• Pagina non alterabile
  • Informazioni
  • Allegati

La newsletter della comunità

Collabora anche tu!

NewsletterItaliana/Materiale/logo_new_newsletter.png

Benvenuta/o alla newsletter della comunità italiana di Ubuntu! Questo è il numero 18 del 2017, riferito alla settimana che va da lunedì 8 maggio a domenica 14 maggio. Per qualsiasi commento, critica o lode, contattaci attraverso la mailing list del gruppo promozione.

Notizie dalla comunità internazionale

In arrivo nuovi aggiornamenti per Kubuntu 16.04 LTS e 17.04

Gli sviluppatori di Kubuntu hanno lavorato negli ultimi giorni per fornire nuovi aggiornamenti a diversi programmi per Kubuntu, la derivata ufficiale di Ubuntu con ambiente grafico KDE. Tra le novità che saranno introdotte:

Kubuntu 17.04 Zesty:

  • Frameworks 5.33
  • Plasma 5.9.5
  • digikam 5.5
  • konversation 1.7
  • krita 1.3.1
  • krusader 2.6.0
  • labplot 2.4.0
  • yakuake 3.0.4

Kubuntu 16.04 LTS Xenial:

  • Frameworks 5.33
  • Plasma 5.8.6

Attualmente in fase di test, questi aggiornamenti saranno resi disponibili tramite il PPA Kubuntu Backports.

Fonte: lists.ubuntu.com


Notizie dallo Stivale

Il Consorzio GARR ha creato una rete cloud basata su Ubuntu

GARR, il principale consorzio di rete per la ricerca e l'istruzione italiana, gestisce una rete di fibre ottiche di 15.000 Km dedicata alla ricerca e all'educazione italiane e offre connettività ad alte prestazioni e servizi avanzati a circa 4 milioni di utenti e oltre 1.200 istituti di ricerca, università, Istituzioni culturali, biblioteche, musei e scuole.

L'infrastruttura cloud di GARR è costituita da centri dati in 5 diverse posizioni, per la gestione ha creato un cloud federato che utilizzando gli strumenti del modello Ubuntu OpenStack di Canonical, come MAAS e Juju ha raggiunto livelli di efficienza più comunemente visibili nei grandi centri dati di Google e AWS.

La rete GARR è costruita e gestita dal Consorzio GARR, un'organizzazione no-profit fondata sotto l'egida del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. I membri fondatori sono: CNR, ENEA, INFN e CRUI Foundation, che rappresentano le università italiane.

Fonte: insights.ubuntu.com
Fonte: garr.it


Notizie dal Mondo

Cinnamon 3.4 rilasciato, ecco come installarlo su Ubuntu

Clement Lefebvre di Linux Mint ha annunciato il rilascio di Cinnamon 3.4, l'ultimo aggiornamento stabile di uno degli ambienti desktop più popolari in ambito Linux. Cinnamon 3.4 è una release minore, composta principalmente da correzioni di bug, da miglioramenti delle prestazioni e da alcune modifiche minori all'usabilità. Cinnamon Spices, il repository ufficiale degli add-on per Cinnamon, è stato ridisegnato e presenta ora diversi extra opzionali, come temi, widget e applet, che gli utenti possono aggiungere al desktop Cinnamon in maniera semplice e agevole.

Cinnamon 3.4 presenta le seguenti importanti modifiche:

  • Griglia desktop
  • Miglioramenti ai multi-processi
  • Supporto ai jolly nella ricerca dei file
  • Opzioni addizionali per la configurazione degli screensaver
  • Migliore configurazione dell'accelerazione e della sensibilità del mouse
  • Supporto a LightDM nelle impostazioni di sistema

Per una visione più completa delle novità di Cinnamon 3.4 è consigliabile consultare il change-log sul repository ufficiale. Se si sta utilizzando Ubuntu 16.04 LTS o Ubuntu 17.04 è possibile installare la versione più recente del desktop Cinnamon, da un PPA appositamente predisposto, attraverso i seguenti comandi da terminale:

  • sudo add-apt-repository ppa:embrosyn/cinnamon
  • sudo apt update && sudo apt install cinnamon

Una volta completato il processo di download e di installazione, sarà possibile accedere al desktop di Cinnamon dalla schermata di login selezionando la apposita sessione.

Fonte: omgubuntu.co.uk

Nasce il progetto Halium!

Le alternative GNU/Linux ad Android nel mercato mobile hanno sempre sofferto se non fallito nell'emergere, ne è un esempio il recente abbandono da parte di Canonical del progetto Ubuntu Touch, preso poi in mano dal team di UBports.

Molti dei problemi riscontrati durante lo sviluppo di sistemi operativi alternativi ad Android è dovuto alla mancanza di driver open source per i driver dei dispositivi mobile. Per risolvere questo problema, tutti i S.O. usano i sorgenti di Android, tuttavia, essendo diversi seppur simili da quelli del kernel GNU/Linux, gli sviluppatori hanno sempre dovuto in qualche modo "adattarsi" trovando soluzioni diverse agli stessi problemi. Nel corso degli anni è stato più volte chiesto che queste realtà mobile del mondo open source, avendo lo stesso obiettivo, collaborassero tra loro ma, per un motivo o un altro, ciò non è mai successo... almeno fino a questo momento! Siamo felici di dare il benvenuto al progetto Halium!

Nuovo nascituro del mondo delle comunità open source, partorito dalle menti dei team e delle comunità di KDE Plasma Mobile, UBPorts e Sailfish OS/Mer, si pone il fine di creare una piattaforma comune per le distribuzioni GNU/Linux su dispositivi nati con Android. L'idea nasce anche dopo aver notato che le suddette distribuzioni (e anche altre) utilizzano gli stessi componenti, pur avendoli integrati in maniera diversa, per fornire all'utente le funzionalità necessarie per l'uso quotidiano; ne sono un esempio: libhybris, ofono, libcamera, etc... Attualmente, oltre ad aver stilato una bozza per la definizione del nuovo standard, il nuovo team sta lavorando ad una prima immagine per Nexus 5 che potrà essere riutilizzata da tutte le distribuzioni interessate.

Uno degli obiettivi finali che si pone il team è quello di poter costruire un repository contenente immagini Android per ogni dispositivo e riutilizzabili dal tutte le distribuzioni coinvolte unendo quindi gli sforzi che le varie comunità attualmente dedicano ad esempio al porting su nuovi dispositivi.

Per maggiori informazioni non possiamo che rimandarvi alla homepage del progetto.

Fonte: halium.org

Debian stable: rilasciata la versione 8.8

Il team del progetto Debian, il 6 maggio, ha annunciato l'ottavo aggiornamento dell'attuale distribuzione stable Debian 8 "jessie". Questo rilascio comprende per lo più correzioni di sicurezza, oltre a piccole correzioni per i bug ritenuti di maggior importanza da parte degli sviluppatori.

Trattandosi di un "aggiornamento di versione" e non di una "nuova versione", gli utenti che stanno già utilizzando Debian 8 non dovranno far altro che aggiornare, come di consueto, la loro installazione per poter beneficiare delle correzioni apportate, la cui lista è disponibile nella pagina dell'annuncio.

Fonte: debian.org


Aggiornamenti e statistiche

Aggiornamenti di sicurezza

Gli annunci di sicurezza sono consultabili nell'apposita sezione del forum.

Bug riportati

  • Aperti: 131586, +10 rispetto alla scorsa settimana.

  • Critici: 423, +4 rispetto alla scorsa settimana.

  • Nuovi: 65127, −606 rispetto alla scorsa settimana.

È possibile aiutare a migliorare Ubuntu, riportando problemi o malfunzionamenti. Se si desidera collaborare ulteriormente, la Bug Squad ha sempre bisogno di una mano.

Statistiche del gruppo sviluppo

Segue la lista dei pacchetti realizzati dal GruppoSviluppo della comunità italiana nell'ultima settimana:

Mattia Rizzolo

Se si vuole contribuire allo sviluppo di Ubuntu correggendo bug, aggiornando i pacchetti nei repository, ecc... il gruppo sviluppo è sempre alla ricerca di nuovi volontari.


Commenti e informazioni

"Noi siamo ciò che siamo per merito di ciò che siamo tutti"
La tua newsletter preferita è scritta grazie al contributo libero e volontario della comunità ubuntu-it. Per metterti in contatto con il Gruppo Social Media o se vuoi contribuire alla redazione di articoli per la Newsletter, puoi scrivere alla mailing list del gruppo promozione.

In questo numero hanno partecipato alla redazione degli articoli:

Licenza adottata

La newsletter italiana di Ubuntu è pubblicata sotto la licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0.

Uscite settimanali

Per ricevere la newsletter direttamente nella tua casella di posta, cambiare le impostazioni di ricezione o annullare la tua iscrizione alla newsletter, consulta questa pagina.
Per tutti i numeri usciti della newsletter, consulta la nostra edicola.


CategoryComunitaNewsletter CategoryComunitaPromozione