Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments


Problemi in questa pagina? Segnalali in questa discussione

Introduzione

Transmission è un client Bittorrent Open Source, disponibile per Ubuntu. Una delle caratteristiche che lo distinguono dagli altri client Bittorrent è la sua leggerezza e semplicità di utilizzo, combinando funzionalità avanzate con un'interfaccia essenziale.

Caratteristiche Principali

  • Gestione priorità dei download e gestione delle proprietà dei file.
  • Creazione file .torrent.

  • Supporto alle connessioni cifrate.
  • Mappaggio automatico delle porte.
  • Riduzione della frammentazione dei file su disco.
  • Limiti di banda più accurati.
  • Peer exchange (compatibile con Azureus e μTorrent).
  • Ripresa rapida - con peer caching.
  • Bannaggio automatico dei peer che inviano dati corrotti.
  • Unica porta di ascolto per tutti i torrent.
  • Supporto MSE Tracker Extention.
  • Supporto DHT (tabella di hash distribuita).
  • UPnP.

Installazione

Metodo grafico

Transmission è installato in modo predefinito su Ubuntu ed è possibile avviarlo dal menù Applicazioni → Internet → Transmission.

Utilizzo

Fare doppio clic sul file .torrent interessato, automaticamente verrà importato in Transmission che avvierà il download.

Client Web

In Transmission è disponibile un'interfaccia che consente di utilizzare l'applicazione da remoto.

  • Per abilitarla, andare nel menù Modifica → Preferenze → Web.

  • Per visualizzare l'andamento dei download aprire il proprio browser web e digitare nella barra degli indirizzi il seguente indirizzo:

    http://server:9091/transmission/web/
    sostituire la dicitura «server» con localhost o l'indirizzo IP della macchina su cui è installata l'applicazione.

Per sistemi a riga di comando

Per utilizzare la versione specifica per server presente nel repository di Ubuntu, installare il pacchetto transmission-daemon.

Per utilizzare il client è possibile se si vuole modificare il file di configurazione; aprire con un editor di testo il file ~/.config/tranmission/settings.json e modificarlo con i parametri desiderati.

Di seguito un elenco dei parametri di più comune interesse:

"download-dir": "\/var\/lib\/transmission-daemon\/downloads",
"peer-port": 51413,
"rpc-enabled": true,
"rpc-authentication-required": false,
"rpc-username": "nome_utente_a_scelta",
"rpc-password": "parola_segreta_a_scelta",
"rpc-port": 9091,
"rpc-whitelist-enabled": true,
"rpc-whitelist": "127.0.0.1",
"speed-limit-down": 600,
"speed-limit-down-enabled": true,
"speed-limit-up": 42,
"speed-limit-up-enabled": true,
  • download-dir: definisce la posizione dove verranno salvati di default i file scaricati. Si noti che diversamente da altri programmi transmission-daemon ha una propria utenza associata, ovvero debian-transmission, quindi è necessario che qualsiasi cartella specificata dall'utente diversa da quella standard sia leggibile e scrivibile dalla suddetta utenza; in caso contrario risulterà impossibile il download dei vari file.

  • peer-port: è la porta che deve essere aperta sul router e/o sul firewall (se presenti) perché il trasferimento dati avvenga senza rallentamenti sistematici (dovuti proprio al router e/o al firewall). È possibile indicare un valore qualsiasi (al massimo «65535»), tuttavia assicurarsi di non scegliere un numero di porta già usato da qualche altro applicativo (tipicamente oltre il «10000» è quasi impossibile trovare una porta già usata).

  • rpc-authentication-required: definisce se per usare (e non per avviare) il programma saranno richiesti username e password; se il parametro vale «true» allora saranno richiesti username e password per poter usare il demone, viceversa digitando «false» non sarà richiesto nulla (quindi chiunque potrà accedere ed amministrare il demone).

  • rpc-enabled: definisce se il demone può (true) o meno (false) essere controllato da remoto, cioè in pratica se può essere usato o meno.

  • rpc-port: definisce il numero di porta attraverso cui è possibile controllare il demone usando le varie interfacce.

  • rpc-whitelist-enabled: definisce se limitare o meno l'accesso al demone in base all'indirizzo IP. Impostando «false» chiunque potrà tentare di usare il demone; impostando «true» il demone permetterà l'autenticazione solo agli utenti i cui indirizzi IP sono specificati in un'apposita lista (vedere punto seguente). Si badi che se questo parametro e "rpc-authentication-required" sono impostati entrambi su «false» allora chiunque potrà usare il demone, viceversa se entrambi sono impostati su «true», allora potranno usare il demone solo quegli utenti che conoscono la giusta combinazione username-password e che inoltre sono identificati da un indirizzo IP permesso.

  • rpc-whitelist: definisce gli indirizzi IP da cui è possibile usare il demone; il valore standard 127.0.0.1 indica che sarà possibile usare il demone solo attraverso interfacce installate sullo stesso computer del demone. Per indicare più indirizzi IP è sufficiente separare gli indirizzi con uno spazio, ad esempio "127.0.0.1 192.168.0.43 212.65.33.112 ...".

  • speed-limit-down-enabled e speed-limit-up: definiscono se il demone deve abilitare i limiti rispettivamente delle velocità di ricezione ed invio.

  • speed-limit-down e speed-limit-up: definiscono le velocità limite in kB/s delle velocità di invio e ricezione qualora abilitate (vedere punto precedente).

Per un elenco esaustivo di tutti i parametri di configurazione si rimanda a questa pagina.

Per permettere all'applicazione di leggere il file di configurazione procedere come segue:

  • Digitare in una finestra di terminale:

    sudo chmod 777 ~/.config/tranmission/settings.json
  • Spostarsi nella cartella contenente il file .torrent da scaricare e digitare:

    transmission-cli nome_file
    sostituire la dicitura «nome_file» con il nome del file .torrent che si vuole scaricare.

Ulteriori risorse


CategoryHomepage