Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments


NewsletterItaliana/Materiale/logo_new_newsletter.png

Benvenuti alla newsletter della comunità Italiana di Ubuntu! Questo che leggete è il numero 1 del 2012, riferito alla settimana che va da lunedì 2 a domenica 8 gennaio. Per qualsiasi commento, critica o lode contattaci attraverso la mailing list del gruppo promozione.

Notizie da Ubuntu

Lubuntu augura un buon anno con un nuovo sfondo

Gli sviluppatori di Lubuntu, hanno ringraziato e augurato un buon anno a tutti gli utenti in modo artistico. Infatti, dopo gli aggiornamenti del pacchetto 'lubuntu artwork', il wallpaper predefinito del rilascio 12.04 di Lubuntu è di colore blu con la scritta 'the lubuntu team wishes you a happy new year 2012', circondata dai nomi degli sviluppatori.

Lubuntu 2012

Questo gesto serve anche a ricordare che la distanza tra gli utenti finali e coloro che lavorano dietro Lubuntu, non è così grande come spesso si pensa.

Fonte

Anteprima dal CES, arriva la 'Ubuntu TV'

Durante il CES, Fiera dell'elettronica di consumo che si tiene in questi giorni a Las Vegas, Canonical presenterà un progetto tutto nuovo, una TV basata su Ubuntu.
Lo ha annunciato in anteprima Jane Silber, CEO di Canonical, durante un'intervista alla BBC. Per il momento si tratta solo di un prototipo allo stadio iniziale, e uno degli obiettivi della partecipazione al CES sarà dunque quello di individuare partner tecnologi per portare avanti il progetto.

Fonte

System76 riprende a spedire in Italia

System76, la nota azienda che vende PC con Ubuntu preinstallato, ha finalmente iniziato a spedire i suoi prodotti in alcuni paesi europei, tra cui l'Italia.
Fino a Dicembre 2011, infatti, l'azienda statunitense vendeva Pc solo in America.
Essa però, ha già dei contatti da molto tempo con la nostra Comunità, fornendo gli stikers per il progetto Ubuntu Stickers del Gruppo Promozione, diretto da Salvatore Palma.
La novità è stata comunicata, per la prima volta, all'UDS (Ubuntu Developer Summit), da alcuni rappresentanti di System76, che hanno raccontato di aver ricevuto molte richieste di acquisto proprio dall'Italia. Buona notizia, quindi, per gli utenti europei, che hanno voglia di acquistare Desktop, Laptop o Server esclusivamente con Ubuntu già preinstallato, che spesso, talvolta invano, cercano computer vergini o con software libero preinstallato nei siti dei maggiori produttori di hardware.
La lista completa dei paesi in cui System76 spedisce attualmente è disponibile nella seguente pagina.

Notizie dalla comunità

I consigli di Canonical per la migrazione a Ubuntu

Durante il mese di Dicembre 2011, il gruppo FCM, che provvede alla traduzione, revisione e impaginazione del noto magazine on-line Full Circle Magazine, ha provveduto alla traduzione, revisione ed impaginazione di un documento firmato Canonical e relativo a come effettuare una migrazione verso Ubuntu.

Dopo l'ultima revisione da parte di Canonical, il documento è ora disponibile per il download diretto al seguente indirizzo, o nel caso vogliate visualizzarlo on-line senza doverlo scaricare potrete visionarlo qui

Buona lettura!

Fonte

Fonte

Edizione 55 di Full Circle Magazine in italiano

È stato pubblicato sul sito internazionale di Full Circle Magazine, il numero 55 in italiano.

Come promesso ormai da mesi, il Gruppo FCM italiano non ha mancato l'obbiettivo per il periodo natalizio, regalando ai lettori della nota rivista on-line Full Circle Magazine il numero 55 completamente in italiano.

In questo numero troviamo:

  • How To: Comanda & Conquista – VIM: funzioni avanzate

  • How-to: Programmare in Python – Parte 29
  • How-to: LibreOffice – Parte 9

  • How-to: Strategia di backup – Parte 3
  • How-to: Le basi di Audacity
  • How-to: Un rapido server casalingo
  • Linux Lab: Il VOIP a casa
  • La mia storia: Il gruppo di traduzione italiano
  • Recensione: BackTrack vs BackBox

  • Giochi Ubuntu: Frozen Synapse

... e altro ancora.

La rivista si può scaricare da questa pagina dove troverete i link all'edizione inglese, al pdf in italiano e al nuovissimo formato epub per e-book reader.

Buona lettura.

Altre notizie

Dal mondo

La NASA lancia un nuovo portale Open Source

La NASA ha inaugurato mercoledì scorso un nuovo sito dedicato all'Open Source, code.NASA.gov che promette di essere un punto di riferimento e di raccolta per tutti i progetti di software libero della NASA.
Il sito come primo obiettivo ha quello di fornire delle informazioni precise ed aggiornate sullo stato di sviluppo dell'Open Source da parte dell'Agenzia Spaziale; fornendo delucidazioni anche sulle modalità con cui vengono gestiti i processi il sito spera di poter coinvolgere anche dei soggetti esterni nella collaborazione. A breve inoltre il portale si propone di introdurre un forum per permettere agli utenti una maggiore partecipazione e contribuire a creare una fiorente discussione sui concetti di Open Source, le politiche e i progetti dell'Agenzia.
Una scelta di grande importanza da parte della Nasa che realmente sceglie di puntare sull'Open Source per costruire i software e le tecnologie del futuro. Per tutti i programmatori e gli appassionati di software libero sarà difficile non accettare l'invito un po' scherzoso dell'Agenzia: "il vostro codice un giorno potrebbe uscire dal sistema solare o atterrare su un pianeta alieno".

Fonte

Fonte

Munich Linux Migration Project

LiMux, un progetto per convertire le istituzioni del governo locale a Linux e al software open source a Monaco di Baviera, ha superato le aspettative iniziali. Il progetto ha fatto leggermente meglio della previsione di migrare 8.500 workstation e vanta oggi 9.000 stazioni di lavoro migrate a Linux. Il progresso e l'evoluzione di questo progetto che ha avuto inizio nel 2003 merita un approfondimento.

LiMux è il nome sia del progetto di migrazione sia di una distribuzione Linux specializzata. La distro LiMux, che è basata su Ubuntu, è certificata dal governo tedesco per l'uso sia per le istituzioni governative sia per le imprese private.

In un post del 2010, Florian Schiessl, uno degli architetti del progetto, ha ammesso di aver sottovalutato la difficoltà del compito ed etichettato il loro approccio iniziale "ingenuo". Parte del problema era che il software proprietario in uso all'epoca era ben lungi dall'essere 'omogeneizzato' come la maggior parte delle persone avrebbe voluto. Come dice Schiessl nel suo post:

"Nessuna directory comune, nessun sistema utente o gestione dell'hardware comune. Differenti strumenti per la distribuzione di software e la gestione del sistema. Più di 300 applicazioni, molte delle quali superflue, per esempio Dreamweaver, Frontpage, Fusion ed altro, per l'editing HTML. 21 differenti client di !Windows, con differenti livelli di patch e concetti di sicurezza diversi. Questa era la situazione dell'IT a Monaco quando LiMux ha iniziato."

Quindi iniziando a spianare la strada per l'adozione di Linux e dell'open source, il team ha dovuto riorganizzare il criterio di gestione dell'IT. Non dimenticate che oltre ai sistemi operativi e alle applicazioni, un progetto come questo deve considerare anche i formati di documenti e modelli. Schiessl prende in considerazione il formato ODF. Per contribuire a questo, il progetto LiMux ha creato WollMux, un plugin open source per la creazione di modelli su OpenOffice.

Molti tentativi di migrazione però, sembrano dimenticare un altro fattore fondamentale: le persone. Dimenticare di conquistare il personale sembra essere un tratto comune dei progetti di migrazione che non riescono a raggiungere i loro obiettivi. Dal 2008 in poi, la squadra LiMux ha iniziato ad adottare un approccio più ponderato alla migrazione, a partire da piccole implementazioni, raccogliendo un sacco di dati al fine di valutare il successo.

In generale, comunque, è un progetto degno di essere studiato da chiunque sia interessato a migrazioni su larga scala verso Linux.

Fonte

Aggiornamenti e statistiche

Aggiornamenti di sicurezza

Gli annunci di sicurezza si possono trovare anche nell'apposita sezione del forum: Bacheca degli annunci ufficiali di sicurezza

Bug riportati

  • Aperti: 87680, n.d. rispetto la scorsa settimana;

  • Critici: 171, n.d. rispetto la scorsa settimana;

  • Nuovi: 45977, n.d. rispetto la scorsa settimana.

È possibile come sempre aiutare a migliore Ubuntu riportando problemi o malfunzionamenti. Se si desidera collaborare ulteriormente, la Bug Squad ha sempre bisogno di una mano.

Statistiche del gruppo sviluppo

Segue la lista dei pacchetti realizzati dalla comunità italiana nell'ultima settimana:

Leo Iannacone

Matthew East

Se si vuole contribuire allo sviluppo di Ubuntu correggendo bug, aggiornando i pacchetti nei repository, ecc... il gruppo sviluppo è sempre alla ricerca di nuovi volontari.

Commenti e informazioni

La tua newsletter preferita è scritta con il duro lavoro degli eroici attivisti. Per metterti in contatto con loro e quindi con il «Sovrano Ordine dei Cronisti della Tavola Ovale» della newsletter italiana puoi scrivere alla mailing list del gruppo promozione.

In questo numero hanno partecipato alla redazione degli articoli:

Hanno inoltre collaborato all'edizione:

Licenza adottata

La newsletter italiana di Ubuntu è pubblicata sotto la licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0.

Uscite settimanali

Per ricevere la newsletter direttamente nella tua email, iscriviti qui.
Per tutti i numeri usciti della newsletter, consultare la nostra edicola.


CategoryComunitaNewsletter