Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments


NewsletterItaliana/Materiale/logo_new_newsletter.png

Benvenuti alla newsletter della comunità Italiana di Ubuntu! Questo che leggete è il numero 42 del 2013, riferito alla settimana che va da lunedì 9 a domenica 15 dicembre. Per qualsiasi commento, critica o lode contattaci attraverso la mailing list del gruppo promozione.

Notizie da Ubuntu

Ubuntu Touch OS ottiene il suo primo produttore hardware

Mark Shuttleworth, fondatore di Ubuntu, ha rivelato che Canonical ha firmato il primo contratto per la fornitura di Ubuntu Touch – la versione di Ubuntu per dispositivi mobili - su smartphone. Shuttleworth l’ha rivelato durante la conferenza LeWeb, ma non ha voluto svelare quale sia l’azienda con cui ha sottoscritto l’accordo, limitandosi solo a dire che sarà uno smartphone di fascia alta e che sarà disponibile nel 2014.

"Abbiamo concluso la nostra prima serie di accordi per fornire Ubuntu sui telefoni cellulari", ha detto Shuttleworth . "Abbiamo spostato le nostre energie dal 'fare un concetto di' a 'lo stiamo producendo', si tratta di un grande impatto per il team". "Inoltre" ha aggiunto "Stiamo discutendo ai massimi livelli con altre quattro aziende che vendono moltissimi telefoni in tutto il mondo, sia nei mercati emergenti che sviluppati, sia per imprese che per privati."

Si tratta di una sorta di rivincita per Shuttleworth: dopo il fallimento quest’estate del progetto "Ubuntu Edge", smartphone di fascia alta con Ubuntu Touch, che avrebbe dovuto essere finanziato in crowdfunding, ma che è arrivato solo alla metà dei 32 milioni di dollari necessari per il suo sviluppo. Ora Canonical e il "misterioso" produttore hardware produrranno un telefono dello stesso tipo – che potrebbe anche avere lo stesso nome.

Ubuntu Touch tenterà di rosicchiare qualche quota di mercato a colossi come Android di Google, iOS di Apple e Windows Phone di Microsoft/Nokia, ma anche ai nuovi "player" come Tizen di Samsung/Intel, e Firefox OS di Mozilla.

Il 2014 sarà dunque un anno di grandi sfide per Ubuntu: ingresso ufficiale nel settore mobile e una nuova versione LTS (con supporto a lungo termine) prevista per Aprile 2014, che potrebbe equipaggiare sia computer desktop che smartphone e tablet; la a lungo attesa "convergenza" potrebbe finalmente arrivare a compimento.

Fonte

Ubuntu includerà la ricerca di file "torrent" sulla Dash

Su Ubuntu sarà presto possibile cercare file “torrent” da siti come “The Pirate Bay” direttamente dalla Dash, il pannello per il lancio di applicazioni e la ricerca.

David Calle, lo sviluppatore di questa “lens” (funzione) è stato a lungo incerto sull'opportunità di includerla in maniera predefinita in Ubuntu, in quanto potrebbe essere utilizzata anche per ricerche di materiale coperto da Copyright, e quindi generare discussioni e polemiche.

E’ stato lo stesso Mark Shuttleworth a intervenire nella discussione su Google+, ed esortare Calle a continuare lo sviluppo della lens, scrivendo "David, andiamo avanti. Questo strumento è molto utile, ed è perfettamente giustificato renderlo disponibile in maniera predefinita. Noi usiamo i file torrent per distribuire la stessa Ubuntu. Quindi, non avere dubbi!".

Fonte

"Unity Control Center" per Ubuntu 14.04 LTS

Con un recente messaggio di posta elettronica, Robert Ancell (sviluppatore Canonical) ha indicato per il prossimo rilascio di Ubuntu 14.04, la realizzazione di "Unity Control Center". Si tratta di una nuova versione di sviluppo software derivato da "GNOME Control Center".

Non sono previste delle correzioni significative, al di fuori della stabilità e della sicurezza del sistema.

Il motivo prevalente di questa decisione è legato all'introduzione della nuova versione 3.10 delle impostazioni di sistema di GNOME.

È però intenzione degli sviluppatori Canonical utilizzare Unity Control Center sino a quando non sarà completato lo sviluppo dell'Ubuntu System Settings, che diventerà il punto di riferimento e il centro di controllo unico per i componenti desktop e portatili.

Rimarrà comunque disponibile negli archivi software ufficiali GNOME Control Center 3.10.

Fonte

Altre notizie

Dal mondo

The Document Foundation nomina 15 sviluppatori certificati nel 2013

The Document Foundation (TDF) svela l' elenco degli sviluppatori Certificati nominati nel 2013 : Noel Grandin (indipendente), Matúš Kukan (Collabora), Noel Potenza (SUSE), Muthu Subramanian (Collabora), Miklos Vajna (Collabora), certificati a marzo; Maxime de Roucy (Linagora), Winfried Donkers (indipendente), Radek Doulík (indipendente), Pierre - Eric Pelloux - Prayer (Lanedo), Rob Snelders (indipendente), certificati a maggio, Khaled Hosny (indipendente), Andrzej Hunt (Collabora), Marcos Souza (indipendente), Tomaž Vajngerl (indipendente), Tamás Zolnai (indipendente), certificati a novembre.

Questi si uniscono al primo gruppo di sviluppatori certificati nominati nel mese di ottobre 2012: Thorsten Behrens (SUSE), Stephan Bergmann (Red Hat), Cédric Bosdonnat (SUSE), Rene Engelhard (indipendente), Jan Holešovský (Collabora), Tor Lillqvist (Collabora), Christian Lohmaier (TDF), Luboš Luňák (indipendente), Lionel Elie Mamane (indipendente), Eilidh McAdam (Lanedo), Caolan McNamara (Red Hat), Michael Meeks (Collabora), Björn Michaelsen (Canonical), Petr Mládek (SUSE), Markus Mohrhard (Collabora), Eike Rathke (Red Hat), Michael Stahl (Red Hat), Fridrich Štrba (SUSE), David Tardon (Red Hat), András Timár (Collabora) e Kohei Yoshida (Collabora).

Gli sviluppatori certificati sono in grado di produrre implementazioni aziendali di LibreOffice, fornendo un supporto professionale di livello 3, con lo sviluppo di funzionalità e bug fixing, per risolvere problemi su applicativi e di interoperabilità. Il Developer Program di certificazione ha lo scopo di aiutare a identificare sviluppatori qualificati per supportare la distribuzione di LibreOffice nella pubblica amministrazione e l'impresa.

Dettagli sulla certificazione TDF sono disponibili sul sito della The Document Foundation. La certificazione per le Migrazioni e la Formazione inizierà ufficialmente nei primi mesi del 2014, con la prima sessione all'inizio di febbraio al FOSDEM di Bruxelles .

Fonte

Dallo stivale

300 postazioni con LibreOffice per le ASL umbre

L’azienda USL Umbria 1 ha completato la prima fase di migrazione al software libero LibreOffice.

Dopo circa due mesi dall’inizio dei lavori sono già 300 le postazioni che hanno abbandonato i vecchi programmi di office automation per passare a LibreOffice con l'intento di arrivare al completamento della migrazione dell’intero parco macchine nei prossimi mesi.

Parallelamente alle attività di installazione, proseguono i corsi di formazione in aula che termineranno entro la fine dell’anno per gli utenti migrati.

L’azienda USL Umbria 1, tra le promotrici del progetto LibreUmbria, è sicuramente un buon esempio di come anche in strutture pubbliche di questo tipo è possibile adottare software libero.

Fonte

LibreUmbria: nuovo materiale didattico

Continuano i corsi volti alla preparazione del personale al lavoro con la suite per l'ufficio LibreOffice che sostituirà, nei prossimi mesi, Microsoft Office in molti uffici della P.A. in Provincia Di Perugia.
I corsi, completamente gratuiti e aperti a tutti i dipendenti della Provincia di Perugia, sono stati preparati in slide per le presentazioni e vengono distribuiti sotto licenza Creative Commons.
Chiunque, quindi, ha a disposizione una enorme quantità di informazioni da poter utilizzare sia a titolo personale sia a titolo di addestramento nei confronti di altre persone.
Tutta la documentazione finora prodotta può essere reperita e scaricata gratuitamente dalla pagina relativa al materiale didattico sul blog di LibreUmbria.

Fonte

Aggiornamenti e statistiche

Aggiornamenti di sicurezza

Gli annunci di sicurezza si possono trovare nell'apposita sezione del forum.

Bug riportati

  • Aperti: 107722, +152 rispetto la scorsa settimana;

  • Critici: 118, +2 rispetto la scorsa settimana;

  • Nuovi: 53399, +86 rispetto la scorsa settimana.

È possibile come sempre aiutare a migliore Ubuntu riportando problemi o malfunzionamenti. Se si desidera collaborare ulteriormente, la Bug Squad ha sempre bisogno di una mano.

Statistiche del gruppo sviluppo

Segue la lista dei pacchetti realizzati dalla comunità italiana nell'ultima settimana:

Andrea Colangelo

Luca Falavigna

Se si vuole contribuire allo sviluppo di Ubuntu correggendo bug, aggiornando i pacchetti nei repository, ecc... il gruppo sviluppo è sempre alla ricerca di nuovi volontari.

Commenti e informazioni

"Noi siamo ciò che siamo per merito di ciò che siamo tutti"

La tua newsletter preferita è scritta grazie al contributo libero e volontario della comunità ubuntu-it. Per metterti in contatto con noi, e quindi con il «Sovrano Ordine dei Cronisti della Tavola Ovale» della newsletter italiana, o se vuoi contribuire alla redazione degli articoli, puoi scrivere alla mailing list del gruppo promozione.

In questo numero hanno partecipato alla redazione degli articoli:

Hanno inoltre collaborato all'edizione:

Licenza adottata

La newsletter italiana di Ubuntu è pubblicata sotto la licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0.

Uscite settimanali

Per ricevere la newsletter direttamente nella tua email, iscriviti qui.
Per tutti i numeri usciti della newsletter, consultare la nostra edicola.


CategoryComunitaNewsletter