Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments
  • Diff for "Hardware/Video/AggiornareDriverVideo"
Differences between revisions 1 and 2
Revision 1 as of 22/12/2010 21.04.01
Size: 9939
Comment:
Revision 2 as of 04/01/2011 12.24.49
Size: 10218
Comment: da terminare
Deletions are marked like this. Additions are marked like this.
Line 9: Line 9:
Questa pagina descrive come gestire i repository dal riga di comando tramite l'utilizzo di un qualsiasi [:Ufficio/EditorDiTesto:editor di testo] al posto delle '''GUI''' tipiche delle varianti di '''Ubuntu'''. È pertanto possibile seguire la guida su '''Ubuntu''', '''Kubuntu''', '''Xubuntu''' e '''Lubuntu'''. Se invece si desidera utilizzare gli strumenti a disposizione della propria distribuzione si consiglia di leggere le seguenti guie: Questa pagina descrive come gestire i repository da riga di comando tramite l'utilizzo di un qualsiasi [:Ufficio/EditorDiTesto:editor di testo], al posto dell' interfaccia grafica. Queste informazioni si rivelano utili dato che funzionano in tutte le versioni di '''Ubuntu'''.

Se invece si desidera utilizzare gli strumenti a disposizione della propria distribuzione si consiglia di leggere le seguenti guide:
Line 21: Line 24:
Anche se '''Ubuntu''' conserva di default una copia del file `sources.list` è buona norma creare una copia di backup del file prima di modificarlo, in modo tale da poterlo ripristinare in caso di insuccesso:{{{ Anche se '''Ubuntu''' conserva di default una copia del file `sources.list` è buona norma creare una copia di backup del file prima di modificarlo, in modo tale da poterlo ripristinare in caso di insuccesso.

Per creare una copia di backup del proprio file `sources.list` digitare il seguente comando in una finestra di terminale
:{{{
Line 86: Line 91:
Tutte le righe che iniziano con uno o due caratteri hash ('''#''') sono commenti e servono esclusivamente per fornire informazioni all'utente. Non influiscono in alcun modo sull'operato del proprio gestore di pacchetti. Tutte le righe che iniziano con uno o due caratteri hash «'''#'''» sono commenti e servono esclusivamente per fornire informazioni all'utente. Non influiscono in alcun modo sull'operato del proprio gestore di pacchetti.
Line 88: Line 93:
I repository vengono indicati con la seguente struttura: {{{ I repository invece vengono indicati con la seguente struttura: {{{
Line 92: Line 97:
Il «'''tipo'''» può essere:  * '''Tipo''', può essere:
Line 94: Line 99:
 * '''deb''': questi repository contengono pacchetti binari o precompilati. Sono quelli indicati per la maggior parte degli utenti.
 * '''deb-src''': questi repository contengono il codice sorgente dei pacchetti. Utili agli sviluppatori.
  * '''deb''': questi repository contengono pacchetti binari o precompilati. Sono quelli indicati per la maggior parte degli utenti.
  * '''deb-src''': questi repository contengono il codice sorgente dei pacchetti. Utili agli sviluppatori.
Line 97: Line 102:
La «'''posizione'''» è l'indirizzo a cui è reperibile il server o il supporto che ospita i pacchetti, ad esempio:  * '''Posizione''': è l'indirizzo a cui è reperibile il server o il supporto che ospita i pacchetti, ad esempio:
Line 99: Line 104:
'''http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/''': l''''URI''' (Uniform Resource Indentifier), in questo caso una posizione su internet.   '''http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/''': l' '''URI''' (Uniform Resource Indentifier), in questo caso una posizione su internet.
Line 101: Line 106:
I «'''componenti'''» possono essere diversi, e vanno separati l'uno dall'altro da uno spazio, ad esempio: {{{  * '''Componenti''': possono essere diversi, e vanno separati l'uno dall'altro da uno spazio, ad esempio: {{{
Line 105: Line 110:
Può inoltre essere presente l'identificativo del rilascio '''Ubuntu''' per cui i pacchetti sono preparati, come ad esempio nel file sopraccitato «'''maverick'''», ma questa indicazione può mancare in alcuni repository non ufficiali.  * Può inoltre essere presente l'identificativo del rilascio '''Ubuntu''' per cui i pacchetti sono preparati, come ad esempio nel file sopraccitato «maverick», ma questa indicazione può mancare in alcuni repository non ufficiali.
Line 109: Line 114:
Per abilitare un repository è sufficiente aprire con un [:Ufficio/EditorDiTesto:editor di testo] e con i [:AmministrazioneSistema/Sudo:privilegi di amministrazione] il file `/etc/apt/sources.list`e cancellare il simbolo hash «'''#'''» davanti alla riga di interesse. Salvare quindi la modifica ed aggiornare l'elenco pacchetti: {{{ Per abilitare un repository procedere come segue:

 * A
prire con un [:Ufficio/EditorDiTesto:editor di testo] e con i [:AmministrazioneSistema/Sudo:privilegi di amministrazione] il file `/etc/apt/sources.list`e cancellare il simbolo hash «'''#'''» davanti alla riga di interesse.

 *
Salvare quindi la modifica ed aggiornare l'elenco pacchetti digitando il seguente comando in una finestra di terminale: {{{
Line 112: Line 121:
Se non si ricevono errori l'operazione è andata a buon fine, in alternativa è possibile ripristinare il vecchio file copiando il backup precedentemente creato: {{{  se non si ricevono errori l'operazione è andata a buon fine, in alternativa è possibile ripristinare il vecchio file copiando il backup precedentemente creato digitando il seguente comando: {{{
Line 124: Line 133:
Per aggiungere un repository aprire con un [:Ufficio/EditorDiTesto:editor di testo] e con i [:AmministrazioneSistema/Sudo:privilegi di amministrazione] il file `/etc/apt/sources.list`, inserire a fondo pagina il repository desiderato, salvare e aggiornare la lista: {{{ Per aggiungere un repository aprire con un [:Ufficio/EditorDiTesto:editor di testo] e con i [:AmministrazioneSistema/Sudo:privilegi di amministrazione] il file `/etc/apt/sources.list`, inserire a fondo pagina il repository desiderato, salvare il file appena modificato e aggiornare la lista digitando il seguente comando: {{{
Line 130: Line 139:
Se il repository si trova su [https://launchpad.net/ launchpad] è possibile aggiungerlo automaticamente: {{{ Se il repository si trova su [https://launchpad.net/ launchpad] è possibile aggiungerlo automaticamente con il seguente comando: {{{
Line 133: Line 142:
Inserendo il nome del profilo launchpad del manutentore del repository al posto di «'''utente'''» e il nome del repository al posto di «'''nome-ppa'''» inserendo il nome del profilo launchpad del manutentore del repository al posto di «utente» e il nome del repository al posto di «nome-ppa».

BR Indice() Informazioni(forum="http://forum.ubuntu-it.org/index.php/topic,431132.0.html"; rilasci="10.10 10.04 9.10 8.04")

Introduzione

Questa pagina descrive come gestire i repository da riga di comando tramite l'utilizzo di un qualsiasi [:Ufficio/EditorDiTesto:editor di testo], al posto dell' interfaccia grafica. Queste informazioni si rivelano utili dato che funzionano in tutte le versioni di Ubuntu.

Se invece si desidera utilizzare gli strumenti a disposizione della propria distribuzione si consiglia di leggere le seguenti guide:

  • [:Repository/Gestire i repository con Ubuntu]

  • [:Repository/Kubuntu:Gestire i repository con Kubuntu].

Informazioni preliminari

[:AmministrazioneSistema/Apt:Apt] è il programma che gestisce l'installazione dei pacchetti e la lista dei repository. Il file che contiene tale elenco è:

/etc/apt/sources.list

e tramite la modifica di suddetto file è possibile aggiungere, rimuovere o disabilitare i repository.

Anche se Ubuntu conserva di default una copia del file sources.list è buona norma creare una copia di backup del file prima di modificarlo, in modo tale da poterlo ripristinare in caso di insuccesso.

Per creare una copia di backup del proprio file sources.list digitare il seguente comando in una finestra di terminale:

sudo cp /etc/apt/sources.list /etc/apt/sources.list.backup

Descrizione del file sources.list

Per controllare la validità del proprio file sources.list è possibile prenderne visione col seguente comando, senza modificare nulla:

cat /etc/apt/sources.list 

il contenuto dovrebbe essere simile a questo:

deb http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ maverick main restricted
deb-src http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ maverick restricted main multiverse universe #Added by software-properties


## Major bug fix updates produced after the final release of the
## distribution.
deb http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ maverick-updates main restricted
deb-src http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ maverick-updates restricted main multiverse universe #Added by software-properties

## N.B. software from this repository is ENTIRELY UNSUPPORTED by the Ubuntu
## team. Also, please note that software in universe WILL NOT receive any
## review or updates from the Ubuntu security team.
deb http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ maverick universe
deb http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ maverick-updates universe

## N.B. software from this repository is ENTIRELY UNSUPPORTED by the Ubuntu 
## team, and may not be under a free licence. Please satisfy yourself as to 
## your rights to use the software. Also, please note that software in 
## multiverse WILL NOT receive any review or updates from the Ubuntu
## security team.
deb http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ maverick multiverse
deb http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ maverick-updates multiverse

## Uncomment the following two lines to add software from the 'backports'
## repository.
## N.B. software from this repository may not have been tested as
## extensively as that contained in the main release, although it includes
## newer versions of some applications which may provide useful features.
## Also, please note that software in backports WILL NOT receive any review
## or updates from the Ubuntu security team.
deb http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ maverick-backports main restricted universe multiverse
deb-src http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ maverick-backports main restricted universe multiverse #Added by software-properties

## Uncomment the following two lines to add software from Canonical's
## 'partner' repository.
## This software is not part of Ubuntu, but is offered by Canonical and the
## respective vendors as a service to Ubuntu users.
deb http://archive.canonical.com/ubuntu maverick partner
deb-src http://archive.canonical.com/ubuntu maverick partner

## Uncomment the following two lines to add software from Ubuntu's
## 'extras' repository.
## This software is not part of Ubuntu, but is offered by third-party
## developers who want to ship their latest software.
deb http://extras.ubuntu.com/ubuntu maverick main
deb-src http://extras.ubuntu.com/ubuntu maverick main

deb http://security.ubuntu.com/ubuntu maverick-security main restricted
deb-src http://security.ubuntu.com/ubuntu maverick-security restricted main multiverse universe #Added by software-properties
deb http://security.ubuntu.com/ubuntu maverick-security universe
deb http://security.ubuntu.com/ubuntu maverick-security multiverse
deb http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ maverick-proposed restricted main multiverse universe
deb-src http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ maverick-proposed restricted main multiverse universe

Tutte le righe che iniziano con uno o due caratteri hash «#» sono commenti e servono esclusivamente per fornire informazioni all'utente. Non influiscono in alcun modo sull'operato del proprio gestore di pacchetti.

I repository invece vengono indicati con la seguente struttura:

tipo posizione componenti
  • Tipo, può essere:

    • deb: questi repository contengono pacchetti binari o precompilati. Sono quelli indicati per la maggior parte degli utenti.

    • deb-src: questi repository contengono il codice sorgente dei pacchetti. Utili agli sviluppatori.

  • Posizione: è l'indirizzo a cui è reperibile il server o il supporto che ospita i pacchetti, ad esempio:

  • Componenti: possono essere diversi, e vanno separati l'uno dall'altro da uno spazio, ad esempio:

    main universe multiverse
  • Può inoltre essere presente l'identificativo del rilascio Ubuntu per cui i pacchetti sono preparati, come ad esempio nel file sopraccitato «maverick», ma questa indicazione può mancare in alcuni repository non ufficiali.

Abilitare i repository

Per abilitare un repository procedere come segue:

  • Aprire con un [:Ufficio/EditorDiTesto:editor di testo] e con i [:AmministrazioneSistema/Sudo:privilegi di amministrazione] il file /etc/apt/sources.liste cancellare il simbolo hash «#» davanti alla riga di interesse.

  • Salvare quindi la modifica ed aggiornare l'elenco pacchetti digitando il seguente comando in una finestra di terminale:

    sudo apt-get update

    se non si ricevono errori l'operazione è andata a buon fine, in alternativa è possibile ripristinare il vecchio file copiando il backup precedentemente creato digitando il seguente comando:

    sudo cp /etc/apt/sources.list.backup /etc/apt/sources.list
    sudo apt-get update

Immagine(Icone/Grandi/info.png,,center)

Se si desidera abilitare solo un componente di quelli presenti nella riga interessata è possibile farlo copiando la riga omettendo il componente indesiderato.

Aggiungere altri repository

Immagine(Icone/Piccole/note.png,,center)

Possono esserci diverse ragioni per aggiungere dei repository non ufficiali alla propria lista, come ad esempio, la necessità di software aggiornato o vincolato da licenze o brevetti ([:Multimedia/FormatiProprietari:FormatiProprietari]), tuttavia si consiglia di prestare la massima attenzione nella scelta di repository affidabili e compatibili pena il rischio di compromettere il proprio sistema operativo.

Per aggiungere un repository aprire con un [:Ufficio/EditorDiTesto:editor di testo] e con i [:AmministrazioneSistema/Sudo:privilegi di amministrazione] il file /etc/apt/sources.list, inserire a fondo pagina il repository desiderato, salvare il file appena modificato e aggiornare la lista digitando il seguente comando:

sudo apt-get update

Aggiungere repository launchpad

Se il repository si trova su [https://launchpad.net/ launchpad] è possibile aggiungerlo automaticamente con il seguente comando:

sudo add-apt-repository ppa:utente/nome-ppa

inserendo il nome del profilo launchpad del manutentore del repository al posto di «utente» e il nome del repository al posto di «nome-ppa».

Abilitare automaticamente tutti i repositori

Immagine(Icone/Piccole/note.png,,center)

Questo comando è destinato all'utilizzo di utenti esperti in quanto potrebbe rendere inutilizzabile il proprio file sources.list in caso di repository doppi.

È possibile abilitare automaticamente tutti i repository presenti nel sources.list togliendo tutti i caratteri hash «#» seguiti dal termine «deb»:

sudo sed -i -e "s/# deb/deb/g" /etc/apt/sources.list

e aggiornare quindi la lista dei pacchetti:

sudo apt-get update

Errori con le chiavi GPG

Nel caso l'azione di aggiornamento della lista pacchetti

sudo apt-get update

restituisca un errore simile a questo:

W: Errore GPG: http://xxxxxx.xxxxxx.xx xxxx Release: Le seguenti firme non sono state verificate perché la chiave pubblica non è disponibile: NO_PUBKEY XYXYXYXYXYXYXY
W: È consigliabile eseguire apt-get update per correggere questi problemi

è necessario aggiungere delle chiavi di sicurezza del repository indicato dall'errore. Per tale operazione si consiglia la relativa [:Repository/Ubuntu#chiavisicurezza:guida].

Ulteriori risorse


CategoryAmministrazione