Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments


NewsletterItaliana/Materiale/logo-newsletter.png

Benvenuti alla newsletter della comunità Italiana di Ubuntu! Questo che leggete è il numero 22 del 2011, riferito alla settimana che va da lunedì 30 maggio a domenica 5 giugno. Per qualsiasi commento, critica o lode contattaci attraverso la mailing list del gruppo promozione.

Notizie da Ubuntu

Rilasciata la Apha 1 di Oneric Ocelot!

Il nostro ocelotto onirico (Oneiric Ocelot, nome in codice per Ubuntu 11.10) stà iniziando a sporgere la giovane testa dalla tana! Infatti è stata da poco rilasciata la Alpha 1.

Ricordiamo però che in questa fase di sviluppo l'installazione è consigliata solo a utenti esperti e non è consigliata per i sistemi in produzione, perché si potrebbe incorrere in occasionali, o anche frequenti, problemi. Se poi foste interessati ad effettuare test su Oneiric per scoprirne in anteprima le nuove caratteristiche, il Gruppo Test è sempre alla ricerca di nuovi collaboratori!

La Alpha 1 è la prima di una serie di immagini CD che verranno rilasciate lungo il ciclo di sviluppo di Oneiric. Le immagini Alpha sono note per essere ragionevolmente prive di errori bloccanti o bug dell'installer, mentre rappresentano uno snapshot di Oneiric molto recente.

Puoi scaricarle da qui: http://cdimage.ubuntu.com/releases/oneiric/alpha-1/ per Desktop, Server e architetture ARM.

Inoltre sono disponibili le immagini di:

La Alpha 1 include numerosi aggiornamenti software pronti per essere ampiamente testati.

Per una descrizione dettagliata dei cambiamenti inclusi nella Alpha 1 e dei bug noti (che possono risparmiarvi lo sforzo di segnalare nuovamente un bug o aiutarvi a trovare soluzioni provate), potete fare riferimento a: http://www.ubuntu.com/testing/

Fonte

Nuovi Eee PC ASUS, ora disponibili con Ubuntu

Dopo 4 anni, ASUS decide di tornare a Linux. Il 2 Giugno, infatti, Canonical ha annunciato che Ubuntu è disponibile pre-caricato sui nuovi ASUS Eee PC, in particolare i modelli 1001PXD, 1011PX e 1015PX.

L'Eee Pc è sottile, leggero e compatto, con un design ricercato e una sorprendente qualità del suono. La batteria, con ubuntu, dura oltre nove ore, adatta per lavorare, studiare o giocare. Gli Eee PC ora forniti con Ubuntu risultano così i più user-friendly sul mercato.

L'Eee Pc con Ubuntu è ideale per privati e imprese, l'hardware è elegante, leggero e a basso consumo energetico. Ubuntu poi lo rende sicuro, intuitivo e stabile. L'eleganza e la sottigliezza dell'Eee PC, combinate alle grandi prestazioni di Ubuntu producono una vera rivoluzione sul mercato.

L'Eee Pc, oltre ad includere alcuni software ASUS, avrà preinstallato il supporto ai formati proprietari e ciò lo renderà completamente compatibile con gli altri sistemi operativi.

Stanley Chang, il Product Director di ASUS ha annunciato: "Fin dalla sua creazione, l'ASUS Eee PC ha fornito la migliore esperienza di cloud computer per gli utenti, mentre Ubuntu è un sistema operativo open source rinomato per la sua personalizzazione e stabilità. Per soddisfare le diverse esigenze, un'alleanza strategica con Ubuntu è assolutamente una mossa vincente!"

Fonte

Altre notizie

Dal mondo

The Document Foundation annuncia LibreOffice 3.4.0

La nuova release di LibreOffice, annunciata da pochissimo, offre diverse nuove funzionalità ma si concentra soprattutto sui contribuenti.

Internet, 3 giugno 2011 - The Document Foundation annuncia LibreOffice 3.4.0, una major release della suite per ufficio per la produttività personale libera sviluppata da una comunità di sviluppatori sponsorizzati e volontari supportati in tutto il mondo dalle comunità locali di volontari. LibreOffice 3.4.0 è la seconda release della suite dopo l'annuncio della The Document Foundation nel settembre 2010 e raccoglie i contributi di oltre 120 sviluppatori (sei volte di più della prima beta rilasciata il giorno dell'annuncio).

La maggioranza di questi contributor hanno cominciato a lavorare al codice di LibreOffice meno di otto mesi fa e questo è un risultato incredibile se si rammenta che il progetto OOo ha attirato un numero inferiore di partecipanti in dieci anni. "Noi ci teniamo agli sviluppatori, e i risultati si vedono", commenta Italo Vignoli, membro del Comitato direttivo e portavoce per TDF (The Document Foundation). "I nostri 'core developers' hanno inventato il meccanismo dell'"easy hacks", che rende semplice e divertente conoscere il codice LibreOffice per i collaboratori volontari, impegnando le loro capacità di sviluppo con compiti di base o elementari".

"Una volta che hanno completato i primi 'easy hack' i collaboratori sono pronti per la scalata verso missioni più difficili", dice Michael Meeks, uno sviluppatore senior che lavora per SUSE. "Abbiamo investito una percentuale importante del tempo nella formazione dei nuovi sviluppatori, per aumentare il numero delle persone in grado di lavorare alla soluzione dei bug, e allo sviluppo di patch e funzionalità. Questo viene progressivamente riflesso nella qualità del software e nel numero di nuove funzionalità delle prossime release".

LibreOffice 3.4.0 offre diverse nuove funzionalità per Calc, con prestazioni più veloci e una migliore compatibilità con i fogli elettronici di Excel, e Pivot Table - il nuovo nome di DataPilot - con il supporto per un numero illimitato di campi e i 'named range' come sorgente dati. L'interfaccia utente di Writer, Impress e Draw è stata migliorata con molte nuove caratteristiche e sono state applicate alla versione Linux diverse modifiche estetiche, con un migliore motore di rendering per il testo e una migliore integrazione del tema GTK +. Sotto il profilo del codice, diverse migliaia di righe di commento in tedesco sono state tradotte in inglese e oltre 5.000 linee di codice morto sono state rimosse da Writer, Calc e Impress.

La prima release della serie 3.4, LibreOffice 3.4.0, si rivolge ai membri della comunità e utenti "power-users" e non dovrebbe essere utilizzata in un ambiente aziendale. The Document Foundation ha precisato che, in base alla sua programmazione dei tempi di rilascio - la strategia migliore per un ambiente di sviluppo distribuito e collaborativo - le migliori uscite per un utilizzo aziendale iniziano da x.x.1. Per questo motivo LibreOffice 3.3.x verrà aggiornato per diversi mesi a venire fino alla fine dell'anno 2011, a vantaggio degli utenti più prudenti.

LibreOffice 3.4 può essere scaricato all'indirizzo http://www.libreoffice.org/download. Un elenco completo delle nuove funzionalità e correzioni è disponibile online al seguente indirizzo: https://www.libreoffice.org/download/3-4-new-features-and-fixes/ ove sono presenti anche gli screenshot relativi.

Fonte

The Document Foundation commenta l'annuncio da parte di Oracle Corporation riguardo la donazione degli asset di OpenOffice.org ad Apache Software Foundation

1 giugno 2011 - The Document Foundation rappresenta una comunità di centinaia di volontari e sviluppatori che collaborano all'evoluzione di LibreOffice a vantaggio di tutti gli utenti. TDF è governata da una comunità aperta, meritocratica e democratica, coordinata da uno Steering Committee ad interim, composto da volontari ed esponenti di aziende, mentre lo sviluppo è coordinato da un Engineering Steering Committee, composto anche in questo caso da volontari ed esponenti di aziende.

TDF esprime la propria soddisfazione per la donazione del codice di OpenOffice.org ad Apache Software Foundation, poiché questo consentirà di continuare a integrare tutte le funzionalità e le modifiche all'interno di LibreOffice. D'altra parte, The Document Foundation dichiara che avrebbe preferito assistere alla riunione dei progetti OOo e LibreOffice all'interno di un'unica comunità, a seguito della rinuncia da parte di Oracle. Quest'ultima ha sicuramente preso una decisione in buona fede, che però non va nella stessa direzione auspicata da The Document Foundation. La comunità Apache, nei confronti della quale TDF precisa di avere un profondo rispetto, ha regole e aspettative diverse - in relazione alla licenza e alla membership - rispetto ai due progetti OOo e LibreOffice.
"Secondo noi, è stata persa un'opportunità, ma confermiamo il nostro impegno a lavorare insieme a tutti i membri attivi della comunità per individuare il percorso di evoluzione migliore per LibreOffice e OOo", dichiara la fondazione.

Peraltro, esiste un lato positivo di questa novità: la compatibilità tra la Apache License e le licenze LGPLv3+ e MPL consentirà a TDF di far evolvere, in futuro, tutto il codice verso le nuove versioni delle due licenze. The Document Foundation ritiene che le licenze copy-left che consentono anche lo sfruttamento commerciale del codice rappresentino la soluzione migliore per allargare la partecipazione al progetto e favorirne la crescita.

La decisione di Oracle non ha un impatto diretto su The Document Foundation, che - come sempre - è aperta alla collaborazione con tutte le aziende, le fondazioni e i singoli individui che desiderano partecipare al progetto, e dichiara inoltre di ritenere che questo sia il momento migliore per partecipare all'evoluzione dello stato dell'arte delle suite di produttività per ufficio.

TDF è assolutamente aperta al colloquio con Apache Software Foundation, a seguito del messaggio di invito del President di ASF Jim Jagielski, che prevede un intenso scambio di contatti tra Apache Software Foundation e The Document Foundation nel corso dei prossimi mesi, in nome della condivisione di un obiettivo comune.

Per concludere, TDF rilascia LibreOffice 3.4.0 questa settimana, e ha già iniziato a lavorare sia alla prossima versione 3.4.1, prevista nel giro di un mese, sia alla prossima major release 3.5, che verrà rilasciata in autunno.

Fonte

EC: La Commissione Europea si impegna a promuovere l'interoperabilità

In risposta ad una interrogazione dei Verdi europei dichiara di essere pienamente impegnata nel garantire l'utilizzo degli standard IT e dell'interoperabilità sia per quanto riguarda i software open-source che i software proprietari. L'interrogazione era stata posta già in aprile in vista di un probabile nuovo appalto per il rinnovo delle licenze software di 55 istituzioni europee: anche se, in effetti, una parte delle istituzioni utilizzano dei prodotti proprietari, in particolare per il settore dell'automazione d'ufficio, si sottolinea come il costo di licenza per questi prodotti sia comunque molto ridotto se paragonato al costo totale di esercizio del settore. Sorprende inoltre la volontà di rispondere in questa sede anche a delle affermazioni del famoso quotidiano Statunitense New York Times che, in un articolo apparso il 19 aprile scorso, dava per scontato la propensione dei governi e delle imprese a preferire il software Microsoft per garantire la massima compatibilità dei propri sistemi visto che tale software detiene circa il 90% del mercato. La Commissione Europea al contrario puntualizza come la sua politica attuale e futura è perfettamente neutrale rispetto all'utilizzo di software e non richiede agli Stati Membri di preferire un software rispetto ad un altro.

Fonte

Svizzera: le scuole dovrebbero usare software open source per ispirare gli studenti

I prodotti digitali forniscono una base di conoscenza e il software open source può ispirare la curiosità e la creatività dei giovani. Questo in estrema sintesi, il pensiero di Kathy Riklin, uno dei membri del gruppo parlamentare svizzero che opera a sostegno della cosiddetta sostenibilità digitale.

RyKlin appartiene ad un gruppo che che ha da sempre mantenuto un approccio indipendente rispetto all'adozione e allo sviluppo delle tecnologie informatiche nel settore pubblico.

Diverse scuole svizzere stanno già girando sul software libero: quest'ultimo è stato distribuito agli studenti attraverso chiavette usb, ed è stato incluso nei curricula di tutte le scuole del cantone di Ginevra nel febbraio di quest'anno. Per non parlare del corso di formazione che è stato recentemente organizzato dalla Swiss Open Systems User Group, per docenti e responsabili di laboratorio.

Tutto ciò ha l'obiettivo finale di rendere gli studenti svizzeri maggiormente consapevoli e creativi, sia nell'uso quotidiano del software, sia nella ricerca, elaborazione e gerarchizzazione delle informazioni.

Fonte

ES: Software libero ampiamente utilizzato dal governo regionale di Extremadura

Sulla base di uno studio commissionato ad una società di consulenza locale spagnola e pubblicato a cura del governo della Regione autonoma di Estremadura, si evince che l'uso del software libero negli enti regionali è ormai diventata una pratica comune. Infatti attualmente quasi il 67% (per la precisione il 66,97%) di tutti i software in uso alla Pubblica Amministrazione Regionale, è sviluppato con codice libero.

Secondo il direttore generale del Dipartimento di Scienza e Tecnologia in Extremadura, Jesús Alonso, questa percentuale nasce dalla scommessa sulle tecnologie aperte, fatta dal governo autonomo di Extremadura alcuni anni fa.

Nel 2002, tutte le applicazioni erano state adottate a partire dal software proprietario ma..., quasi un decennio più tardi (incredibile ma vero), l'etichetta che attualmente domina la produzione di software è quella a codice aperto!.

Fonte

Rubriche settimanali

Have a BASH! ...With the BASH!

(divertirsi... con la shell di GNU/Linux)

In questo numero della newsletter inizia una nuova avventura!

Bash: letteralmente 'botta', 'colpo', 'urto'; ma non vogliamo parlare del significato intrinseco, piuttosto dell'importanza che riveste.

Bash è acronimo di Bourne Again Shell (dal nome dell'autore Stephen Bourne). La Bash è diventata uno standard 'de facto' dello scripting di shell su ogni variante di sistema UNIX, per questo motivo preferibile ad altre.
In linea di massima si tratta di un interprete di comandi che permette all'utente di comunicare col sistema operativo utilizzando una serie di funzioni predefinite. Questa rubrica si prefigge settimanalmente di affrontare i singoli comandi e le loro opzioni con lo scopo, si spera, di rinnovare e ravvivare la memoria a chi già da tempo ne fa largo uso e permettere alle persone che sono carenti di queste nozioni, l'uso dello scripting della shell.

Più avanti, dopo aver illustrato i comandi di base, si inizierà un vero e proprio cammino con degli esempi volti a far comprendere l'uso della riga di comando e degli script associati che permettono la velocizzazione e l'automazione di attività spesso reiterate e a volte stancanti.

Per concludere... qualsiasi commento, appunto o suggerimento è benvenuto scrivendo alla redazione della Newsletter!

E ora...

Buona BASH a tutti!

Aggiornamenti e statistiche

Aggiornamenti di sicurezza

Gli annunci di sicurezza si possono trovare anche nell'apposita sezione del forum: Bacheca degli annunci ufficiali di sicurezza

Bug riportati

  • Aperti: 89345, +12514 rispetto la scorsa settimana;

  • Critici: 137, +107 rispetto la scorsa settimana;

  • Nuovi: 49774, +13221 rispetto la scorsa settimana;

È possibile come sempre aiutare a migliore Ubuntu riportando problemi o malfunzionamenti. Se si desidera collaborare ulteriormente, la Bug Squad ha sempre bisogno di una mano.

Statistiche del gruppo sviluppo

Segue la lista dei pacchetti realizzati dalla comunità italiana nell'ultima settimana:

Alessio Treglia

Paolo Sammicheli

Se si vuole contribuire allo sviluppo di Ubuntu correggendo bug, aggiornando i pacchetti nei repository, ecc... il gruppo sviluppo è sempre alla ricerca di nuovi volontari.

Commenti e informazioni

La tua newsletter preferita è scritta con il duro lavoro degli eroici attivisti. Per metterti in contatto con loro e quindi con il «Sovrano Ordine dei Cronisti della Tavola Ovale» della newsletter italiana puoi scrivere alla mailing list del gruppo promozione.

In questo numero hanno partecipato alla redazione degli articoli:

Hanno inoltre collaborato all'edizione:

Licenza adottata

La newsletter italiana di Ubuntu è pubblicata sotto la licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0.

Uscite settimanali

Per ricevere la newsletter direttamente nella tua email, iscriviti qui.
Per tutti i numeri usciti della newsletter, consultare la nostra edicola.


CategoryComunitaNewsletter