Wiki Ubuntu-it

Indice
Partecipa
FAQ
Wiki Blog
------------------
Ubuntu-it.org
Forum
Chiedi
Chat
Cerca
Planet
  • Immutable Page
  • Info
  • Attachments

Revision 13 as of 19/10/2009 09.40.56

Clear message

BR WikiBanner(ArticoloInTraduzione) BR Indice()

Introduzione

Grub 2(GRand Unified Bootloader, versione 2) è la seconda versione di GNU Grub. È l'applicazione responsabile del caricamento e del trasferimento del controllo al kernel del sistema operativo durante la fase iniziale di boot.

Grub 2 è una completa riscrittura dell'interfaccia di Grub. Basato sul progetto di ricerca PUPA, Grub 2 è più modulare e portabile del suo predecessore. Alcuni miglioramenti includono:

  • un'interfaccia grafica, con predisposizione all'utilizzo di temi;
  • caricamento modulare;
  • compatibilità multi-piattaforma;
  • supporto all'utilizzo di script;
  • revisione dei nomi delle partizioni.

Anchor(installazione)

Installazione e aggiornamento

Anchor(installazione_9.10)

Ubuntu 9.10 «Karmic Koala»

Grub 2 è installato di predefinito su Ubuntu 9.10. Se si ha aggiornato il proprio sistema dalla versione Ubuntu 9.04 è necessario seguire le istruzioni del [#installazione_9.04 capitolo successivo].

Anchor(installazione_9.04)

Ubuntu 9.04 «Jaunty Jackalope»

  1. [:AmministrazioneSistema/InstallareProgrammi:Installare] il pacchetto [apt://grub2 grub2].

  2. Selezionare Ok nel menu di configurazione di grub-pc.

  3. Alla domanda «Effettuare il caricamento in cascata da menu.lst?» rispondere .

  4. A «Riga di comando Linux» premere Invio.

  5. Per rendere le modifiche permanenti, da riga di comando digitare:
    sudo upgrade-from-grub-legacy

  • Nel caso in cui sia stato visualizzato un dispositivo di memoria di massa diverso dal proprio, qui ad esempio:
    (hd0)   /dev/sda

    è necessario modificare con un [:Ufficio/EditorDiTesto:editor di testo] e con i [:AmministrazioneSistema/Sudo:privilegi di amministrazione] il file /boot/grub/device.map.BR Successivamente digitare da riga di comando:

    sudo grub-install

BRBR Grub 2 è ora installato. BR Il suo predecessore (Grub legacy) è stato rimosso e fatto un backup dei suoi file di configurazione nella cartella /boot/grub con il nome di menu.lst*.

È possibile verificare la versione di Grub attualmente installata sul sistema digitato da riga di comando:

grub-install -v

File e cartelle

I file di bootloader di Grub continuano a risiedere nella cartella /boot/grub, ma non c'è più menu.lst. Il principale file di istruzioni di Grub 2 è ora grub.cfg. Questo file è prodotto da diversi script eseguiti quando i comandi update-grub o update-grub2 sono lanciati. I file responsabili del contenuto di grub.cfg sono /etc/default/grub e gli script individuali situati nella cartella /etc/grub.d/.

Molti dei file in /boot/grub non sono familiari agli utenti di Grub Legacy, in particolar modo i file *.mod. BR Grub 2 è modulare e i file con estensione mod sono necessari al caricamento di grub stesso. Nonostante l'aggiunta di questi file, la grandezza totale del contenuto di /boot/grub è abbastanza vicina a quella di Grub Legacy e non dovrebbe richiedere di una partizione /boot più grande.

grub.cfg (/boot/grub/grub.cfg)

Questo è il file principale di Grub 2 che sostituisce menu.lst del Grub Legacy.

Immagine(Icone/Piccole/warning.png,,center)

Non modificare questo file. Al contrario di menu.lst, grub.cfg non va modificato.

Il file grub.cfg è generato e aggiornato automaticamente dall'esecuzione dei comandi update-grub o update-grub2. I comandi necessitano dei [:AmministrazioneSistema/Sudo:privilegi di amministrazione] per essere eseguiti correttamente.

Gli script usati per generare grub.cfg includono i file contenuti in /etc/grub.d e le informazioni contenute in /etc/default/grub.

Il file è diviso in diverse sezioni, ognuna delineata dalla riga di intestazione:

### BEGIN

questa riga indica il file della cartella /etc/grub.d da cui derivano le impostazioni successivamente riportate.

Di predefinito, e ogni volta che il comando update-grub2 viene eseguito, questo file è in sola lettura. Questo è in linea con l'intento che il file non deve essere modificato manualmente. Se è necessario modificare questo file, le istruzioni sono fornite in seguito su questa pagina.

Segue un semplice esempio di grub.cfg che include due kernel di Ubuntu, memtest86+, Windows e una voce personalizzata («41_srcd») importata da uno script in /etc/grub.d:

#
# DO NOT EDIT THIS FILE
#
# It is automatically generated by /usr/sbin/update-grub using templates
# from /etc/grub.d and settings from /etc/default/grub
#

### BEGIN /etc/grub.d/00_header ###
set default=0
set timeout=5
set root=(hd0,5)
search --fs-uuid --set b02e1934-12dd-418a
if font /usr/share/grub/ascii.pff ; then
  set gfxmode=640x480
  insmod gfxterm
  insmod vbe
  terminal gfxterm
fi
### END /etc/grub.d/00_header ###

### BEGIN /etc/grub.d/05_debian_theme ###
set menu_color_normal=cyan/blue
set menu_color_highlight=white/blue
### END /etc/grub.d/05_debian_theme ###

### BEGIN /etc/grub.d/10_hurd ###
### END /etc/grub.d/10_hurd ###

### BEGIN /etc/grub.d/10_linux ###
set root=(hd0,5)
search --fs-uuid --set b02e1934-12dd-418a-be3a-9ff7d3e7e7ea
menuentry "Ubuntu, linux 2.6.28-13-generic" {
        linux   /boot/vmlinuz-2.6.28-13-generic root=UUID=b02e1934-12dd-418a ro  quiet splash vga800
        initrd  /boot/initrd.img-2.6.28-13-generic
}
menuentry "Ubuntu, linux 2.6.28-13-generic (single-user mode)" {
        linux   /boot/vmlinuz-2.6.28-13-generic root=UUID=b02e1934-12dd-418a ro single 
        initrd  /boot/initrd.img-2.6.28-13-generic
}
menuentry "Ubuntu, linux 2.6.28-11-generic" {
        linux   /boot/vmlinuz-2.6.28-11-generic root=UUID=b02e1934-12dd-418a ro  quiet splash vga800
        initrd  /boot/initrd.img-2.6.28-11-generic
}
menuentry "Ubuntu, linux 2.6.28-11-generic (single-user mode)" {
        linux   /boot/vmlinuz-2.6.28-11-generic root=UUID=b02e1934-12dd-418a ro single 
        initrd  /boot/initrd.img-2.6.28-11-generic
}
### END /etc/grub.d/10_linux ###

### BEGIN /etc/grub.d/20_memtest86+ ###
menuentry "Memory test (memtest86+)" {
        linux   /boot/memtest86+.bin
}
menuentry "Memory test (memtest86+, serial console 115200)" {
        linux   /boot/memtest86+.bin console=ttyS0,115200n8
}
### END /etc/grub.d/20_memtest86+ ###

### BEGIN /etc/grub.d/30_os-prober ###
menuentry "Microsoft Windows XP Home Edition (on /dev/sda1)" {
        set root=(hd0,1)
        chainloader +1
}
### END /etc/grub.d/30_os-prober ###

### BEGIN /etc/grub.d/40_custom ###
# This file is an example on how to add custom entries

### END /etc/grub.d/40_custom ###

### BEGIN /etc/grub.d/41_srcd ###
menuentry "SystemRescue CD on hard drive" {
        set root=(hd0,10)
        linux   /sysrcd/rescuecd subdir=sysrcd setkmap=us
        initrd  /sysrcd/initram.igz
} 
### END /etc/grub.d/41_srcd ###

grub (/etc/default/grub)

Questo file contiene informazioni simili a quelle che si trovavano nella sezione più alta del vecchio file menu.lst. Contene impostazioni che incidono sull'aspetto del menu di Grub.

Questo file può essere modificato con i [:AmministrazioneSistema/Sudo:privilegi di amministrazione] per modificare le impostazioni; i cambiamenti verranno importati in grub.cfg quando verrà lanciato il comando update-grub2.

# If you change this file, run 'update-grub' afterwards to update
# /boot/grub/grub.cfg.

GRUB_DEFAULT=0
GRUB_HIDDEN_TIMEOUT=3
GRUB_HIDDEN_TIMEOUT_QUIET=true
GRUB_TIMEOUT=10
GRUB_DISTRIBUTOR=`lsb_release -i -s 2> /dev/null || echo Debian`
GRUB_CMDLINE_LINUX_DEFAULT="quiet splash"
GRUB_CMDLINE_LINUX=""

# Uncomment to disable graphical terminal (grub-pc only)
#GRUB_TERMINAL=console

# The resolution used on graphical terminal
# note that you can use only modes which your graphic card supports via VBE
# you can see them in real GRUB with the command `vbeinfo'
#GRUB_GFXMODE=640x480

# Uncomment if you don't want GRUB to pass "root=UUID=xxx" parameter to Linux
#GRUB_DISABLE_LINUX_UUID=true

# Uncomment to disable generation of recovery mode menu entrys
#GRUB_DISABLE_LINUX_RECOVERY="true"



This file contains information formerly contained in the upper section of Grub Legacy's ''menu.lst'' and items contained on the end of the kernel line. The items in this file can be edited by a user with administrator (root) privileges. Grub developers have have placed explanatory comments within the file itself.

Segue una tabella esplicativa delle principali opzioni del file.

Impostazione

Significato

GRUB_DEFAULT=0

Imposta la voce del menu seleziona di predefinito. L'assegnamento è numerico in base alla posizione della voce nel menu stesso. Si ricorda che la prima voce nel Grub ha sempre numero uguale a 0, la seconda ha numero 1, e così via.BRBRÈ anche possibile utilizzare l'opzione in questo modo: BRGRUB_DEFAULT=savedBRIn questo caso l'ultimo sistema avviato sarà quello selezionato all'avvio di Grub.

GRUB_TIMEOUT=10

Imposta il numero di secondi del conto alla rovescia di Grub dopo il quale sarà caricata la voce del menu predefinita.BRImpostando il valore a «-1» verrà disabilitato il conto alla rovescia e il menu di Grub sarà visualizzato finché l'utente non effettuerà una scelta manualmente.

GRUB_HIDDEN_TIMEOUT=3

Se commentata (presenza del simbolo «#» all'inizio riga), sarà mostrato il menu di Grub. Se invece attiva (non commentata) il menu di Grub sarà nascosto e sarà lanciata la voce predefinita di Grub allo scadere dei secondi impostati (in questo esempio 3).BRSe viene impostato un numero di secondi pari a «0», l'utente potrà forzare la visualizzazione del menu come si avvia il computer tenendo premuto il tasto SHIFT. Durante l'avvio, il sistema controllerà lo stato del tasto SHIFT . Se non è possibile determinarne lo stato, un breve lasso di tempo permetterà all'utente di visualizzare il menu premendo il tasto ESC.BRSe abilitata, la schermata iniziale 05_debian_theme verrà visualizzata anche se il menu è nascosto.

GRUB_HIDDEN_MENU_QUIET=true

Se impostata a true nessun conto alla rovescia sarà mostrato, lo schermo sarà vuoto.BRSe imposta a false sarà mostrato un conto alla rovescia per la durata del valore GRUB_HIDDEN_TIMEOUT.

GRUB_DISTRIBUTOR=`lsb_release -i -s 2> /dev/null || echo Debian`

Determina il nome descrittivo della voce del menu (Ubuntu, Xubuntu, Debian...).

GRUB_CMDLINE_LINUX

Se esiste, questa impostazione inserisce delle opzioni alla fine della linux (in Grub Legacy è la linea kernel) sia per il normale che per il recovery mode. Questa impostazione è simile a altoptions del vecchio menu.lst

GRUB_CMDLINE_LINUX_DEFAULT="quiet splash"

Il valore di questa impostazione viene inserito alla fine della linea linux (in Grub Legacy è la linea kernel) solo al modo normale. Questa impostazione è simile a defoptions del vecchio menu.lst.BRAd esempio, se si desidera solo schermo nero con i messaggi di boot, rimuovere il valore «quiet splash». Se si desidera uno splash screen con limitati messaggi sottostanti il logo di Ubuntu, inserire solo «splash» (Attenzione, l'impostazione «splash» non funziona in Ubuntu 9.10 «Karmic Koala», i messaggi saranno visualizzati solo durante lo spegnimento).

#GRUB_TERMINAL=console

Decommentare per disabilitare il terminale grafico (solo grub-pc).

#GRUB_DISABLE_LINUX_UUID=true

Decommentare per disablitare la gestione degli UUID da parte di Grub nei parametri del kernel.

GRUB_DISABLE_LINUX_RECOVERY=true

Non mostra i recovery mode nel menu di Grub.

GRUB_DISABLE_OS_PROBER=true

Abilita e disabilita un test sulle altre partizioni alla ricerca di altri sistemi operativi, inclusi Windows, Linux, OSX e Hurd

La cartella /etc/grub.d/

I file in questa cartella sono letti durante l'esecuzione del comando update-grub2. Gli script in questi file esportano le informazioni nel file /boot/grub/grub.cfg.

I file vengono lanciati in ordine sequenziale (i file con il nome che inizia con una cifra sono eseguiti per primi, seguono quelli il cui nome inizia con una lettera). L'ordine con cui sono eseguiti i file determina la posizione degli oggetti all'interno del menu di Grub.

Voci personalizzate possono essere aggiunte al file 40_custom o inserite in un nuovo file.

Immagine(Icone/Piccole/note.png,,center)

Ogni nuovo file creato deve essere reso eseguibile per garantirne l'inclusione in grub.cfg durante l'esecuzione del comando update-grub2.

Per rendere eseguibile il file, da riga di comando digitare:

sudo chmod u+x /etc/grub.d/nome-file

Sostituire la dicitura «nome-file» con il nome del file appena creato.

Segue una tabella esplicativa dei principali file di /etc/grub.d/.

Impostazione

Significato

00_header

Carica le impostazioni da /etc/default/grub, compresa la presentazione visiva, il conto alla rovescia e le opzioni del terminale

05_debian_theme

Imposta lo sfondo, il colore del testo e i temi

10_hurd

Localizza eventuali kernel Hurd

10_linux

Localizza i kernel basati sull'ID del distributore determinato dal risultato del comando lsb_release -is

20_memtest86+

Viene inclusa una voce di menu memtest86+ se il file /boot/memtest86+.bin esiste

30_os-prober

Va alla ricerca di altri sistemi operativi e li include nel menu di Grub

40_custom

Rappresenta un modello per aggiungere nuove voci al menu di Grub

Aggiungere voci al menu

Il file grub.cfg viene aggiornato quando vengono eseguiti i comandi update-grub o update-grub2. Per modificare grub.cfg si debbono utilizzare gli appositi script presenti nella cartella /etc/grub.d/, senza modificare direttamente il file stesso.

Immagine(Icone/Piccole/note.png,,center)

Il primo commento del file grub.cfg è «DO NOT EDIT THIS FILE». Il file risulta di fatti sempre in sola lettura e ritorna in questo stato ogni qual volta viene eseguito il comando update-grub.

Voci automatiche

<-- SONO RIPETUTE INFORMAZIONI GIÀ INSERITE PRIMA

  • When "update-grub" is executed, Grub 2 will read /etc/default/grub and the files in contained in the /etc/grub.d folder. This combination will set the visual parameters of the grub menu (/etc/default/grub) and search for linux kernels, other operating systems, and items designated in user-created scripts in /etc/grub.d. The script files in /etc/grub.d perform the following tasks:

    • 10_linux searches for installed linux kernels.

    • 30_os-prober searches for other operating systems.

    • 40_custom and any other user-created files in the /etc/grub.d folder add menu items designated in the script files created by users.

  • The name of the file determines the order in the menu. 30_os-prober entries will be placed before 40_custom entries, which will be placed before any higher-numbered entries.
  • Any user-created file must be made executable. This can be done as root by running

sudo chmod u+x /etc/grub.d/filename
  • FINE -->

Aggiungere voci

Gli utenti con i [:AmministrazioneSistema/Sudo:privilegi di amministrazione] possono creare script all'interno della cartella /etc/grub.d/ che saranno poi inclusi nel file grub.cfg quando il comando update-grub verrà lanciato.

Immagine(Icone/Piccole/note.png,,center)

I file appena creati dovrebbero avere il nome nel formato XX_nome, dove la dicitura «XX» corrisponde ad un numero. Si ricorda che l'ordine con il quale sono eseguiti i file è alfabetico crescente, i file il cui nome inizia con una cifra hanno priorità su quelli in cui il nome inizia con una lettera.

Il file deve essere eseguibile al fine di poterlo lanciare insieme agli altri script. Per rendere eseguibile il file, da riga di comando digitare:

sudo chmod u+x /etc/grub.d/nome-file

Sostituire la dicitura «nome-file» con il nome del file appena creato.

Segue un semplice esempio di aggiunta voce al menu di Grub. Questo file crea una voce per eseguire l'installazione di un CD di ripristino di sistema sulla partizione «sdb10» e aggiunge al menu un kernel personalizzato dalla partizione «sda1».

Immagine(Icone/Piccole/note.png,,center)

Il conteggio dei dispositivi parte da 0, ovvero sda è indicato come hd0, sdb è hd1 e così via. Il nome delle partizioni parte invece da 1, la prima partizione è indicata come sda1, la quinta partizione è sda5

echo "Adding Custom Kernel & SystemRescue" >&2
cat << EOF
menuentry "Ubuntu, linux 2.6.31-11-custom" {
        set root=(hd0,9)
        linux /boot/vmlinuz-2.6.31-11-custom root=UUID=c6829e27-2350-4e84-bdbb-91b83f018f98 ro 
        initrd /boot/initrd.img-2.6.28-11-generic
}

menuentry "Boot SystemRescue CD from hard drive" {
        set root=(hd1,10)
        linux   /sysrcd/rescuecd subdir=sysrcd setkmap=us
        initrd  /sysrcd/initram.igz
} 
EOF

Ai fini della modifica del menu, non è necessaria la riga:

"echo "Adding SystemRescueCD" >&2"

Essa sarà mostrata durante l'esecuzione del comando update-grub2. La comparsa della riga nel terminale indica l'avvenuta lettura ed esecuzione del nuovo script.

Se lo script è corretto saranno inserite le nuove voci nel menu di grub.cfg. Nessuna modifica in caso contrario.

Rimuovere voci

Le voci del menu dovrebbero essere rimosse modificando o rimuovendo i file presenti nella cartella /etc/grub.d. Il file grub.cfg è in sola lettura e non dovrebbe essere modificato direttamente.

  • Automatically.
    • Kernels removed by Synaptic will automatically update grub.cfg and no user action is required.

    • Other operating systems which have been removed from the computer will also be removed from the menu once "update-grub2" is run as root.

  • Manually.
    • To prevent a file in /etc/grub.d from adding items to the menu, remove the executable bit or remove the applicable file.

    • memtest86+: If you don't want to have memtest86+ displayed in your menu, run sudo chmod -x /etc/grub.d/20_memtest86+. The file will remain but will not be acted upon by update-grub.

    • Recovery mode: If you don't want Recovery mode entries for your linux kernels, edit /etc/default/grub and add this line:

      • GRUB_DISABLE_LINUX_RECOVERY=true
    • If a custom script in the /etc/grub.d/ folder contains multiple menu entries, individual items may be removed and others retained.

    • Tip: If the user wants his custom entries to appear at the top of the menu, the file can be named a value less than "10_linux", such as "07_custom". Check that the "DEFAULT" value in /etc/default/grub points to the correct menuentry after making this change.

    • Changes will not take effect on the Grub 2 menu until "update-grub" is run to update grub.cfg

Modifica manuale

  • Manual Editing of grub.cfg

    • If you must edit this file:

      sudo chmod +w /boot/grub/grub.cfg  # Remove 'read-only', necessary even for "root"
      sudo nano /boot/grub/grub.cfg      # Edit as "root"
    • Note: This file is returned to 'read-only' status and user inputs are overwritten anytime the "update-grub" command is run.

Theming

As of version 1.96 of GRUB 2, theme support is not enabled

The GRUB graphical menu supports themes that can customize the layout and appearance of the GRUB boot menu. The theme is configured through a plain text file that specifies the layout of the various GUI components (including the boot menu, timeout progress bar, and text messages) as well as the appearance using colors, fonts, and images.

Take a look at this thread on Grub 2 Themeing

Splash Images

This is Colin Bennett's Google Summer of Code project. The GRUB 2 graphical menu project aims to create a highly customizable graphical menu system for the GNU GRUB bootloader.

Great link here.

Background Colors/Image

Background colors and images are configured in a script located in /etc/grub.d/ if you look in there you will find a file called 05_debian_theme which is the default color scheme for GRUB 2. Now to create your own color scheme you have a few options, you can copy and edit the default 05_debian_theme or create your own script.

All the files in /etc/grub.d/ are run in order, so if you have 2 theme files, 05_debian_theme and 06_mytheme, the latter (06_mytheme) will be run last, which will be the background you see.

Copy/Edit Default Colors

  • Copy the default color theme

$ sudo cp /etc/grub.d/05_debian_theme /etc/grub.d/05_debian_theme.BACKUP
$ sudo nano /etc/grub.d/05_debian_theme
  • Now you can edit the file to your hearts content.

Create a new theme file

  • Create the new theme file

$ sudo nano /etc/grub.d/06_mytheme

  • Now you can put whatever you want in here

Commands

As GRUB 2 has been totally re-written, there are now some commands you might be used to in GRUB legacy that don't exist in GRUB 2. Take a look at the Grub 2 Command's List here.

SHIFT now allows you to interrupt 'sleep --interruptible', for consistency with the quick-boot scheme.

Recover Grub 2 via LiveCD

  • First, grab a copy of the latest Ubuntu LiveCD and boot it.

  • Open a terminal and type

$ sudo fdisk -l

  • Now, you need to remember which device listed is your linux distribution, for reference, /dev/sda1 will be used. Now we need to mount the filesystem to /mnt

$ sudo mount /dev/sda1 /mnt

  • If you have /boot on a separate partition, that need's to be mounted aswell. For reference, /dev/sda2 will be used.

$ sudo mount /dev/sda2 /mnt/boot Make sure you don't mix these up, pay attention to the output of FDISK

  • Now mount the rest of your devices

$ sudo mount --bind /dev /mnt/dev

  • Now chroot into your system

$ sudo chroot /mnt

You should be chroot'd into your system as root, you can now run commands as root, without the need for sudo.

  • Now you need to edit the /etc/default/grub file to fit your system

$ nano /etc/default/grub

  • When that is done you need to run update-grub to create the configuration file.

$ update-grub

  • To install GRUB 2 to the MBR, next you need to run grub-install /dev/sda

$ grub-install /dev/sda

  • If you encounter any errors, try grub-install --recheck /dev/sda

$ grub-install --recheck /dev/sda

  • Press Ctrl+D to exit out of the chroot.
  • Once you exit back to your regular console, undo all the mounting, first the /dev

$ sudo umount /mnt/dev

  • Now you can unmount the root system

$ sudo umount /mnt

  • And you should be free to restart your system right into GRUB 2 and then into your system installation.

Errors

Where did my Grub2 boot menu go!?!?!

According to an email that was sent out today Monday, August 10, 2009 with the newest Grub2 update, the boot menu is hidden by default now. It's easy to get it back, just edit /etc/default/grub and comment out GRUB_HIDDEN_TIMEOUT

$ sudo nano /etc/default/grub

Make your timeout line look like this...

#GRUB_HIDDEN_TIMEOUT=3
GRUB_TIMEOUT=XXX        <---Make sure you put in a timeout value here.

Save the file and exit, then run...

$ sudo update-grub

Dual-booting

Following this thread on the forums, users have seemed to come up with a Karmic work around for fixing your dual-boot problems...

$ sudo apt-get install --reinstall libdebian-installer4
$ sudo os-prober
$ sudo update-grub

--no-floppy

It seems after an update yesterday Monday June 22, 2009 that some users are experiencing a --no-floppy error. There is a simple workaround to this. Check out this thread

  • Edit your boot command with E

  • Remove all entries of --no-floppy

  • Boot into Ubuntu and backup your GRUB 2 configuration

$ sudo cp /etc/grub/grub.cfg /etc/grub/grub.cfg.backup

  • Then edit your configuration

$ sudo nano /etc/grub/grub.cfg

  • Delete all entries of --no-floppy

unkown command 'initrd'

This error came after upgrading from Jaunty 9.04 to Karmic 9.10 on June 23, 2009. The work around was to remove the search line from the boot line. Take a look here and notice the search --fs-uuid line and remove it.

  • Press E to edit your boot line

  • Remove the search --fs-uuid line completely

  • Press Ctrl-C to enter the GRUB command line

  • Type in insmod linux and press ENTER

  • Press ESC to go back

  • CTRL-X to boot

Once you get into your system you need to re-install grub to your device, mine was sda

  • sudo grub-install /dev/sda

This fixed the problem and now booting is back to normal.

sleep 'invalid number 0.1'

***Fix released June 24, 2009***

Floating sleeps was built in, but not configured in the newest version of busybox, here's the fix.

  • Add dupondje's PPA

deb http://ppa.launchpad.net/dupondje/ppa/ubuntu karmic main
deb-src http://ppa.launchpad.net/dupondje/ppa/ubuntu karmic main
  • Update & Upgrade

$ sudo apt-get update && sudo apt-get upgrade

  • Update initramfs

$ sudo update-initramfs -uk all

Error 11

After upgrading from GRUB Legacy

Error 11: Unrecognized device string...

  • press any key to continue
  • highlight "Chainload into GRUB 2"
  • press e
  • highlight "root xxxxxxxxxxxxxxxxxxxx"
  • press e
  • change "root xxxxxxxxxxxxxxxx" to "uuid xxxxxxxxxxxxxxxxxx"
  • press b to boot "uuid xxxxxxxxxxxxxxxxxxx"
  • load your kernel and press enter


CategoryNuoviDocumenti CategoryInTraduzione