Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments


NewsletterItaliana/Materiale/logo_new_newsletter.png

Benvenuti alla newsletter della comunità Italiana di Ubuntu! Questo che leggete è il numero 9 del 2013, riferito alla settimana che va da lunedì 25 febbraio a domenica 03 marzo. Per qualsiasi commento, critica o lode contattaci attraverso la mailing list del gruppo promozione.

Notizie da Ubuntu

L'Ubuntu Developer Summit ora online quattro volte all'anno

L'Ubuntu Developer Summit è un evento destinato principalmente agli sviluppatori, in cui vengono discusse e decise le funzionalità da introdurre nella release successiva di Ubuntu.

Fino ad oggi si svolgeva ogni sei mesi dopo ogni rilascio, una volta in Europa e una volta negli Stati Uniti.
Questo però impediva la partecipazione alle persone che non potevano viaggiare fino alle destinazioni scelte.

Per ovviare a questo problema e permettere più contributi si è deciso che l'evento si svolgerà ogni tre mesi e online.
Inoltre ogni edizione durerà due giorni.

Tutti gli incontri avverranno tramite Google+ Hangout, integrando altri sistemi quali IRC ed EtherPad.
In contemporanea ne avverranno due per ogni categoria (Client, Server e Cloud, Comunità, Sviluppo di applicazioni), oltre alle presentazioni e altri eventi.
Ogni streaming sarà visualizzabile dal sito dell'UDS.

Il prossimo appuntamento è per martedì 5 e mercoledì 6 maggio.
Ricordiamo che tutti gli interventi sono in lingua inglese.

Fonte

Ubuntu Touch giudicato il miglior prodotto presentato al MWC 2013

http://i.i.com.com/cnwk.1d/i/tim/2013/02/28/001Ubuntu_35624752_620x443.jpg

Il MWC (Mobile World Congress), che si è tenuto a Barcellona dal 25 al 28 Febbraio 2013, è l'evento più importante e significativo dell'anno in cui tutte le aziende, dalle più famose alle meno conosciute, espongono i loro prodotti, che presto saranno sul mercato. Anche qui Ubuntu si è distinta dalla massa, presentando il suo OS, che sarà disponibile sia per i cellulari che per i tablet; infatti al CES di Las Vegas che si è svolto ad inizio hanno, il team di Ubuntu ha ottenuto il PopMech award. Sia negli USA che in Spagna, Ubuntu si è fatta riconoscere per il design, l'utilità e l'innovazione tecnica del nuovo Sistema Operativo.

I giudici del MWC, affermano che è stato veramente difficile assegnare il premio, poiché c'era un altro prodotto che 'gareggiava', tenendo testa ad Ubuntu; si tratta di Firefox OS. Oltre ai due sistemi Open Source, c'erano altri prodotti, come il Padphone Infinity della Asus, il Lumia 720 della Nokia, o il tablet Xperia Z della sony; che però non hanno suscitato lo stesso interesse nei giudici.

Fonte

Ubuntu diventerà una "rolling release"?

Nel Google Hangout datato 22 Gennaio 2013 e dedicato allo sviluppo di Ubuntu, Leann Ogasawara, l'ingegnere di Canonical che si occupa del Kernel, ha prospettato l’idea di introdurre per il Sistema Operativo le cosiddette rolling release. Rick Spencer, il capo del team di sviluppo di Canonical, ha riproposto questa idea il 28 Febbraio scorso, in una mailing-list dedicata.

Secondo quanto comunicato da Spencer, continuerebbero a funzionare i rilasci con supporto a lungo termine (LTS), distribuiti ogni due anni, con la rimozione però dei 3 rilasci semestrali. L'introduzione delle Rolling Release offrirebbe agli sviluppatori la possibilità di lavorare con più calma sulle novità del software, dato che non ci sarebbe più una data fissata semestralmente. Gli utenti a loro volta potranno scegliere tra una release LTS, una rolling release aggiornata quotidianamente o un'altra aggiornata con cadenza mensile.

A questo punto questa proposta si può considerare ufficiale, anche se la sua portata dovrà essere ulteriormente sviluppata e precisata, anche a livello di riorganizzazione dei pacchetti software. In ogni caso, un tale cambiamento sarà sottoposto a discussione all'interno della comunità di Ubuntu.

Fonte

Fonte

Notizie dalla comunità

Ubuntu Global Jam in Italia: testiamoci!

Lo scorso fine settimana, dal 1 al 3 marzo, in tutto il mondo ha avuto luogo un evento importante per Ubuntu, il Global Jam. Si tratta di un evento organizzato dalla Comunità di Ubuntu per contribuire tutti assieme, anche chi non ne fa parte, allo sviluppo di questo sistema operativo libero. In questa occasione vengono toccati tutti gli aspetti che fanno di Ubuntu una distribuzione GNU/Linux per tutti gli esseri umani: traduzioni, documentazione, sviluppo...

Anche la Comunità Italiana ha deciso di dare il proprio contributo; domenica 3 marzo 2013 dalle 15:00 alle 18:30, a Schio (VI), si è tenuto il Test Jam italiano, un evento dedicato ai test sulla versione in via di sviluppo, Ubuntu 13.04 Raring Ringtail.

Ospite di AVi LUG nell'Aula Informatica del Comune di Schio nelle Barchesse di Palazzo Fogazzaro in via Pasini e con un collegamento in diretta tramite Google Hangout, Ubuntu-it ha assistito tutti gli interessati in una sessione di test durante la quale è stato possibile imparare a contribuire in modo molto semplice allo sviluppo di Ubuntu. I partecipanti hanno imparato a trovare i problemi, eventualmente risolvere i più semplici con rapide correzioni e segnalare bug in modo che gli sviluppatori possano intervenire.

Non si tratta solo di test: l'Ubuntu Global Jam è anche un evento importante per unire tutti gli appassionati che vogliono mettere a disposizione le proprie capacità per migliorare un progetto che è di tutti e conoscere qualcosa di nuovo, oltre naturalmente a passare un bel pomeriggio assieme.

noisiamoubuntu numero 50!

Pubblicata la 50esima intervista del blog noisiamoubuntu, il blog delle persone che usano Ubuntu! A due anni dalla partenza del blog, abbiamo raggiunto il prestigioso traguardo delle 50 interviste, 50 persone come noi che usano Ubuntu e che credono che il Software Libero sia non solo una valida alternativa, ma la migliore scelta per il loro computer!

Questa settimana abbiamo intervistato Renato, consulente informatico conquistato dalla semplicità e facilità di utilizzo di Ubuntu.

Vuoi partecipare anche tu? È facilissimo, basta rispondere a poche semplici domande, allegare una propria foto e spedirci il tutto. In questa pagina troverai le istruzioni e le domande! Aspettiamo la tua intervista!! :-)

Fonte

Altre notizie

Dallo stivale

Open Source e Ubuntu: la storia di un successo italiano

Qualche giorno fa ci ha scritto Fabrizio dell'associazione culturale IdeAgorà, che organizza il festival Mirabilia, un festival di arte circense e di strada di importanza europea (riconosciuto ufficialmente come "Festival culturale d'Europa"). Ci ha scritto per raccontarci una storia italiana di successo che ha come protagonista l'open source e Ubuntu in particolare.

É dal 2007 che per organizzare e gestire Mirabilia si usa software open source, sia per la sua filosofia, sia per ragioni ben più pratiche, ovvero la stabilità e la sicurezza dei dati che garantisce: un evento delle dimensioni di Mirabilia necessita infatti di un sistema informativo completamente affidabile. All'inizio i sistemi operativi utilizzati erano principalmente Open Suse e Mandriva, poi pian piano si è imposto Ubuntu, per la sua facilità di utilizzo e per l'ampia varietà del parco applicativo.

Abbiamo chiesto a Fabrizio se per gli utenti è stato difficile abituarsi ad usare Ubuntu, ma ci ha risposto che uno dei motivi che ha portato al suo utilizzo è proprio la flessibilità di scegliere il Desktop Environment più vicino alle esigenze e ai gusti di ciascuno. Così, se il nucleo organizzativo del festival è abituato ad utilizzare Gnome, i vari collaboratori riescono ad avvicinarsi più facilmente ad Ubuntu attraverso ambienti quali Kubuntu o Macbuntu. In questo modo anche le iniziali difficoltà nell'utilizzo di applicazioni vengono superate in fretta e anche i neofiti iniziano ad apprezzare le doti di velocità e praticità di Ubuntu, per esempio rispetto alla facilità di installazione e gestione di qualsiasi stampante.

L'affidabilità è forse il requisito più importante per questo festival e l'impiego di Ubuntu in combinazione con soluzioni cloud ha consentito di gestire i dati in modo assolutamente sicuro senza necessità di continui aggiornamenti hardware o costose configurazioni RAID. Un altro desiderio di IdeAgorà era quello di poter continuare ad usare anche hardware meno recente e Ubuntu si è dimostrato la scelta giusta anche a questo scopo.

Il personale di Mirabilia usa Ubuntu per un po' tutte le attività relative all'organizzazione e alla gestione del festival, dalle domande di finanziamento, alle schede tecniche, alla comunicazione...Tra le applicazioni, le più usate sono Gimp, Libre Office, Scribus e Inkscape, ma ogni volta che sorgono necessità nuove è sufficiente scaricare il software più adatto dal Software Center.

Se poi avete il dubbio che le soluzioni open source non siano applicabili a grandi realtà, vediamo insieme un po' di numeri di Mirabilia. L'anno scorso ha avuto circa 95000 visitatori, di cui circa 6000 stranieri, con 200 operatori del settore presenti e 30 testate giornalistiche appartenenti a 9 diversi paesi Europei. Il personale conta una settantina di persone tra tecnici e staff.

Ci è piaciuto molto sentire questa storia. Speriamo di sentire presto altre storie di successo!

Aggiornamenti e statistiche

Aggiornamenti di sicurezza

Gli annunci di sicurezza si possono trovare nell'apposita sezione del forum.

Bug riportati

  • Aperti: 103951, +218 rispetto la scorsa settimana;

  • Critici: 75, -2 rispetto la scorsa settimana;

  • Nuovi: 51222, -11 rispetto la scorsa settimana;

È possibile come sempre aiutare a migliore Ubuntu riportando problemi o malfunzionamenti. Se si desidera collaborare ulteriormente, la Bug Squad ha sempre bisogno di una mano.

Commenti e informazioni

La tua newsletter preferita è scritta con il duro lavoro degli eroici attivisti. Per metterti in contatto con loro e quindi con il «Sovrano Ordine dei Cronisti della Tavola Ovale» della newsletter italiana puoi scrivere alla mailing list del gruppo promozione.

In questo numero hanno partecipato alla redazione degli articoli:

Hanno inoltre collaborato all'edizione:

Licenza adottata

La newsletter italiana di Ubuntu è pubblicata sotto la licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0.

Uscite settimanali

Per ricevere la newsletter direttamente nella tua email, iscriviti qui.
Per tutti i numeri usciti della newsletter, consultare la nostra edicola.


CategoryComunitaNewsletter