Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments

STOP! Perché questa guida si trova sotto la pagina Cestino?. Una guida può essere cestinata dal Gruppo Documentazione se contiene istruzioni compatibili solo con rilasci non più supportati di Ubuntu oppure perché non si ha certezza che lo siano per i rilasci attualmente supportati. Queste pagine richiedono un aggiornamento e una verifica delle istruzioni contenute. Se vuoi riesumare una di queste guide contatta il Gruppo Documentazione nella board sul forum.


Introduzione

Il desktop manager KDE dispone di uno strumento di configurazione chiamato Service Menu. Il Service Menu è uno script che estende le funzionalità di Konqueror, aggiungendo al menu con il tasto destro del mouse nuove voci per l'esecuzione di operazioni prescelte dall'utente.

La forza dei Service Menu risiede nel fatto che sono di facile creazione e gestione, in quanto il codice è contenuto in un semplice file di testo con estensione .desktop, un file che può essere creato e modificato con qualunque editor di testo. Tutti i file Service Menu si trovano in una sotto-directory della cartella in cui è installato KDE, solitamente una cartella di sistema nascosta, come /home/nomeutente/.kde/share/apps/konqueror/servicemenus.

In Konqueror per visualizzare le cartelle ed i file nascosti è necessario selezionare l'apposita opzione in Visualizza -> Mostra File nascosti.

Tuttavia, è sempre meglio accertarsi di quale cartella di sistema KDE usa. È sufficiente digitare da terminale

kde-config --localprefix

per ottenere un output del tipo

/home/nomeutente/.kde/

quindi la cartella dei Service Menu sarà /home/nomeutente/.kde/share/apps/konqueror/servicemenus.

Funzionamento dei Service Menu

Ogni file con estensione .desktop che viene inserito nella cartella /home/nomeutente/.kde/share/apps/konqueror/servicemenus aggiunge una voce contestuale al tasto destro del mouse. Questo è un esempio del contenuto di un service menu:

[Desktop Entry]
Encoding=UTF-8
ServiceTypes=application/x-gzip,application/x-lha,application/x-tar,application/x-tgz,application/ \
x-tbz,application/x-zip,application/x-bzip,application/x-tzo,application/x-lzop,application/x-rar,application/ \
x-zoo,application/x-tarz,application/x-archive,application/x-bzip2,application/x-jar,application/x-deb 

Actions=ExtractHere;ExtractTo

[Desktop Action ExtractHere]
Name=Extract Here
Name[it]=Estrai qui
Exec=ark --extract %U

[Desktop Action ExtractTo]
Name=Extract To...
Name[it]=Estrai in...
Exec=ark --extract-to %d %u

Nel codice precedente il simbolo "\" rappresenta una riga continua. Il testo è stato mandato a capo per esigenze stilistiche.

  • Il primo blocco che inizia con [Desktop Entry] definisce le caratteristiche generali del servizio: ci informa che è "encodato" in caratteri UTF-8, che si riferisce solo ad alcuni tipi di file (in questo caso a file compressi con diversi algoritmi) e che deve proporre due differenti azioni: ExtractHere e ExtractTo. I due blocchi che seguono definiscono le due azioni.

  • La riga [Desktop Action !ExtractHere]' dice che stiamo agendo sulla prima delle due azioni definite (che abbiamo chiamato Extract`Here).

  • La seconda riga Name=Extract Here è semplicemente l'etichetta generica che il servizio mostra premendo il tasto destro su un file compresso (di quelli definiti nel blocchetto precedente).

  • La terza riga Name[it]=Estrai qui... è l'etichetta in italiano: se la lingua di default della tua installazione è l'italiano, il menu contestuale ti mostrerà questa scritta e non quella generica in inglese. Puoi aggiungere il supporto per ulteriori lingue semplicemente aggiungendo ulteriori righe del tipo Name['es'] (per la label in spagnolo), ecc.

  • L'ultima riga Exec=ark --extract %U è quella che effettivamente fa il lavoro: in questo caso avvia l'applicazione Ark (che serve a comprimere e a decomprimere i file) con i parametri che servono. Il parametro --extract indica ad Ark l'azione da compiere (estrarre dall'archivio compresso), la stringa %U passa il nome del file selezionato. Se il file si chiama test.zip, avviando questa voce del service menu sarebbe come aver scritto in una console

{{{ark --extract test.zip }}} Il risultato complessivo è che il file selezionato viene decompresso nel folder in cui si trova.

  • Il terzo blocchetto, definito come ExtractTo, fa lo stesso lavoro, ma in una cartella appositamente creata: se il file che abbiamo selezionato si chiama test.zip, verrà creata una cartella di nome test, al cui interno verranno scompattati i file contenuti in test.zip.

Rendere funzionante il Service Menu

Salvare questo file nella cartella che contiene i service menu (rinominandolo, per esempio, extract.desktop), poi aprire Konqueror, selezionare un qualsiasi file compresso (.zip, tar.gz, .tar, ecc) e premere il tasto destro del mouse: comparirà il menù contestuale che è stato appena creato e, facendo clic su di esso, file verrà decompresso.

Conclusioni

Il service menu, quindi, non esegue direttamente alcuna operazione, ma semplicemente rende accessibile dal menu del clic destro del mouse qualsiasi applicazione/configurazione. È comunque evidente che le relative applicazioni devono essere installate sul sistema.

Ulteriori risorse


CategoryDaCancellare