• Pagina non alterabile
  • Informazioni
  • Allegati

La newsletter della comunità

Collabora anche tu!

NewsletterItaliana/Materiale/logo_new_newsletter.png

Benvenuta/o alla newsletter della comunità italiana di Ubuntu! Questo è il numero 21 del 2018, riferito alla settimana che va da lunedì 28 maggio a domenica 3 giugno. Per qualsiasi commento, critica o lode, contattaci attraverso la mailing list del gruppo promozione.

Notizie da Ubuntu

È tempo per un nuovo Ubuntu Technical Board. Al via le candidature

Siamo arrivati al termine dei due anni per l'attuale Technical Board in carica ed è giunto dunque il momento di sceglierne uno nuovo. Il Technical Board, ovvero la commissione tecnica di Ubuntu, è responsabile della direzione tecnica che assume Ubuntu. Il comitato tecnico prende le decisioni finali sulla selezione dei pacchetti, sulla politica di pacchettizzazione, sul sistema e sul processo di installazione, sulla toolchain, sul kernel, sul server X, sulle versioni e sulle dipendenze delle librerie, e su qualsiasi altra questione che richieda supervisione tecnica in Ubuntu.

Le nomination verranno raccolte sino alla data del 6 Giugno 2018, e dopo Mark Shuttleworth selezionerà e confermerà le varie candidature. Al termine di questo processo di selezione, i candidati verranno votati da tutti gli sviluppatori di Ubuntu. Chiunque faccia parte della comunità di Ubuntu può nominare qualcuno. È possibile inviare le candidature (di se stessi o di qualcun altro) all'indirizzo di Mark Shuttleworth, mettendo in CC il candidato. Ricordiamo inoltre che l'attuale composizione dell'Ubuntu Technical Board è visionabile alla seguente pagina.

Fonte: fridge.ubuntu.com


Notizie dalla comunità internazionale

UbuCon Europe 2018 - Analisi di un sogno

L'idea di organizzare l'UbuCon in Xixon, Asturie è partita due anni fa, all’UbuCon europeo di Essen (Germania). Uno dei primi compiti è stato quello di riunire un gruppo di persone con le capacità e la motivazione di lavorare insieme, sia in fase di preparazione che durante lo sviluppo di attività nei tre giorni principali dell'UbuCon. Undici volontari hanno risposto alla chiamata di Marcos Costales, creando un gruppo Telegram in cui sono state prese due decisioni fondamentali:

  • Città scelta, Xixon

  • Data, in coincidenza con il rilascio di Ubuntu 18.04

Un edificio in particolare è stato selezionato per l'UbuCon: l’Antiguo Instituto Jovellanos che offriva tutto il necessario tra cui una posizione perfetta nel centro della città, sala conferenze grande per 100 persone, cortile interno e la disponibilità di salette extra.

L'organizzazione è stata semplice, appoggiandosi su Marcos come responsabile si sono organizzati diversi gruppi Telegram: comunicazione e organizzazione, e si è dato il via libera alla propaganda dell'evento. Il raduno dei partecipanti è stato fatto attraverso il proprio sito web dove, dopo un primo comunicato stampa, sono arrivate una valanga di iscrizioni (più di 100 nei primi giorni), ricevendo come richiesto il sostegno istituzionale.

La Fondazione Comunale di Cultura e Istruzione di Xixón ha concesso il Vecchio Jovellanos Institute mentre l'Ufficio del Congresso Gijón ha fornito contatti e sconti su autobus e treni (ALSA e RENFE). Allo stesso tempo anche Canonical finanziariamente ha aiutato pagando l'assicurazione che copriva gli eventuali incidenti e piccoli costi di materiale ausiliario mentre Nathan Haines, Mario Quabeck e Ubuntu FR hanno fornito le tovaglie per i tavoli. Infine Slimbook ha fornito i computer portatili per ciascuna delle sale conferenze e per l'accoglienza dei partecipanti.

L'UbuCon Europa deve avere almeno tre obiettivi da raggiungere:

  1. Condivisione della conoscenza;
  2. Portare i cittadini europei intorno a Ubuntu, rafforzare i legami di amicizia;

  3. Divertirsi.

Venerdì 27 Aprile UbuCon Europa 2018 è stato inaugurato. Tutti gli eventi in programma sono stati nei tempi previsti e più di 140 partecipanti sono stati in grado di ascoltare alcuni dei 37 talk svoltisi contemporaneamente in 4 sale, più di 350 messaggi sono stati pubblicati su Twitter, centinaia di messaggi su Google+ e Facebook oltre ad un buon ritorno economico per il turismo locale. Alla prossima e grazie ancora!

Fonte: thinkonbytes.blogspot.it

Ubuntu MATE e Ubuntu Budgie perdono il supporto hardware a 32 bit

Con il progredire della tecnologia alcune distribuzioni Linux come Ubuntu, Arch Linux, Manjaro ecc, stanno abbandonando lo sviluppo per l'architettura a 32 bit e si stanno concentrando su macchine a 64 bit. Uno dei motivi principali oltre lo sviluppo tecnologico è anche il numero decrescente di utenti che utilizzano effettivamente sistemi operativi su macchine a 32 bit e questo insieme ad altri tanti fattori - basti pensare come alcuni produttori di software come Mozilla o Google Chrome hanno abbandonato le architetture i386 da alcuni anni - ha portato alla decisione di non spendere più tempo e risorse su hardware che le persone non usano più. Anche Ubuntu Budgie e Ubuntu MATE adotteranno la seguente decisione a partire dalla prossima release 18.10.

Il team di Ubuntu MATE ha detto che questo cambiamento permetterà di risparmiare tempo e offrire un migliore supporto ai dispositivi ARM come per esempio Raspberry Pi e di abbandonare lo sviluppo hardware a 32 bit, che non garantisce un test rigoroso.

Naturalmente non allarmatevi se siete ancora bloccati con un vecchio hardware, poiché questo avverrà a partire dalla release 18.10 e le versioni a 32 bit riceveranno supporto per i prossimi 3 anni, cioè sino ad aprile 2021.

Fonte: fossbytes.com


Notizie dal Mondo

Ubuntu 18.10 includerà l'integrazione Android?

Will Cooke il responsabile desktop di Ubuntu ha proposto l'integrazione di GSconnect GNOME di default su Ubuntu 18.10 Cosmic Cuttlefish. Scopriamo adesso di cosa tratta questa estensione e perché dovrebbe migliorare l'esperenzia degli utenti desktop di Ubuntu. GSconnect non è altro che un'implementazione completa del protocollo KDE Connect scritta in JavaScript e questa permette di interagire con:

  • GNOME Shell;
  • file manager Nautilus;
  • i browser: Firefox e Google Chrome.

Usando GSconnect è possibile connettere il tuo telefono Android al tuo PC Ubuntu, e tra le altre tante possibili operazioni è possibile trasferire file, mostrare notifiche Android sul desktop, montare il telefono in modalità wireless ecc. Una differenza sostanziale tra KDE Connect e GSconnect, è che quest'ultima non richiede l'installazione di alcuna dipendenza KDE o Qt, né richiede l'installazione di applet di indicatori aggiuntivi; infatti tutto ciò che serve per connettere il proprio telefono Android al desktop di Ubuntu sono:

  • l'estensione di Gsconnect - Prima di tutto occorre entrare nella pagina GSconnect sul sito web di GNOME Extensions dal proprio browser e se in precedenza non è stato abilitato il supporto per le estensioni di GNOME, è necessario farlo. Basta installare il seguente pacchetto, che fornisce l'integrazione necessaria per i browser Web

    sudo apt install chrome-gnome-shell
    quindi caricare la pagina sopra.
  • l'applicazione KDE connect Android installata sul proprio telefono - KDE Connect per Android è disponibile su F-Droid e dal Google Play Store

  • Accoppiare il telefono a Ubuntu - Il dispositvo Android e il PC Ubuntu devono essere sulla stessa rete, quindi:
    1. Aprire l'applicazione KDE Connect sul proprio telefono;
    2. Selezionare l'opzione "Accoppia un nuovo dispositivo".
    3. Dovresti vedere il nome del tuo sistema apparire nella lista dei "Dispositivi disponibili";
    4. Toccare il sistema per inviare una richiesta di accoppiamento al tuo sistema.

Una volta accettata la richiesta di accoppiamento sul desktop di Ubuntu, apparirà il proprio telefono nel menù Stato sul desktop di Ubuntu. Buon divertimento!

Fonte: omgubuntu.co.uk


Aggiornamenti e statistiche

Aggiornamenti di sicurezza

Gli annunci di sicurezza sono consultabili nell'apposita sezione del forum.

Bug riportati

  • Aperti: 136484, −1319 rispetto alla scorsa settimana.

  • Critici: 443, +1 rispetto alla scorsa settimana.

  • Nuovi: 67729, +85 rispetto alla scorsa settimana.

È possibile aiutare a migliorare Ubuntu, riportando problemi o malfunzionamenti. Se si desidera collaborare ulteriormente, la Bug Squad ha sempre bisogno di una mano.

Statistiche del gruppo sviluppo

Segue la lista dei pacchetti realizzati dal GruppoSviluppo della comunità italiana nell'ultima settimana:

Mattia Rizzolo

Se si vuole contribuire allo sviluppo di Ubuntu correggendo bug, aggiornando i pacchetti nei repository, ecc... il gruppo sviluppo è sempre alla ricerca di nuovi volontari.


Commenti e informazioni

"Noi siamo ciò che siamo per merito di ciò che siamo tutti"
La tua newsletter preferita è scritta grazie al contributo libero e volontario della comunità ubuntu-it. Per metterti in contatto con il Gruppo Social Media o se vuoi contribuire alla redazione di articoli per la Newsletter, puoi scrivere alla mailing list del gruppo promozione.

In questo numero hanno partecipato alla redazione degli articoli:

Hanno inoltre collaborato all'edizione:

Licenza adottata

La newsletter italiana di Ubuntu è pubblicata sotto la licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0.

Uscite settimanali

Per ricevere la newsletter direttamente nella tua casella di posta, cambiare le impostazioni di ricezione o annullare la tua iscrizione alla newsletter, consulta questa pagina.
Per tutti i numeri usciti della newsletter, consulta la nostra edicola.


CategoryComunitaNewsletter CategoryComunitaPromozione