Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments


NewsletterItaliana/Materiale/logo_new_newsletter.png

Benvenuti alla newsletter della comunità Italiana di Ubuntu! Questo che leggete è il numero 12 del 2014, riferito alla settimana che va da lunedì 17 a domenica 23 marzo. Per qualsiasi commento, critica o lode contattaci attraverso la mailing list del gruppo promozione.

Notizie da Ubuntu

Previsto per l'autunno il lancio dei primi tablet Ubuntu

Mark Shuttleworth ha annunciato l'arrivo dei tablet equipaggiati con Ubuntu in contemporanea con gli smartphone, spiegando che la decisione di rallentare il lancio degli smartphone è stata presa in accordo con i gestori delle reti mobili, proprio per sincronizzarne gli sviluppi.

L'attuale ciclo di sviluppo di Ubuntu 14.04 è stato finalizzato nel mettere a punto le specifiche per i tablet con l'arrivo di una versione 1.0 per aprile, mentre prosegue a ritmo sostenuto il lavoro sull'ottimizzazione del nuovo display server Mir per gestire gli schermi più grandi.

Il lancio dei dispositivi sul mercato nella seconda metà di quest'anno è comunque una novità, e il partner potrebbe essere tra quelli che già producono i notebook con Ubuntu, come Lenovo o HP o forse System76. Oppure BQ, che sta già sviluppando gli smartphone.

Nel 2015 poi dovrebbe iniziare la produzione di altri fornitori, anche da parte dei big del settore. Per allora, Unity 8 arriverà sul desktop, e dovrebbero vedere la luce la "convergenza", il progetto che vede i PC sostituiti da disposivi mobili.

Shuttleworth ha lasciato una porta aperta agli sviluppi di Ubuntu TV e per i dispositivi "waerable" (indossabili). "Ubuntu è davvero unico per il design sugli smartphone, ma allo stesso tempo è anche progettato per altri ecosistemi, dagli indossabili al PC."

Fonte

ACPI, firmware e la vostra sicurezza

Firmware "closed" oppure "open"? Mark Shuttleworth ha scritto un post a questo proposito sul suo blog, affermando che l’adozione di firmware Open Source contribuirebbe notevolmente sia alla compatibilità dei sistemi operativi sia alla sicurezza degli utenti.

Quando si parla di firmware si indendono i programmi integrati nei componenti elettronici, il cui scopo è quello di avviarli e interagire in maniera adeguata con gli altri elementi hardware. Il termine deriva dall'unione di "firm" (stabile) e "ware" (componente). Questi programmi sono strettamente connessi all'hardware, per cui non sono facilmente modificabili dall'utente finale.

Mark afferma che il punto cruciale è che viviamo in un’era in cui qualsiasi firmware in esecuzione su telefoni, tablet, PC, TV, router, lavatrici, server o altro può essere un potenziale vettore di virus. In altre parole: il firmware closed, scritto "male", può essere soggetto a imprevedibili falle di sicurezza: un buco nero di insicurezza!

Se si legge infatti il catalogo di armi digitali e di spionaggio fornito l'informatico ed ex tecnico della CIA Edward Snowden, è possibile notare come il firmware sia stato il migliore alleato della "National Security Agency" - i servizi segreti degli Stati Uniti - nelle sue azioni di controllo e spionaggio.

Afferma Mark Shuttleworth:

"Discutere sull’ACPI per il vostro dispositivo di nuova generazione è come discutere dell’installazione di un trojan di proporzioni monumentali nel vostro salotto e sul vostro Data Center" (ACPI è una funzione che fornisce informazioni preziose riguardanti il dispositivo elettronico).

Secondo Shuttleworth, la soluzione al problema dell’ACPI consiste nell’includere il firmware all’interno del kernel. In alternativa sarebbe utile che i produttori rendessero trasparenti i collegamenti hardware e le dipendenze.

Fonte

Notizie dalla comunità

Votazione nuovo logo Ubuntu-it

Sono aperte le votazioni per scegliere il nuovo logo della comunità italiana di Ubuntu. Chi lo desidera, può votare il logo preferito a questo indirizzo. Saranno presi in considerazione dalla giuria solo i tre loghi che avranno ricevuto i maggiori consensi da parte dei partecipanti alla consultazione on-line. Dopo la compilazione del modulo, sarà inviata una e-mail contenente un link per confermare il voto del "Contest logo ubuntu-it". Attenzione però: è possibile votare fino alla mezzanotte di domenica 30 marzo.

Fonte

Altre notizie

Dal mondo

Rilasciato l'Intel Driver Installer 1.0.4

L'interesse sempre più spiccato per Linux delle grandi compagnie di gaming come Valve, inizia a vedere i suoi frutti. I maggiori produttori di hardware grafico, come AMD, NVIDIA e Intel hanno infatti iniziato una vera e propria rivoluzione dei loro driver per Linux. A cavalcare la corrente è Intel che, questa settimana, ha rilasciato la versione 1.0.4 del suo strumento automatico per l'installazione dei Driver video. L'ultima versione del software, infatti, installabile su Ubuntu 13.10 e Fedora 20, permette con un click di cercare e installare automaticamente gli ultimi aggiornamenti per i driver video della propria scheda video Intel.

Il tool è comunque usabile dagli utenti di Ubuntu 13.04 e Fedora 19, che però non potranno usufluire degli ultime versioni dei driver, ottimizzate solamente per le versioni più recenti dei due sistemi operativi.

Fra le novità c'è il supporto alla CPU Intel Celeron N281, l'accelerazione grafica SNA e un risparmio energetico migliorato per i neonati chipset Haswell.

È possibile scaricare il file di installazione .deb per sistemi operativi a 32bit o a 64bit dal sito ufficiale Intel Open Source Tecnology Center.

Dallo stivale

Petizione: software libero nelle scuole Italiane

Come molti avranno notato, i produttori di software proprietario offrono a studenti, scuole e università le cosiddette licenze "Educational", fruibili ad un prezzo molto più basso di quello praticato ai comuni utenti.

Ciò accade non per disinteressato spirito mecenate, ma per creare nel mondo dell'istruzione uno "standard", vale a dire "abitudine" e "dipendenza" nei confronti di determinati programmi.

Per questo è nata in rete l'iniziativa di una petizione intitolata "Linux nelle scuole Italiane", al fine di sensibilizzare e promuovere le migrazioni verso il software a codice aperto.

A proposito di questa interessante iniziativa online, diversi sottoscrittori hanno affermato che questo appello per il passaggio al software libero, non rappresenta più un vezzo di alcuni "illuminati", ma una vera e propria necessità, se si vuole sviluppare una adeguata cultura informatica non "proprietaria" abbinata ad un considerevole ottimizzazione della spesa.

Fonte

Dalla blogosfera

Portal 2: prima beta per Linux

Ottime notizie per gli amanti dei videogiochi: poco meno di un mese fa Steam ha annunciato il rilascio di Portal 2 per Linux!

Per il momento si tratta però solo di una versione Beta: gli sviluppatori di Steam contano sulla collaborazione di tutti per individuare possibili problemi. Per segnalare bug o verificare quelli già segnalati, potete visitiare la pagina dedicata su Github.

Fonte

Aggiornamenti e statistiche

Aggiornamenti di sicurezza

Gli annunci di sicurezza si possono trovare nell'apposita sezione del forum.

Bug riportati

  • Aperti: 107075, +95 rispetto la scorsa settimana;

  • Critici: 180, +8 rispetto la scorsa settimana;

  • Nuovi: 52904, +10 rispetto la scorsa settimana.

È possibile come sempre aiutare a migliore Ubuntu riportando problemi o malfunzionamenti. Se si desidera collaborare ulteriormente, la Bug Squad ha sempre bisogno di una mano.

Statistiche del gruppo sviluppo

Segue la lista dei pacchetti realizzati dalla comunità italiana nell'ultima settimana:

Alessio Treglia

Se si vuole contribuire allo sviluppo di Ubuntu correggendo bug, aggiornando i pacchetti nei repository, ecc... il gruppo sviluppo è sempre alla ricerca di nuovi volontari.

Commenti e informazioni

"Noi siamo ciò che siamo per merito di ciò che siamo tutti"

La tua newsletter preferita è scritta grazie al contributo libero e volontario della comunità ubuntu-it. Per metterti in contatto con noi, e quindi con il «Sovrano Ordine dei Cronisti della Tavola Ovale» della newsletter italiana, o se vuoi contribuire alla redazione degli articoli, puoi scrivere alla mailing list del gruppo promozione.

In questo numero hanno partecipato alla redazione degli articoli:

Licenza adottata

La newsletter italiana di Ubuntu è pubblicata sotto la licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0.

Uscite settimanali

Per ricevere la newsletter direttamente nella tua email, iscriviti qui.
Per tutti i numeri usciti della newsletter, consultare la nostra edicola.


CategoryComunitaNewsletter