Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments

NewsletterItaliana/Materiale/logo_new_newsletter.png

Benvenuti alla newsletter della comunità Italiana di Ubuntu! Questo che leggete è il numero 37 del 2013, riferito alla settimana che va da lunedì 4 a domenica 10 novembre. Per qualsiasi commento, critica o lode contattaci attraverso la mailing list del gruppo promozione.

Notizie da Ubuntu

Ubuntu 13.10 porta con se una più veloce installazione e gestione di ambienti scalabili

Ubuntu Server 13.10, disponibile dal 17 ottobre, è il primo rilascio di Ubuntu a supportare il nuovo OpenStack Havana, con l'integrazione con VMWare vSphere, una più veloce installazione di nodi e una nuova versione di Juju che supporta la distribuzioni di applicazioni in container ultra-densi.

Ubuntu è uno dei sistemi operativi più utilizzati in ambito cloud, soprattutto in deploy molto grandi. Con questo rilascio è stato fatto un passo in avanti per supportare al meglio anche realtà piccole, rendendo possibile attuare un'installazione di OpenStack in soli cinque server, e offrire un pannello di controllo Landscape per gestire tutte quelle installazioni, indifferentemente dalle loro dimensioni.

Landascape è il sistema proprietario di Canonical per controllare, aggiornare e monitorare un grande numero di installazioni di Ubuntu attraverso un'unica interfaccia web, e ora è stato aggiunto il supporto ad OpenStack.

Juju è un programma sviluppato da Canonical che mette a disposizione un servizio di orchestrazione, il quale rende possibile disegnare, rilasciare, gestire e scalare applicazioni in maniera sicura e affidabile da un browser o dalla linea di comando. Da Ubuntu 13.10 Juju permette di effettuare il deploy di un intero ambiente software o un servizio come un "bundle" direttamente dall'interfaccia grafica di Juju, rendendo il tutto ancora più facile, rispetto alla precedente situazione dove si doveva fare il deploy dei singoli componenti. Questo riduce la complessità del lavoro di un amministratore di sistema, e permette di condividere il carico di lavoro in più parti.
Juju in Ubuntu 13.10 introduce anche il supporto ai container LXC, che rende possibile l'esecuzione di più servizi in una sola macchina, fisica o virtuale. Questo permetto di aumentare la densità, riducendo il numero totale di computer richiesti per un servizio, e quindi diminuendo i costi.

È stato migliorato il supporto e l'integrazione tra OpenStack e VMWare vSphere. "La possibilità di fare il deploy di Ubuntu OpenStack insieme a ESXi con l'orchestrazione di Juju che abbraccia entrambe le proprietà è un fattore estremamente prezioso, portando OpenStack al centro della comune pratica di virtualizzazione in un'impresa", afferna Mark Shuttelworth, fondatore di Ubuntu e Canonical.

Ubuntu 13.10 include Havana, l'ultima versione di OpenStack, con nuovi e migliorati strumenti, quali Ceilometer per effettuare misurazioni e monitoraggio, e Heat, per l'auto-scaling. Havana è disponibile anche per Ubuntu 12.04 LTS attraverso il Cloud Archive, da Canonical, rendendo possibile a tutti gli utenti LTS beneficiare di tutte le nuove funzionalità di OpenStack, aspettando la prossima LTS.

Fonte

Mark Shuttleworth chiude la polemica sull'infrazione del "trademark" Ubuntu

Con un post sul suo blog, Mark Shuttleworth, fondatore di Ubuntu e Canonical, ha chiuso la polemica sull'infrazione del "trademark" di Ubuntu del sito fixubuntu.com.

La polemica era nata dal sito fixubuntu.com, sito "fasullo" (consiste in una sola pagina), creato da Michah Lee, un attivista di EFF (Electronic Frontier Foundation, un'organizzazione internazionale non profit creata per la tutela dei diritti digitali). Il sito contiene alcune semplici istruzioni per eliminare le "shopping lens", che - secondo EFF - violano la privacy degli utenti Ubuntu, inviando dati a terze parti.

A distanza da un mese dalla creazione del sito, Canonical aveva inviato un'ingiunzione per rimuovere nome e logo di Ubuntu dal sito, in quanto il sito stesso "poteva generare confusione, facendo credere che il sito sia associato a Canonical o Ubuntu". La reazione di Michah era stata quella di rimuovere il logo, mantenere il nome fixubuntu.com e aggiungere la dichiarazione "sappiate che questo sito non è affiliato né approvato da Canonical. Questo sito critica Canonical per alcune funzioni invasive della privacy, e insegna alle persone come rimediare. [..] L'uso del marchio Ubuntu è solo descrittivo e serve al pubblico nel trovare questo sito e capire il messaggio".

Mark Shuttleworth, dal suo blog, ha riassunto quali sono le policy sull'uso del marchio "Ubuntu", che è di proprietà di Canonical, e che - molto più generosamente di quanto lo consente la legge - concede l'uso del marchio a moltissimi siti web, che ruotano attorno al mondo di Ubuntu. Mark attribuisce la missiva di Canonical indirizzata a Michah Lee a un fin troppo zelante e giovane dipendente di Canonical, che ha inviato un modulo standard, il più "severo", ammettendo che è stato un errore. La polemica è poi montata immediatamente, anche grazie all'ampia eco data dalla stampa su Internet.

Come già successo in passato, questo episodio testimonia l'estrema attenzione con cui è seguita Canonical e Ubuntu, segno tangibile di quanto siano diventate importanti nel mondo Linux.

Fonte

Notizie dalla comunità

La newsletter cerca nuovi collaboratori

Vorresti contribuire ad Ubuntu ma non sai da che parte cominciare? Conosci l'inglese, sei intraprendente e hai un'ottima conoscenza della lingua italiana?

La redazione della newsletter Italiana sta cercando nuovi collaboratori!

L'impegno richiesto riguarda la stesura di un articolo a settimana, a partire da notizie verificate nazionali o internazionali, su Ubuntu e sul mondo del software libero.

Se interessato/a, puoi contattarci tramite i nostri contatti, indicati nella pagina wiki del Gruppo Promozione.

Altre notizie

Dal mondo

System76 compie 7 anni

System76, la nota azienda produttrice di PC con ubuntu preinstallato, lo scorso 7 novembre, ha annunciato con un post su Google+ il suo settimo compleanno.

"Today is our 7th birthday! We began shipping Ubuntu PCs November 7, 2005 and we couldn't be more happy with our growth and success. Thank you to all our wonderful customers and social community for your support! Everything we've accomplished is because of you!"

"Oggi è il nostro settimo compleanno! Abbiamo iniziato a spedire Pc con Ubuntu il 7 Novembre 2005 e non possiamo essere più felici di così per la nostra crescita e il nostro successo. Grazie a tutti voi, clienti e comunità per il vostro supporto! Abbiamo realizzato tutto questo grazie a voi!"

È enorme, infatti, il successo che System76 sta riscuotendo nel campo dei PC con ubuntu preinstallato. Merito di ciò anche la vasta gamma di prodotti che offre: dai Desktop ai portatili agli All-in-One, fino ad arrivare a "Leopard Extreme", il più potente Desktop mai realizzato fin ora con Ubuntu già preinstallato al momento dell'acquisto. Degno di nota anche il servizio Stickers, convenzionato con quello della comunità italiana che permette di ricevere gratuitamente a casa degli adesivi con il logo di Ubuntu. Infine, da pochi anni fa, l'azienda spedisce in tutto il mondo, il che la rende una buona scelta anche per i paesi al di fuori dell'America.

Fonte

Dallo stivale

Libreumbria: nuovi manuali per LibreOffice

LibreUmbria, il gruppo di lavoro in cui sono confluite varie persone per attuare la migrazione delle P.A. verso LibreOffice, pochi giorni fa ha pubblicato sul suo blog la loro ultima fatica: un manuale su Impress. Ricordiamo che Impress è un programma della suite LibreOffice per la preparazione e la proiezione di slide e presentazioni anche interattive. Si legge direttamente sul loro blog: "Con l’avvio, nei prossimi giorni, dei corsi su presentazioni multimediali e Impress per i dipendenti della Provincia di Perugia, si è provveduto a realizzare un manuale sulle funzioni principali di Impress da consegnare agli utenti e scaricabile gratuitamente da tutti. [...] Oltre al manuale è possibile consultare anche le slide predisposte per le lezioni su Impress."

Libreumbria, sempre attenta alle problematiche di chi in fase di migrazione da un'altra suite di ufficio a LibreOffice potrebbe riscontrare, ha già pubblicato altri due piccoli manuali su Write e Calc e, nelle prossime settimane si approfondiranno le funzioni avanzate di Calc.
Per quest'ultimo progetto Libreumbria ha ideato un percorso formativo ad hoc, supportato da materiale didattico che verrà pubblicato sempre tramite il loro blog.

Auguriamo buon lavoro al gruppo Libreumbria e rimaniamo in attesa di altre notizie.

Fonte

Aggiornamenti e statistiche

Aggiornamenti di sicurezza

Gli annunci di sicurezza si possono trovare nell'apposita sezione del forum.

Bug riportati

  • Aperti: 107553, -402 rispetto la scorsa settimana;

  • Critici: 122, -11 rispetto la scorsa settimana;

  • Nuovi: 53307, +154 rispetto la scorsa settimana.

È possibile come sempre aiutare a migliore Ubuntu riportando problemi o malfunzionamenti. Se si desidera collaborare ulteriormente, la Bug Squad ha sempre bisogno di una mano.

Commenti e informazioni

La tua newsletter preferita è scritta con il duro lavoro degli eroici attivisti. Per metterti in contatto con loro e quindi con il «Sovrano Ordine dei Cronisti della Tavola Ovale» della newsletter italiana puoi scrivere alla mailing list del gruppo promozione.

In questo numero hanno partecipato alla redazione degli articoli:

Hanno inoltre collaborato all'edizione:

Licenza adottata

La newsletter italiana di Ubuntu è pubblicata sotto la licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0.

Uscite settimanali

Per ricevere la newsletter direttamente nella tua email, iscriviti qui.
Per tutti i numeri usciti della newsletter, consultare la nostra edicola.


CategoryComunitaNewsletter