Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments

Problemi in questa pagina? Segnalali in questa discussione

Introduzione

SANE permette di configurare un server-scanner, in modo che possa essere accessibile da tutti i computer in una rete. Il programma utilizzato in questo articolo è saned (sane daemon). La maggior parte dei pacchetti è già presente su Ubuntu, in quanto essi sono stati già installati al momento dell'installazione.

Configurazione del server

Prima di procedere installare il pacchetto sane-utils.

Si ricorda che per applicare ogni modifica effettuata è necessario riavviare il servizio. Per fare ciò aprire una finestra di terminale ed eseguire il seguente comando:

sudo service saned restart

Avviare saned al boot

Il programma saned non viene avviato all'avvio del sistema in modo predefinito. Per effettuare questa modifica aprire con un editor di testo e con permessi di amministrazione il file /etc/default/saned. Cercare nel file seguenti righe:

# Set to yes to start saned
RUN=no

e sostituirle con le seguenti:

# Set to yes to start saned
RUN=yes

Impostare i permessi per gli scanner USB

Potrebbe essere necessario modificare i permessi dello scanner se questo è collegato via USB. Aprire, quindi, con un editor di testo e con permessi di amministrazione il file /lib/udev/rules.d/50-udev-default.rules. Cercare nel file seguenti righe:

# libusb device nodes
SUBSYSTEM=="usb", ENV{DEVTYPE}=="usb_device", MODE="0664"

e sostituirle con le seguenti:

# libusb device nodes
SUBSYSTEM=="usb", ENV{DEVTYPE}=="usb_device", MODE="0666" 

Permettere l'accesso allo scanner dei client

I client che possono accedere allo scanner devono essere esplicitamente specificati nel file di configurazione. Aprire con un editor di testo e con permessi di amministrazione il file /etc/sane.d/saned.conf e inserire l'indirizzo o il nome della macchina da aggiungere. Di seguito alcuni esempi:

  • Abilitare una specifica macchina utilizzando l'indirizzo IP:
    192.168.0.5
  • Abilitare un range di indirizzi:
    192.168.0.0/24
  • Abilitare una specifica macchina indicando il nome:
    computer_mario.laboratorio

Sostituire i valori indicati negli esempi con quelli desiderati.

Configurazione del client

Nel file /etc/sane.d/net.conf deve essere specificato i server cui è connesso lo scanner. Aprire quindi con un editor di testo e con permessi di amministrazione il file /etc/sane.d/net.conf e inserire il nome o l'indirizzo del server. Di seguito alcuni esempi:

  • Aggiungere un server inserendo il suo indirizzo IP:
    192.168.0.5
  • Aggiungere un server specificando il nome della macchina:
    ilMioServer.casa

Sostituire i valori indicati negli esempi con quelli desiderati.

SANE a questo punto cercherà se, agli indirizzi specificati, sia collegato uno scanner. Se il server non è accessibile si potrebbero verificare dei lunghi tempi di attesa. Nel file /etc/sane.d/net.conf è possibile specificare un timeout digitando la seguente riga:

connect_timeout = 10

In questo esempio si è impostato un timeout di 10 secondi.

Provarne il corretto funzionamento

Per provare il corretto funzionamento dello scanner è possibile digitare in una finestra di terminale il seguente comando:

scanimage -L

Questo comando, a seconda che sia stato eseguito su un server o su un client, restituirà un output simile ai seguenti:

  • Output restituito da un server:
    device `epson:/dev/sg2' is a Epson Perfection1200 flatbed scanner
  • Output restituito da un client:
    device `net:server:epson:/dev/sg2' is a Epson Perfection1200 flatbed scanner

Nel caso in cui siano presenti più scanner e si voglia specificarne uno predefinito, è possibile indicare la variabile d'ambiente digitando il seguente comando:

SANE_DEFAULT_DEVICE='IL_NOME_DEL_MIO_SERVER'

Il nome del server può essere ricavato eseguendo il primo comando presente in questo paragrafo. Nell'esempio precedente, quindi, una possibile variabile potrebbe essere la seguente:

SANE_DEFAULT_DEVICE='net:server:epson:/dev/sg2'

Sicurezza

Firewall

SANE utilizza la porta 6566. Tale porta deve essere perciò aperta sul server affinché il programma funzioni correttamente. Nelle attuali versioni di Ubuntu, questo backend è già attivato. Nel caso in cui non lo fosse, verificare che nel file /etc/sane.d/dll.conf sia presente la seguente riga:

net

Verificare che essa non sia commentata con un «#» davanti ad essa.

Nel caso in cui la porta 6566 non lo fosse aperta, verificare che nel file /etc/services ci sia la seguente riga:

sane-port       6566/tcp        sane saned      # SANE network scanner daemon

Accesso con password

SANE, dalla versione 1.0.4, permette di attivare l'autenticazione tramite password. Creare e modificare con un editor di testo e con permessi di amministrazione il file /etc/sane.d/saned.users, quindi specificare il nome dell'utente, la password e lo scanner cui l'utente può accedere. Di seguito verrà indicato un esempio:

# /etc/sane.d/saned.users
# nomeUtente:password:backend
joe:la_mia_password:epson

Per fare in modo che l'utente non debba ogni volta digitare la password, è possibile memorizzarla nel file ~/.sane/pass. Aprire quindi il file, e inserire nell'ordine:

  • Il nome utente (contenuto nel file /etc/sane.d/saned.users)

  • La password (contenuto nel file /etc/sane.d/saned.users)

  • L'indirizzo completo dello scanner, che si può ottenere digitando il seguente comando:
    scanimage -L

Di seguito è riportato un esempio:

# ~/.sane/pass
# nomeutente:password:ressource
joe:mein*la_mia_password:net:server:epson:/dev/sg2

Per fare in modo che nessun altro utente possa vedere il file, digitare nel terminale il seguente comando:

chmod 0600 ~/.sane/pass

Risoluzione problemi

Nel caso in cui lo scanner non venga rilevato correttamente è consigliato controllare i seguenti punti:

  • Consultare il seguente paragrafo di questa guida ed eseguire il test sia da utente root sia da utente normale.

  • Controllare la propria connessione internet e verificare il corretto funzionamento.
  • Il firewall potrebbe bloccare la porta 6566. In tal caso può essere utile, dal server, eseguire un ping o un telnet sulla porta 6566 del client. Per esempio, digitare in una finestra di terminale il seguente comando:

    telnet IP_DEL_CLIENT 6566
  • Dopo aver modificato le impostazioni di saned, è necessario riavviare il servizio.

Ulteriori risorse


CategoryHomepage