Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments


NewsletterItaliana/Materiale/logo-newsletter.png

Benvenuti alla newsletter della comunità Italiana di Ubuntu! Questo che leggete è il numero 11 del 2011, riferito alla settimana che va da lunedì 14 a domenica 20 marzo. Per qualsiasi commento, critica o lode contattaci attraverso la mailing list del gruppo promozione.

Notizie da Ubuntu

Cercasi designer per il banner del conto alla rovescia di Natty

Mancano poche settimane al rilascio di Ubuntu 11.04, e comincia la mobilitazione per prepararsi al grande evento. Tra le cose più urgenti da fare c'è senz'altro la preparazione dei banner che scandiranno il conto alla rovescia fino a giovedì 28 aprile, quando Natty sarà ufficialmente rilasciata. La comunità internazionale di Ubuntu lancia quindi un concorso destinato a tutti i creativi che vogliano cimentarsi nell'impresa.

I requisiti sono: dimensioni di 180x150 pixel, contenuti interattivi realizzati con HTML, CSS, JavaScript, mentre sono banditi PHP, Flash o altre tecnologie proprietarie. Inoltre, il banner deve coprire almeno i 28 giorni precedenti il rilascio, oltre a due immagini per il Natty-day: una precedente e una successiva al rilascio stesso, per un totale di 30 immagini. Tutte le informazioni sono dettagliate sulla pagina wiki di riferimento del contest.

Il concorso scade lunedì 4 aprile, e le prime proposte sono già arrivate. Partecipate numerosi!

Fonte

Notizie dalla comunità

Speciale FCM su Python volume 1

Anche se la serie di articoli sul linguaggio Python non si è ancora conclusa, Full Circle Magazine ha pubblicato il primo speciale, che raccoglie la serie degli articoli. In questo speciale sono raccolti i primi otto numeri pubblicati. Rispetto a quanto pubblicato a suo tempo nella rivista, il testo del codice è stato rivisto (per quanto possibile) e sono stati eliminati alcuni errori di impaginazione del codice.

Fonte

Altre notizie

Dal mondo

GNU Free Call sarà l’alternativa libera a Skype?

GNU Free Call è un nuovo e interessante progetto, che ha lo scopo di sviluppare e distribuire affidabili e auto-organizzati servizi multipiattaforma di comunicazione globale, da utilizzare sia per un uso domestico, sia da impiegare nell'ambito della pubblica amministrazione. Haakon Eriksen e David Sugar, sono i coordinatori di questo ambizioso programma, con l'obiettivo finale di creare un’alternativa al popolare Skype, però con codice e licenze completamente GPL. Alla base di GNU Free Call c'è il protocollo standard aperto SIP (Session Initiation Protocol), solitamente impiegato per applicazioni di telefonia su IP o VoIP.

Questo progetto di comunicazione libera, funziona attraverso una rete paritaria di computer, vale a dire senza nodi gerarchizzati client-server. Il SIP Witch, che fa parte anch'esso del progetto di Free Call, è un server di chiamata e registrazione funzionale al protocollo SIP. Un Sip Witch può funzionare come mediatore SIP, per tutti gli utenti desktop e per gli utilizzatori finali dei telefoni cellulari abilitati per IP, come Android.

Per chi volesse partecipare o conoscere più da vicino l'ambizioso piano strategico, può accostarsi ad un sito wiki utilizzato per la GNU telefonia, così come una mailing list per sip witch: sipwitch-devel@gnu.org. Inoltre, per discutere di architettura di base, problemi di privacy e suoi risvolti sociali, c'è un'apposita mailing list: gnucomm-privacy@gnu.org.

Fonte

Spagna: Il governo della Galizia pubblica uno studio comparativo sulle piattaforme eCommerce basate su software open-source.

La segreteria generale per la modernizzazione e l'innovazione tecnologica della Galizia (Secretaría General de Modernización e Innovación Tecnológica), lo scorso 7 Marzo 2011 ha pubblicato uno studio comparativo sulle piattaforme eCommerce basate su software open-source. Il documento è stato preparato dall'ufficio FLOSS del governo regionale.

Come stabilito nel piano d'azione 2010 della comunità autonoma, il FLOSS Coordination Office, ha il compito di elaborare studi sulle soluzioni tecnologiche e di business e sulle funzioni rivolte alle aziende presenti in Galizia.

Questo primo studio, dal titolo "Comparazione tra piattaforme di eCommerce basate su software open-source", mira a rispondere a due esigenze: aumentare la presenza su internet delle società galiziane e migliorare le varie piattaforme eCommerce open-source come canali di vendita su internet di prodotti e servizi da parte delle aziende locali.

Lo studio analizza e compara le principali soluzioni open-source disponibili per creare negozi Ecommerce su misura per le esigenze delle piccole e medie imprese in Galizia. Da una prima analisi delle applicazioni disponibili che occorrono per rendere operative le funzionalità di un eShop, il rapporto esamina la popolarità delle piattaforme basate su FLOSS: la loro classifica nei motori di ricerca, il numero di implementazioni e le dimensioni delle comunità degli utenti e degli sviluppatori di ciascuna piattaforma. A seguito di questa prima fase, sono stati selezionati e analizzati cinque dei più popolari strumenti web open-source utilizzati per l'avvio di negozi on-line, in merito ai loro punti di forza e alle loro debolezze.

Ci sono molte alternative open-source nel settore del commercio elettronico. Queste alternative prevedono la possibilità di istituire un eshop per lo più di base, con grafica e funzionalità che non sono pienamente adeguati alle esigenze di una società. Di conseguenza, le piccole e medie imprese (PMI) che non dispongono di uno staff di personale qualificato e con esperienza sulla IT, richiedono servizi di esperti per creare, adattare e configurare correttamente il loro progetto di commercio elettronico. I costi supplementari saranno determinati adeguando la soluzione scelta alla complessità del progetto.

Fonte

CH: Il portale open-source Open diventà realtà

Il 16 Marzo è stato lanciato il portale svizzero www.opensource.ch, per fornire una fonte di informazioni (in Tedesco) su software open source tra cui news, white paper, articoli, offerte di lavoro, eventi e video.

L'interesse per www.opensurce.ch era elevato anche prima del lancio. Oltre 200 membri del /ch/open (Swiss Open System User Group) avevano visitato la pagina e molte imprese open source avevano presentato i contenuti delle varie categorie del portale, prima della pubblicazione. Poi, come annunciato, il 16 marzo 2011 alle 07:30, il sito è stato collegato online, poco prima della riunione annuale del /ch/open al Technopark di Zurigo.

Su www.opensource.ch ci sono otto sezioni:

  • "OSS Top News" include i messaggi scritti dal /ch/open riguardanti l'open source e gli articoli pubblicati da aziende open source (che quindi hanno realizzato progetti che utilizzano tecnologie libere).
  • In "OSS News Feed" vengono pubblicati ogni 30 minuti, gli ultimi report dei media online specializzati;
  • Nella sezione "OSS Knowhow" si trovano "white paper", articoli, progetti dei clienti, presentazioni e altre pubblicazioni in materia di open source;
  • In "OSS Jobs" gli sponsor del /ch/open pubblicano le loro offerte di lavoro;
  • "OSS Courses" dispone di una varietà di corsi di formazione sulle tematiche open source;

E infine le sezioni "OSS Events" e "OSS Videos" forniscono una lista degli ultimi eventi riguardanti il mondo dell'open source e i relativi video.

Anche se è la prima versione del sito, il contenuto informativo è ampio. Un ulteriore sviluppo della piattaforma open source è prevista più tardi, nel 2011. Fonte

FR: Le argomentazioni di April in materia di appalti pubblici

In Francia April e il Consiglio Nazionale del Software Libero (CNLL), hanno predisposto una lettera aperta, rivolta a coloro che amano la trasparenza negli atti della pubblica amministrazione, nonché dei soggetti giuridici che, a vario titolo, sono parte attiva nelle procedure di appalti non in linea con la storica sentenza del tribunale amministrativo di Lille, del Dicembre 2010. In questo importante verdetto c'è stato infatti l'annullamento della gara pubblica di appalto, che escluda dalla competizione il software libero.

Questa lettera aperta di sensibilizzazione, può in ogni caso facilitare l'avvio di un dialogo, in modo particolare nei confronti delle autorità locali, a volte poco informate e, quindi, non sempre consapevoli delle motivazioni che sono state alla base della sentenza emessa dal tribunale transalpino. Per meglio difendere il Software Libero, April ha estremo bisogno del sostegno dei cittadini e di tutte le componenti associative interessate a promuovere la libertà economica e sociale.

Fonte

DE: Una rete di compagnie per lo sviluppo di software open source per le imprese

Durante la crisi economica si è visto sempre un numero maggiore di imprese avvicinarsi al software libero, considerato spesso un'alternativa vantaggiosa e neutrale a quello proprietario. Quello che sta accadendo in Germania ne è un esempio promettente: 16 aziende produttrici di software e un centro di ricerca hanno fatto rete per unire i loro sforzi nella produzione di un pacchetto preconfezionato di applicativi su base libera da offrire alle aziende. Dopo un primo anno di attività, in cui la rete è stata anche premiata dal Ministero Federale di Economia e Tecnologia con il premio nazionale per l'innovazione per le piccole medie imprese, la rete è stata presentata ufficialmente il 2 marzo scorso in occasione del Cebit di Hannover, la più importante fiera internazionale per l'industria digitale. Il progetto, molto promettente si appoggia anche alla più importante associazione per il software libero tedesco, Lisog: la collaborazione degli utenti come sempre è molto importante per lo sviluppo del software libero e secondo il Dott. Karl-Heinz Strassemeyer, rappresentante della associazione, "darà al progetto un maggior impeto e una maggior visibilità".

Fonte

Rubriche settimanali

Noi Siamo Ubuntu

Pubblicata la quinta intervista della serie "Noi Siamo Ubuntu", disponibile a questo indirizzo

Aggiornamenti e statistiche

Aggiornamenti di sicurezza

Gli annunci di sicurezza si possono trovare anche nell'apposita sezione del forum: Bacheca degli annunci ufficiali di sicurezza

Bug riportati

  • Aperti: 82911, -521 rispetto la scorsa settimana;

  • Critici: 36, -6 rispetto la scorsa settimana;

  • Nuovi: 47047, -240 rispetto la scorsa settimana;

È possibile come sempre aiutare a migliore Ubuntu riportando problemi o malfunzionamenti. Se si desidera collaborare ulteriormente, la Bug Squad ha sempre bisogno di una mano.

Statistiche del gruppo sviluppo

Segue la lista dei pacchetti realizzati dalla comunità italiana nell'ultima settimana:

Alessio Treglia

Se si vuole contribuire allo sviluppo di Ubuntu correggendo bug, aggiornando i pacchetti nei repository, ecc... il gruppo sviluppo è sempre alla ricerca di nuovi volontari.

Commenti e informazioni

La tua newsletter preferita è scritta con il duro lavoro degli eroici attivisti. Per metterti in contatto con loro e quindi con il «Sovrano Ordine dei Cronisti della Tavola Ovale» della newsletter italiana puoi scrivere alla mailing list del gruppo promozione.

In questo numero hanno partecipato alla redazione degli articoli:

Hanno inoltre collaborato all'edizione:

Licenza adottata

La newsletter italiana di Ubuntu è pubblicata sotto la licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0.

Uscite settimanali

Per ricevere la newsletter direttamente nella tua email, iscriviti qui.
Per tutti i numeri usciti della newsletter, consultare la nostra edicola.


CategoryComunitaNewsletter