Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments

Inserisci una descrizione per Cristian Sartori/prova

AVVERTENZA-- LA SEGUENTE GUIDA E' PROVVISORIA IN VIA DI AGGIORNAMENTO

Guida avanzata uso hdparm rivolta a lettori ottici quali masterizzatori cd e dvd


Premessa:

Con questa guida si vuole spiegare in poche righe il funzionamento delle memorie di massa , soprattutto quelle di nuove generazioni, le quali richiedono l' attivazione del canale ata-ide in modalita' udma. Spesso i nuovi masterizzatori dvd ad alta velocita' richiedono oltre che al dma ( hdparm -d1 /dev/hxx ) anche l' ultradma, un escamotage richiesto per aumentare la velocita' sia' in lettura che scrittura. Inanzitutto occorre conoscere se il nostro dvd richiede tale modalita' e per scoprirlo occorre leggere il manuale, oppure sul sito del produttore cercarne le caratteristiche.

Sotto si riporta un esempio di un masterizzatore dvd e un masterizzatore cd

Pioneer DVD110D: IDE Data Transfer Mode PIO Mode 4, Multi Word DMA Mode 2, Ultra DMA Mode 2, Ultra DMA Mode 4

L&G GCE-8526B : DATA TRANSFER RATE (BURST) 16.67MB/sec (PIO Mode 4 or Multi-DMA Mode 2) 33.34MB/sec (UDMA Mode 2)

Per capire se si possono attivare le modalita' ultradma ( in questo caso 2 e 4 ) occorre sapere se la scheda madre le supporta e anche in questo caso leggere il manuale della scheda.

E' fondamentale tutto questo perche' con il comando Hdparm andiamo a forzare parametri molto delicati.

E' utile sapere che se una porta ide della scheda supporta ultradma 33-66-100-133 l'ultima e' retrocompatibile e cioe' se si connette un disco o lettore con modalita' 33 la velocita' della porta si adatta al componente connesso.

Oltre a questo bisogna ricordare che il cavo ide e' fondamentale, se si connette un disco ata133 con un cavo ide 40 poli normale si possono generare errori di CRC perche' tale cavo non e' schermato, mentre con quello 80 poli, che in sostanza e' identico, differisce dalla schermatura di altri 40 cavi. Percio' oltre allo stardard ata33 ( udma 2 ) viene richiesto il cavo 80 poli schermato.


COMANDI

Ora entra in gioco hdparm tool che permette il settaggio delle modalita dma e udma ed forzarle se serve.

Controlliamo ora la corretta connessione dei drive cd e dvd: comando sempre da root :  sudo -s invio e poi la password
dovremmo avere ora il # (cancelletto) es:root@ilmiopc:/#

dmesg|grep CD  ( dmesg (pipe e' la barretta verticale sopra al tasto tab= shift backslash )
  • l' output dovrebbe essere circa cosi':

 . [   22.789294] hdc: HL-DT-ST GCE-8526B, ATAPI CD/DVD-ROM drive

 . [   23.576320] hdd: PIONEER DVD-RW DVR-110D, ATAPI CD/DVD-ROM drive

 . [   23.853702] hdc: ATAPI 52X CD-ROM CD-R/RW drive, 2048kB Cache, UDMA(33)

 . [   23.853709] Uniform CD-ROM driver Revision: 3.20

 . [   23.855168] hdd: ATAPI 40X DVD-ROM DVD-R CD-R/RW drive, 2000kB Cache, UDMA(66)

Il kernel informa che le modalita' del CD potranno funzionare in Udma 33mentre del DVD in UDMA66.

Attenzione :

Il kernel rende noto che i lettori possono funzionare in ata 33 e 66 ma la modalita' stessa potrebbe NON essere attivata.

Altro sistema piu' preciso e' usare:

hdparm -i /dev/hdc : 

/dev/hdc:

 . Model=HL-DT-ST GCE-8526B, FwRev=1.00, SerialNo= Config={ Fixed Removeable DTR<=5Mbs DTR>10Mbs nonMagnetic } RawCHS=0/0/0, TrkSize=0, SectSize=0, ECCbytes=0 BuffType=unknown, BuffSize=0kB, MaxMultSect=0 (maybe): CurCHS=0/0/0, CurSects=0, LBA=yes, LBAsects=0 IORDY=yes, tPIO={min:227,w/IORDY:120}, tDMA={min:120,rec:120}
 . PIO modes:  pio0 pio1 pio2 pio3 pio4 DMA modes:  mdma0 mdma1 mdma2 UDMA modes: udma0 udma1 *udma2    *** si notano le modalita' previste del dma *** AdvancedPM=no Drive conforms to: ATA/ATAPI-6 T13 1410D revision 3a:  ATA/ATAPI-3 ATA/ATAPI-4 ATA/ATAPI-5 ATA/ATAPI-6

 * signifies the current active mode

mentre per il dvd :

hdparm -i /dev/hdd 

/dev/hdd:

 . Model=PIONEER DVD-RW DVR-110D, FwRev=1.41, SerialNo= Config={ Fixed Removeable DTR<=5Mbs DTR>10Mbs nonMagnetic } RawCHS=0/0/0, TrkSize=0, SectSize=0, ECCbytes=0 BuffType=13395, BuffSize=64kB, MaxMultSect=0 (maybe): CurCHS=0/0/0, CurSects=0, LBA=yes, LBAsects=0 IORDY=on/off, tPIO={min:240,w/IORDY:120}, tDMA={min:120,rec:120}
 . PIO modes:  pio0 pio1 pio2 pio3 pio4 DMA modes:  mdma0 mdma1 mdma2 UDMA modes: udma0 udma1 *udma2 udma3 udma4 udma3 udma4 AdvancedPM=no Drive conforms to: Unspecified:  ATA/ATAPI-2 ATA/ATAPI-3 ATA/ATAPI-4 ATA/ATAPI-5

 * signifies the current active mode

Notare che in questo caso entrambi i lettori sono abilitati in udma2

  • Se si collegasse un cavo ad 80 poli si potrebbe abilitare il lettore DVD con Udma4 e lasciare in CD in udma2

Per forzare il lettore dvd a funzionare il modalita' udma4 il comando da digitare e' il seguente:

hdparm -d1 /dev/hdd hdparm -X udma4 /dev/hdd oppure: 

hdparm -d1 /dev/hdd hdparm -X66 /dev/hdd 

L' output dovrebbe restituire :

/dev/hdd: 
  • setting xfermode to 66 (UltraDMA mode2) 

Anche un bios avanzato segnala in setup-mode la modalita' con cui abilitare l'udma , ma e' comunque il kernel che lo gestisce automaticamente, pero' in questi casi bisogna forzare udma mode.

Ora se il lettore masterizza correttamente alla massima velocita' e non da' errori si puo' passare ad automatizzare tutto in fase di boot tramite script in /etc/hdparm.conf In fondo al file ci saranno delle righe tipo:

#/dev/discs/disc0/disc { #       mult_sect_io = 16 #       write_cache = off #       spindown_time = 240 #}

#/dev/discs/disc1/disc { #       mult_sect_io = 32 #       spindown_time = 36 #       write_cache = off #}

#/dev/cdroms/cdrom0 { #       dma = on #       interrupt_unmask = on #       io32_support = 0 #}

#/dev/hda { #       mult_sect_io = 16 #       write_cache = off #       dma = on #}

command_line { 
  • hdparm -X udma2 -d1 /dev/hdd      ( questa e' la riga da aggiungere )

} 

oppure :

command_line { 
  • hdparm -X 66 -d1 /dev/hdd      ( questa e' la riga da aggiungere )

} 

Si nota che le prime righe sono tutte commentate da cancelletto e significa che non avranno alcun effetto,

  • mentre quello che dovremmo aggiungere sara' l' ultima :

Notare che in tutti i casi " /dev/hdd " fa' riferimento al drive connesso alla seconda porta ide come slave, percio' le modifiche andranno fatte solo sul drive che sara' connesso sulla porta ide interessata.Anche i jumper andranno settati su master e slave e non su "cable select" con il quale il sistema determina come sono connessi i relativi drive.

Una guida molto piu' esautiva si puo' trovare presso "appunti linux di Daniele Giacomini" l' indirizzo: http://a2.pluto.it/a2104.htm#almltitle551

Troverete una mole di informazione dettagliata. Ringrazio lo stesso Giacomini che senza il suo apporto questa mini guida non poteva essere redatta.