo e fare in modo che quando viene connesso lo ZEN appaia un'icona sul desktop e nel menù Risorse procedere come segue.

Da terminale digitare

sudo mkdir /media/Creative-ZEN 

sostituendo "Creative-ZEN" con il nome che verrà utilizzato per identificare la periferica.

Per montare lo ZEN nella cartella appena creata utilizzare il comando

sudo mtpfs /media/Creative-ZEN -o allow_other 

Dovrebbe ora comparire un'icona sul desktop.

Per smontare lo ZEN

sudo fusermount -u /media/Creative-ZEN 

Montare/smontare lo ZEN senza password di root

Per evitare di dover digitare la password di root ogni volta, bisogna modificare il file /etc/sudoers
Per approfondire l'argomento consultare la guida.

Prima di modificare un file di sistema è sempre consigliabile fare una copia di backup. Per eseguire il backup:

sudo cp /etc/sudoers  /etc/sudoers.backup

Per l'eventuale ripristino:

sudo cp /etc/sudoers.backup /etc/sudoers


Effettuato il backup, procedere con:

sudo visudo 

andare in fondo e dopo

Members of the admin group may gain root privileges 
%admin ALL=(ALL) ALL 

aggiungere questa riga

<vostro nome utente> ALL=(ALL) NOPASSWD: /usr/bin/mtpfs, /bin/fusermount

Inserendo il nome utente (senza <>). Se sono presenti più utenti sullo stesso sistema la sintassi è: utente1,utente2,utente3 (senza spazi).

Ora salvare e chiudere.

Fare ATTENZIONE ad eventuali errori di sintassi che potrebbero essere segnalati quando si tenta di salvare il nuovo file.

Nel caso in cui il suddetto metodo non funzionasse, digitare in un terminale

whereis fusermount

e

whereis mtpfs

Osservando l'output è possibile individuare gli eseguibili delle due applicazioni. E' necessario modificare la linea precedentemente aggiunta al file /etc/sudoers con i percorsi così individuati (ad esempio: /usr/local/bin/mtpfs invece di /usr/bin/mtpfs)

In questo modo non verrà più chiesta la password di root per montare/smontare lo ZEN.

Abilitare l'automount

Andare in Sistema -> Preferenze -> Unità e supporti rimovibili -> Multimedia -> Riproduttori portatili di musica -> Comando, e scrivere: sudo mtpfs /media/Creative-ZEN -o allow_other

Salvare e chiudere. Ora ogni volta che si collegherà il dispositivo comparirà automaticamente un'icona sul desktop.

Pulsanti per montare e smontare lo ZEN

E' utile creare un pulsante per smontare la ZEN: click destro sul pannello superiore o inferiore -> aggiungi al pannello -> lanciatore personalizzato e alla voce comando scrivere sudo fusermount -u /media/Creative-ZEN.

In alternativa si può creare un cassetto con le due icone, per montare e smontare lo ZEN

ZEN.png

Modificare l'icona dello ZEN

Una volta montato, cliccando con il destro sull'icona che vi compare sulla Scrivania => proprietà e cliccando sull'immagine vicino al nome è possibile associare un'icona più consona a questo lettore mp3 (ad esempio quella già presente in: /usr/share/icons/gnome/32x32/devices/multimedia-player.png). In alternativa è possibile utilizzare questa immagine come icona.

Problemi Noti

Rhythmbox

L'aggiornamento delle libmtp all'ultima versione non renderà più utilizzabile il plugin di Rhythmbox che permette il supporto di MTP.

Una soluzione proposta per ovviare a questo inconveniente consiste nel creare un collegamento simbolico.
Da terminale digitare

sudo ln -s /usr/lib/libmtp.so /usr/lib/libmtp.so.6

Trasferimento file video

Dopo l'aggiornamento all'attuale versione delle libmtp si verifica un problema alquanto strano che fino ad ora nessun utente è riuscito a risolvere. Quando si utilizza Ubuntu per trasferire un filmato sullo ZEN questo può essere visualizzato correttamente, ma non è possibile scorrerlo velocemente. E' un inconveniente molto fastidioso, soprattutto per filmati di lunga durata. L'unica possibile soluzione è quella di copiare i video su di una scheda SD con Ubuntu, inserirla nello ZEN e quindi visualizzare i filmati direttamente da lì, oppure importarli sullo ZEN con l'apposita funzione.

Ulteriori risorse


CategoryHomepage