Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments


NewsletterItaliana/Materiale/logo_new_newsletter.png

Benvenuti alla newsletter della comunità Italiana di Ubuntu! Questo che leggete è il numero 7 del 2014, riferito alla settimana che va da lunedì 10 a domenica 16 febbraio. Per qualsiasi commento, critica o lode contattaci attraverso la mailing list del gruppo promozione.

Notizie da Ubuntu

Il prossimo Ubuntu Developer Summit, 11-13 marzo 2014

Il vertice dell'Ubuntu Developer (UDS) che si svolgerà dall'11 al 13 marzo 2014 sarà un evento on-line molto importante, perchè attraverso di esso sarà possibile fare il punto della situazione, ragionare sui vari aspetti di forza e di debolezza, decidere tutti i cambiamenti necessari che riguardano Ubuntu.

Questo tipo di manifestazione si può considerare una specie di "fucina delle idee" dove è possibile proporre delle soluzioni creative ai problemi comuni, anche se nell'ambito di una comunicazione virtuale.

A questo proposito ci saranno delle diverse e interessanti sessioni di discussione: "Sviluppo delle applicazioni", "Comunità", "Client", "Cloud & Server", "Design", "Core App Ubuntu mobile", ecc.

Per chi fosse interessato a partecipare è possibile registrarsi qui all'evento, nella consapevolezza che gli interventi saranno in inglese.

Fonte

Fonte

Upstart, il progetto ha perso con grazia la sua battaglia

Il comitato tecnico di Debian, dopo attenta riflessione e aver votato su quale programma di gestione scegliere (Upstart o Systemd), ha comunicato di aver optato a favore di quest'ultimo.

Come è noto, Upstart e Systemd sono entrambi dei programmi che hanno il compito di portare il Sistema in uno Stato Operativo efficiente, avviando i processi e i servizi necessari.

Fino ad oggi Upstart si è dimostrato stabile e competitivo, fissando un alto standard di qualità del software.

Secondo però quanto scritto nel suo Blog Mark Shuttleworth, la decisione del comitato tecnico di Debian ha cambiato le cose e ha convinto che è arrivato il momento di accettare la sfida del cambiamento.

Per questo Systemd verrà adottato di default anche per Ubuntu.

Ovviamente appena esso sarà disponibile in maniera stabile e potrà quindi offrire una qualità di servizio capace di rimpiazzare l'attuale Upstart.

In fondo Ubuntu fa parte a pieno titolo della famiglia Debian e quindi anche Canonical sosterrà convintamente questa scelta.

In particolare Mark chiederà ai membri della comunità di Ubuntu di contribuire ad attuare questa decisione, in previsione di una necessaria fase di transizione.

Fonte

All Star ‘Buntu

Il 12 febbraio Mark Shuttleworth ha pubblicato un post per l'imminente rilascio 14.04 LTS di Ubuntu. È una nota di entusiasmo per lo sviluppo dei principali DE Kubuntu, Ubuntu GNOME, Xubuntu e Ubuntu con Unity.

Mark ringrazia e fa i complimenti alle squadre che fanno a gara per offrire le varie versioni di Trusty, e per la velocità con cui gli ambienti principali si stiano allineando per arrivare precisi al rilascio LTS di 14.04 .

Lancia inoltre l'invito a testare di persona la nuova release, che è abbastanza stabile per chiunque usi Linux duramente come un ambiente di progettazione, e di cui è possibile utilizzare un'immagine di avvio live via USB se si desidera vedere come sarà. Immagini online sono disponibili per il test server su tutti i principali cloud server.

Tutta la squadra, e la comunità più ampia, sono focalizzati sullo sviluppo e la cosa ha dato i suoi frutti. Dice ancora Mark “C'è ancora tempo per ritocchi e smalto, se avete intenzione di contare su Trusty, fateci un giro e facciamo in modo che sia perfetto. “

Fonte

Altre notizie

Dal mondo

Filippine: la Smart Communication entra nel CAG di Ubuntu

Dopo la comunicazione che la telefonica Vodafone è entrata all'inizio del mese di febbraio nel Carrier Advisory Group (CAG) di Ubuntu, ecco la notizia che anche l'importante società filippina Smart Communications (avente ben 57 milioni di abbonati), ha fatto lo stesso.

Orlando B.Vea, amministratore wireless della Smart Communications, ha espresso l'opinione che l'ingresso di Ubuntu nel mercato della telefonia mobile costituisca un vantaggio, in termini di innovazione e di offerta di applicazioni e dispositivi. L'obiettivo finale è quello di portare Internet Mobile ad ogni filippino.

L'adesione al CAG è un passo importante perchè consente di ricevere le informazioni su Ubuntu e sulle aziende produttrici in anteprima, in modo tale da accertarsi che soddisfino appieno alle loro esigenze. I membri hanno inoltre accesso anticipato ai piani di lancio.

Ecco l'elenco provvisorio delle società più importanti che finora hanno aderito al CAG: Vodafone, Tre, China Unicom, EE, Deutsche Telekom, Korea Telecom, Verizon e Telstra, solo per citarne alcuni.

Fonte

Aggiornamenti e statistiche

Aggiornamenti di sicurezza

Gli annunci di sicurezza si possono trovare nell'apposita sezione del forum.

Bug riportati

  • Aperti:107902, -36 rispetto la scorsa settimana;

  • Critici: 168, -7 rispetto la scorsa settimana;

  • Nuovi: 52746, +122 rispetto la scorsa settimana.

È possibile come sempre aiutare a migliore Ubuntu riportando problemi o malfunzionamenti. Se si desidera collaborare ulteriormente, la Bug Squad ha sempre bisogno di una mano.

Statistiche del gruppo sviluppo

Segue la lista dei pacchetti realizzati dalla comunità italiana nell'ultima settimana:

Andrea Colangelo

Mattia Rizzolo

Se si vuole contribuire allo sviluppo di Ubuntu correggendo bug, aggiornando i pacchetti nei repository, ecc... il gruppo sviluppo è sempre alla ricerca di nuovi volontari.

Commenti e informazioni

"Noi siamo ciò che siamo per merito di ciò che siamo tutti"

La tua newsletter preferita è scritta grazie al contributo libero e volontario della comunità ubuntu-it. Per metterti in contatto con noi, e quindi con il «Sovrano Ordine dei Cronisti della Tavola Ovale» della newsletter italiana, o se vuoi contribuire alla redazione degli articoli, puoi scrivere alla mailing list del gruppo promozione.

In questo numero hanno partecipato alla redazione degli articoli:

Hanno inoltre collaborato all'edizione:

Licenza adottata

La newsletter italiana di Ubuntu è pubblicata sotto la licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0.

Uscite settimanali

Per ricevere la newsletter direttamente nella tua email, iscriviti qui.
Per tutti i numeri usciti della newsletter, consultare la nostra edicola.


CategoryComunitaNewsletter