Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments


Questa guida è stata verificata solo con versioni obsolete di Ubuntu, potrebbe non essere più valida. Vuoi contribuire ad aggiornarla? Clicca qui!

Problemi in questa pagina? Segnalali in questa discussione

Introduzione

Questa pagina è dedicata alla creazione di un sistema RAID0 o RAID1 tramite l'impiego di controller integrati sulle schede madri e di programmi dedicati.

Preparativi

Per prima cosa impostare il controller RAID come attivo e avviabile dal BIOS, infine nella sezione relativa al boot impostare l'elenco delle periferiche secondo queste priorità:

  1. Floppy
  2. Lettore CD/DVD
  3. Controller RAID

Salvare ed uscire dal bios, all'avvio del computer appariranno una serie di informazioni relative allo stato delle periferiche collegate alla scheda madre tramite una nuova schermata. Seguire le istruzioni per configurare il RAID desiderato. All'uscita dal programma, il computer verrà riavviato. Fatte queste operazioni, si può iniziare l'installazione del sistema operativo.

Installazione

  1. Inserire nel lettore cdrom il CD alternate di Ubuntu.

  2. Una volta avviato il cd premere «F2» in modo da selezionare la lingua italiana e scegliere «Installazione per sistemi Oem». Ultimata l'impostazione della scheda di rete comparirà il demone di partizionamento.

  3. Abbandonare l'installazione e selezionare con il tasto «Tab» il pulsante «Indietro».

  4. Comparirà una schermata in cui sono elencate le voci del progresso dell'installazione. Scegliere «Avvia Terminale» che avvierà un terminale di root.

  5. Procedere con il partizionamento, digitare nel terminale il seguente comando per vedere le partizioni presenti:

    fdisk -l
  6. Iniziare a partizionare il disco, digitando:

    fdisk /dev/sda

    sostituire la dicitura «sda» con il nome del disco trovato con il comando precedente, verranno visualizzate delle istruzioni simili:

    The number of cylinders for this disk is set to 30515.
    There is nothing wrong with that, but this is larger than 1024,
    and could in certain setups cause problems with:
    1) software that runs at boot time (e.g., old versions of LILO)
    2) booting and partitioning software from other OSs
       (e.g., DOS FDISK, OS/2 FDISK)
    
    Command (m for help): 
  7. Creare una nuova partizione premendo il tasto «n»:

    Command (m for help): n
    Command action
       e   extended
       p   primary partition (1-4)
  8. Creare una partizione primaria quindi digitare «p», e dare il numero della partizione; la scelta sarà «1».

  9. Dare le dimensioni della prima partizione dal cilindro «1» a circa «30GB» di spazio, la partizione verrà contrassegnata come «sda1».
  10. Editare l'ID della partizione e scrivere le modifiche della stessa; per fare questo digitare «t» e scegliere come ID «fs»:

    Command (m for help): t
    Selected partition 1
    Hex code (type L to list codes): L
    
     0  Empty           1e  Hidden W95 FAT1 80  Old Minix       be  Solaris boot   
     1  FAT12           24  NEC DOS         81  Minix / old Lin bf  Solaris        
     2  XENIX root      39  Plan 9          82  Linux swap / So c1  DRDOS/sec (FAT-
     3  XENIX usr       3c  PartitionMagic  83  Linux           c4  DRDOS/sec (FAT-
     4  FAT16 <32M      40  Venix 80286     84  OS/2 hidden C:  c6  DRDOS/sec (FAT-
     5  Extended        41  PPC PReP Boot   85  Linux extended  c7  Syrinx         
     6  FAT16           42  SFS             86  NTFS volume set da  Non-FS data    
     7  HPFS/NTFS       4d  QNX4.x          87  NTFS volume set db  CP/M / CTOS / .
     8  AIX             4e  QNX4.x 2nd part 88  Linux plaintext de  Dell Utility   
     9  AIX bootable    4f  QNX4.x 3rd part 8e  Linux LVM       df  BootIt         
     a  OS/2 Boot Manag 50  OnTrack DM      93  Amoeba          e1  DOS access     
     b  W95 FAT32       51  OnTrack DM6 Aux 94  Amoeba BBT      e3  DOS R/O        
     c  W95 FAT32 (LBA) 52  CP/M            9f  BSD/OS          e4  SpeedStor      
     e  W95 FAT16 (LBA) 53  OnTrack DM6 Aux a0  IBM Thinkpad hi eb  BeOS fs        
     f  W95 Ext'd (LBA) 54  OnTrackDM6      a5  FreeBSD         ee  EFI GPT        
    10  OPUS            55  EZ-Drive        a6  OpenBSD         ef  EFI (FAT-12/16/
    11  Hidden FAT12    56  Golden Bow      a7  NeXTSTEP        f0  Linux/PA-RISC b
    12  Compaq diagnost 5c  Priam Edisk     a8  Darwin UFS      f1  SpeedStor      
    14  Hidden FAT16 <3 61  SpeedStor       a9  NetBSD          f4  SpeedStor      
    16  Hidden FAT16    63  GNU HURD or Sys ab  Darwin boot     f2  DOS secondary  
    17  Hidden HPFS/NTF 64  Novell Netware  b7  BSDI fs         fd  Linux raid auto
    18  AST SmartSleep  65  Novell Netware  b8  BSDI swap       fe  LANstep        
    1b  Hidden W95 FAT3 70  DiskSecure Mult bb  Boot Wizard hid ff  BBT            
    1c  Hidden W95 FAT3 75  PC/IX          
  11. Per ultimare le operazioni scrivere le modifiche sulla tabella partizioni con «w» e automaticamente fdisk uscirà a terminale. Le partizioni scelte per questo sistema sono le seguenti: sda1=31 GiB; sda2=200 GiB; sda3=900 MiB.

  12. Per replicare le medesime partizioni sul disco sdb da terminale:

    sfdisk -d /dev/sda | sfdisk /dev/sdb
  13. Creare i dischi virtuali per cui:

    modprobe md 
  14. Tramite l'utility già presente nel cd alternate mdadm si possono creare le tre partizioni virtuali:

    mdadm --create /dev/md0 --level=1 --raid-devices=2 /dev/sda1 /dev/sdb1
    mdadm --create /dev/md1 --level=1 --raid-devices=2 /dev/sda2 /dev/sdb2
    mdadm --create /dev/md2 --level=1 --raid-devices=2 /dev/sda3 /dev/sdb3

Opzione

Descrizione

--create /dev/mdX

Viene creata una partizione denominata mdX

--level=1

Per creare un RAID1 mirroring; per lo striping sostituire 1 con 0

--raid-devices=2 /dev/sdaX /dev/sdbX

Identifica i dispositivi costituenti il RAID (in questo caso due) e come si chiamano all'interno della cartella /dev

Per vedere lo stato di avanzamento della creazione del raid si può usare il comando:

cat /proc/mdstat 

Per la creazione del raid su un sistema di 250 GiB son necessari circa 100 minuti.

La decisione di creare 3 partizioni è dato dal fatto di voler suddividere il sistema in una partizione di root /, una di home /home ed una di swap. Tutte queste tre partizioni devono esser duplicate su entrambi gli hard disk altrimenti si ha un inconsistenza a livello del sistema Raid1.

Una volta ultimata la sincronizzazione si può uscire dalla modalità terminale per poter riprendere l'installazione del sistema. Per uscire:

exit
  1. Ora come opzione si sceglierà; rilevamento dischi. Scegliere partizionamento manuale. Saranno presenti 9 Hard disk, sei dei quali sdaX, sdbX saranno volumi fisici per raid; gli altri tre, md0, md1, md2 non avranno ancora un filesystem.
    • . md0 si attribuirà la caratteristica di / e di boot all'avvio

    • . md1 si attribuirà la caratteristica di /home

    • . md2 diventerà invece lo spazio di swap.
  2. Ora si può continuare con l'installazione e di default verrà installato Ubuntu in versione server. Al riavvio del computer Ubuntu verrà eseguito in modalità terminale. Prima di installare l'eventuale desktop, è necessario configurare grub per poter avviare entrambi i dischi:

    sudo vi /boot/grub/menu.lst
  3. Portarsi nella sezione di grub relativa al recovery mode;
    [...]
    title           Ubuntu 7.10, kernel x.x.xx.xx-xxx (recovery mode)
    root            (hd0,0)
    kernel          /vmlinuz-x.x.xx.xx-xxx root=/dev/md0 ro single
    initrd          /initrd.img-x.x.xx.xx-xxx
    [...]
  4. Replicarla in modo da ottenere
    [...]
    title           Ubuntu 7.10, kernel x.x.xx.xx-xxx (recovery mode)
    root            (hd0,0)
    kernel          /vmlinuz-x.x.xx.xx-xxx root=/dev/md0 ro single
    initrd          /initrd.img-x.x.xx.xx-xxx
    
    title           Ubuntu 7.10, kernel x.x.xx.xx-xxx (recovery mode)
    root            (hd1,1)
    kernel          /vmlinuz-x.x.xx.xx-xxx root=/dev/md0 ro single
    initrd          /initrd.img-x.x.xx.xx-xxx
    [...]
  5. In questa maniera, qualora uno dei due hard disk si danneggi, si può procedere all'avvio del sistema tramite quello funzionante. Aggiornare il sistema in modo che riconosca le modifiche effettuate:
    sudo update-initramfs -u
  6. Riavviare il computer con il comando:
    sudo reboot
  7. Installare il pacchetto gnome-desktop, presente nel componente universe dei repository ufficiali. Se si preferisce KDE a GNOME, Installare il pacchetto kde-desktop.

Ripristino di un array

Lo scopo principale di un Array in Raid1 è poter sostituire l'hard disk eventualmente danneggiato con uno funzionante. Per far questo è sufficiente inserire una serie di comandi; nell'esempio dei due hard disk quello danneggiato è sdb.

  1. Si procederà in questa maniera, digitare:

    mdadm /dev/md0 --fail /dev/sdb1 --remove /dev/sdb1
    mdadm /dev/md1 --fail /dev/sdb2 --remove /dev/sdb2
    mdadm /dev/md2 --fail /dev/sdb3 --remove /dev/sdb3
  2. Una volta sostituito il disco danneggiato è necessario partizionare il nuovo disco:

    sfdisk -d /dev/sda | sfdisk /dev/sdb
  3. Ricreare l'array:

    mdadm /dev/md0 --add /dev/sdb1
    mdadm /dev/md1 --add /dev/sdb2
    mdadm /dev/md2 --add /dev/sdb3
  4. Analogamente a come fatto sopra, controllare l'avanzamento della creazione dell'array con il seguente comando:

    cat /proc/mdstat

Ulteriori risorse


CategoryHardware CategoryDaRevisionare