Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments


NewsletterItaliana/Materiale/logo-newsletter.png

Benvenuti alla newsletter della comunità Italiana di Ubuntu! Questo che leggete è il numero 34 del 2010, riferito alla settimana che va da lunedì 18 a domenica 24 ottobre. Per qualsiasi commento, critica o lode contattaci attraverso la mailing list del gruppo promozione.

Notizie da Ubuntu

Fine supporto Jaunty

Jaunty Jackalope, nome in codice di Ubuntu 9.04, ha raggiunto il termine del suo ciclo di vita il 23 ottobre scorso, e non figura più tra le release ufficialmente supportate.

Le release di Ubuntu, godono normalmente di un supporto tecnico di 18 mesi; fanno eccezione le release LTS (Long Term Support), che portano a tre anni questo periodo per le versioni desktop, e addirittura a cinque per la versione server. Durante questo intervallo di tempo, le release ricevono aggiornamenti per bug critici o per problematiche legate alla sicurezza.

Jaunty fu rilasciata il 23 aprile 2009, pertanto sabato scorso è uscita dal novero delle release supportate, e non godrà più di alcun tipo di aggiornamento. E' fortemente consigliato, a chi ha ancora delle macchine con Jaunty, un upgrade alla release successiva, Karmic Koala, che sarà supportata fino all'aprile prossimo. Tutte le informazioni necessarie per eseguire l'aggiornamento, sono disponibili nella seguente pagina wiki.

Fonte

Una nuova versione di Elementary

Il popolare tema per Linux "Elementary" è giunto alla versione 2.5; porta con se molti cambiamenti, miglioramenti e nuove funzionanità. L'aggiunta più interessante nella versione 2.5 è il nuovo stile "Dark", completo con dei menù altrettanto scuri.

Il tema del pannello è stato completamente riscritto per questa ultima versione con meno pixmaps, usando il motore "Murrine". Anche il leggero browser Midori e l'editor di testi Gedit, aquisiscono nuovi stili per migliorare la loro integrazione con Elementary.

Nautilus vanta invece un nuovo ed elegante stile "bredcrumb".

http://www.omgubuntu.co.uk/wp-content/uploads/2010/10/breadcrumbs_thumb.png

Sul fronte delle icone abbiamo:

  • una nuova icona per il browser Web Google Chrome;

  • un'icona per i vari telefonini Android;
  • una nuova e migliorata icona di mime.

Inoltre:

  • il tema del pannello è stato riscritto per utilizzare meno pixmaps e "più Murrine";
  • il motore Equinox è stato eliminato.

Come sempre, l'ultima versione del tema Elementary e il suo set di icone, puo essere installato digitando nel terminale i seguenti comandi:

sudo add-apt-repository ppa:elementaryart/ppa
sudo apt-get update && sudo apt-get install elementary-theme

Oppure, è possibile scaricare il tema dal sito ufficiale del progetto.

Fonte

Notizie dalla comunità

Ubuntu sbarca a SMAU e torna in libreria

Quest'anno, per la prima volta, SMAU (la fiera dell'informatica che si tiene ogni anno a Milano) ha ospitato una presentazione su Ubuntu. Si è trattato di una introduzione generale al Sistema Operativo e alle opportunità di business che questo offre, fatta davanti a un pubblico numeroso e interessato a capire quali vantaggi possa portare l'uso di Ubuntu in azienda.

Durante la conferenza, è stato anche presentato il nuovo libro Ubuntu Linux 10.10 di Flavia Weisghizzi e Luca Ferretti, due membri della comunità Italiana di Ubuntu. Il libro guida il lettore all'interno del mondo di Ubuntu, descrivendo le caratteristiche del sistema operativo (in particolare delle ultime due release, Lucid Lynx e Maverick Meerkat), delle sue applicazioni, e della comunità che ogni giorno lavora per renderlo migliore. Il libro è l'aggiornamento di "Ubuntu Linux 9.10", uscito lo scorso anno, a conferma del successo ottenuto dalla prima versione.

Fonte

Riunione Gruppo Documentazione

Il giorno 03/11/2010 alle ore 21.00, si terrà la riunione del GruppoDocumentazione della comunità italiana di Ubuntu.

La riunione è libera e tutti possono partecipare e intervenire; l’evento avrà luogo nel canale irc #ubuntu-it-meeting, server irc.freenode.net. Se non avete installato un client IRC nel vostro sistema, potete accedere alla riunione via web dal seguente indirizzo.

Per visionare gli argomenti da discutere, potete fare riferimento alla seguente pagina.

Partecipate numerosi! ;)

Fonte

Altre notizie

Dal mondo

Debian si rinnova: ora la collaborazione è aperta a tutti

Su proposta del Leader del Progetto Debian Stefano Zacchiroli, i membri Debian hanno deliberato il pieno accesso alla vita della comunità, a chi collabora anche in settori diversi da quelli del mantenimento e sviluppo dei pacchetti software di un computer. In questo modo ci sarà a breve, l'apertura agli stessi "diritti politici" degli sviluppatori (con l'allargamento del diritto di voto), per tutti coloro che condividono i valori della comunità Debian e sono pronti in vari modi a sostenerli.

Prima di questa formale apertura di credito, non erano presenti delle chiare procedure di riconoscimento e inclusione: queste venivano gestite "ad personam", vale a dire valutando di volta in volta il singolo caso.

Il progetto Debian per la diffusione del software libero, sicuramente trarrà giovamento da questa apertura nei confronti dei suoi diversi "sviluppatori": consulenze giuridiche, traduzioni, manutenzioni dei pacchetti e del sito web, segnalazioni e tracciabilità dei bug, attività di gestione, comunicazione, controllo e garanzia di qualità, etc.

Fonte

Spagna: la pubblica amministrazione dell'Axarquia passa al software libero

Le municipalità dell'Axarquia, una regione della provincia di Malaga, in Andalusia, stanno migrando a software libero. La migrazione riguarda le circa 700 postazioni desktop, ma anche lo sviluppo di software libero per la pubblica amministrazione - arrivato al 50% del totale. Infine l'80% delle amministrazioni pubbliche ha avviato iniziative riguardanti il software libero e open source.

Per aiutare le municipalità, è stato utilizzato Inventory Libre, un software rilasciato sotto GPL v2, che consente di raccogliere informazioni su hardware e software di un'organizzazione. Questi dati sono stati usati poi per individuare i possibili problemi nel cambiamento di sistemi operativi e applicazioni desktop.

Secondo Ramón Sánchez, a capo dei consulenti che stanno aiutando l'amministrazione pubblica nella migrazione, "Le amministrazioni pubbliche dovrebbero passare al software libero e open source non per una questione tecnica, ma di responsabilità sociale".

Fonte

Dallo stivale

Avvocati uniti a favore dell'open source.

Il 29 e 30 novembre prossimi, si terrà a Torino la terza edizione dell'EOLE (European Open Source & Free Software Law Event), manifestazione organizzata da un gruppo di avvocati europei sui temi della libertà del software. La conferenza discuterà delle possibilità che i Governi hanno a disposizioni per favorire la diffusione del software libero, e di come scrivere avvisi d'asta che non discriminino contro questo tipo di software.

Tra i relatori saranno presenti Eva Lichtenberger, parlamentare europea, e Miguel A. Amutio Gomès, membro del Governo spagnolo, oltre a rappresentanti di diversi stati tra i quali India, Olanda, Slovenia, Francia ed Ecuador.

La conferenza è del tutto gratuita, ma è richiesta la registrazione sul sito dell'evento.

Fonte

A Siena due giorni dedicati a Linux e Open Source

Il 22 ed il 23 Ottobre, a Siena si è parlato di Open Source: venerdì con il GNUnisi Day, e sabato con il Linux Day.

Durante il GNUnisi Day, si è fatto il punto sul progetto di informatizzazione open source dell'Ateneo, mentre il Linux Day, che si è svolto durante la stessa giornata di sabato in molte città italiane, ha visto la partecipazione di studenti di alcune scuole superiori che hanno portato avanti un progetto di informatizzazione attraverso il software libero.

Tra i vantaggi dell'utilizzo del software libero nell'università, il professor Marco Gori, ha ricordato il contenimento dei costi per le licenze, ma ha sottolineato che i risultati più importanti sono quelli attesi sul lungo periodo. Infatti, il professore è convinto che l'impatto più importante dell'introduzione di tecnologie aperte, sia "sul processo di formazione del personale, che assume un comportamento più flessibile e reattivo di fronte a innovazioni nell’office automation".

Alla diffusione del software libero all'interno dell'università di Siena, hanno contribuito anche alcuni studenti di ingegneria, che hanno fornito il loro supporto agli studenti interessati ad installare applicazioni open source.

A queste due giornate hanno contribuito anche alcuni membri della comunità Italiana di Ubuntu: Paolo Sammicheli, con una introduzione al software libero (venerdì) e una introduzione ad Ubuntu (sabato), e Flavia Weisghizzi e Luca Ferretti, che venerdì hanno presentato il libro "Ubuntu 10.10", edito da Hoepli, disponibile in libreria dalla scorsa settimana.

Fonte

Rubriche settimanali

La discussione della settimana

http://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?t=416704

Accadde su IRC

si ma ... dov'è il guadagno

<mint> ho delle domande da farvi
<mint> riguardante la l'ideologia del free software
<mint> in che maniera si guadagna a sviluppare software libero?
<Claudinux> mint, LOL
<Claudinux> mint, non si guadagna
<mint> e dove sta il guadagno???
<warp10> mint: prostituendosi o spacciando droga mentre il software compila
<Claudinux> warp10, LOL
<Claudinux> aaaaaaaaaaaaaaahhaha
<mlazzari2> ahah

Aggiornamenti e statistiche

Aggiornamenti di sicurezza

Gli annunci di sicurezza si possono trovare anche nell'apposita sezione del forum: Bacheca degli annunci ufficiali di sicurezza

Bug riportati

  • Aperti: 83550, +1683 rispetto la scorsa settimana;

  • Critici: 31, +1 rispetto la scorsa settimana;

  • Nuovi: 41977, +813 rispetto la scorsa settimana;

È possibile come sempre aiutare a migliore Ubuntu riportando problemi o malfunzionamenti. Se si desidera collaborare ulteriormente, la Bug Squad ha sempre bisogno di una mano.

Statistiche del gruppo sviluppo

Segue la lista dei pacchetti realizzati dalla comunità italiana nell'ultima settimana:

Alessandro Ghersi

Alessio Treglia

Andrea Gasparini

Lorenzo De Liso

Luca Falavigna

Se si vuole contribuire allo sviluppo di Ubuntu correggendo bug, aggiornando i pacchetti nei repository, ecc... il gruppo sviluppo è sempre alla ricerca di nuovi volontari.

Commenti e informazioni

La tua newsletter preferita è scritta con il duro lavoro degli eroici attivisti. Per metterti in contatto con loro e quindi con il «Sovrano Ordine dei Cronisti della Tavola Ovale» della newsletter italiana puoi scrivere alla mailing list del gruppo promozione.

In questo numero hanno partecipato alla redazione degli articoli:

Hanno inoltre collaborato all'edizione:

Licenza adottata

La newsletter italiana di Ubuntu è pubblicata sotto la licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0.

Uscite settimanali

Per ricevere la newsletter direttamente nella tua email, iscriviti qui.
Per tutti i numeri usciti della newsletter, consultare la nostra edicola.


CategoryComunitaNewsletter